"Non mettere il sari o ti uccido". Botte e tagli dal marito islamico

Per due anni l'islamico la pesta e la ferisce a sangue: "Se parli, ti ammazzo". Poi la donna reagisce e lo fa arrestare

Le passava il coltello sulle guance e con rabbia la minacciava. "Oggi ti ammazzo". Altre volte le premeva sul viso il cuscino fino quasi a farla soffocare. "Non devi parlare con nessuno", le intimava. Ma a farlo imbestialire più di tutto era quando la moglie indossava il "sari", l'abito che le donne bengalesi indossano per tradizione. E, quando la sorprendeva a farlo, la riempiva di botte fino a mandarla in ospedale. Questo incubo è durato anni, ma è stato interrotto ieri con la condanna a due anni e sette mesi di Rabiul Islam Mamum, 36 enne originario del Bangladesh e di fede islamica.

Come racconta il Messaggero, Rabiul Islam Mamum non voleva che la moglie indossasse il "sari". Preferiva piuttosto i jeans aderenti e le scarpe col tacco, come fanno le donne occidentali, piuttosto che lasciarle vestire l'abito tradizionale del Bangladesh. E così per almeno due anni l'ha riempita di botte e le ha fatto vivere un vero e proprio incubo trasformando la loro casa nella periferia romana in una sorta di carcere. I due abitavano a Torpignatara. Ogni sera la donna veniva pestata senza che potesse cambiare nulla. "Se parli con qualcuno - la minacciava Rabiul Islam Mamum - ti ammazzo". Il 26 giugno dell'anno scorso, poi, la situazione gli è sfuggita di mano. Tornato a casa dal lavoro, come ricostruito dal Messaggero, il 36enne bengalese butta la moglie sul letto e prova a soffocarla con un cuscino.

"Mi ha messo un cuscino in faccia - ha raccontato la donna in tribunale - voleva soffocarmi". Fortunatamente riesce a divincolarsi e a scappargli. "Oggi ti ammazzo", le urla il marito. Che, poi, afferra un coltello, e glielo punta in faccia. La taglia profondamente e la donna finisce in ospedale. È l'ennesima volta che la donna fa questa fine, ma quel giorno decide di denunciarlo e di affidarlo alla giustizia italiana. Le accuse sono pesantissime: maltrattamenti in famiglia, stalking e lesioni personali. Si becca due anni e sette mesi, un po' meno dei tre chiesti in Aula dal pm Filomena Angiumi.

Commenti

blackindustry

Mar, 20/06/2017 - 10:56

Solo due anni e sette mesi per averle rovinato la vita??? E' proprio vero che i musulmani non di toccano... Alle musulmane ci pensano le donne di sinistra...col loro silenzio.

Cheyenne

Mar, 20/06/2017 - 11:20

a parte le botte il marito aveva ragione. Se uno vive in un paese occidentale deve adeguarsi agli usi e costumi.

giuseppe61

Mar, 20/06/2017 - 11:22

"solo"due anni e sette mesi?ammesso li sconti tutti........fra meno di tre anni avremo una nuova vittima,dodici denuncie docet.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 20/06/2017 - 11:44

chi sono le toghe italiche per giudicare gli usi e tradizioni dei frateeli muslims???

Tergestinus.

Mar, 20/06/2017 - 11:53

Che l'abbinamento jeans stretti e tacchi alti dia 100 a 1 a qualsiasi palandrana orientale è un fatto incontrovertibile, ma da qui a imporlo con la violenza ce ne corre.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 20/06/2017 - 12:24

Ma le prefiche dell'Internazionale femminista non sono andate sul luogo del misfatto a piangere per il "lutto" prodotto a una loro "costola" della ideologia starnazzata dalla piazza all'Emiciclo?

VittorioMar

Mar, 20/06/2017 - 12:34

..DOVREBBERO ESSERE INSEGNAMENTI PER LA DONNE ITALIANE!!..SPOSARE UN ISLAMICO SIGNIFICA PERDERE TUTTI I DIRITTI!!...INFORMARSI PRIMA SU COSA DICE IL "CORANO" O L'INTERPRETAZIONE CHE IL MARITO DA' .....DOPO NON CHIEDANO AIUTO PER FIGLI O ALTRO !!...SIATE CONSAPEVOLI !!

il corsaro nero

Mar, 20/06/2017 - 12:43

Sto aspettando con ansia le dichiarazioni della Boldrini, della Kyenge, del Pampero argentino e delle tante anime sinistre che postano su questo giornale!

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 20/06/2017 - 13:23

certo che se integriamo questi qui.. cittadinanza accoglienza residenza facciamo un bel salto rispetto alla nostra evoluzione.-incamminandoci all'indietro riscopriremo come eravamo alcuni secoli fa, con il "piacere" di tornare ad essere e a vivere così.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 20/06/2017 - 13:27

Integrato perfettamente , ora prenderà la medaglia dai sapientoni di sinistra.

venco

Mar, 20/06/2017 - 16:13

Nel mondo islamico comanda il più forte e cattivo come nel regno animale.

Pinozzo

Mar, 20/06/2017 - 16:25

In effetti la Boldrini che esterna per ogni mancanza di rispetto dei diritti umani verso gli immigrati potrebbe spendere due parole per casi come questo.

onurb

Mar, 20/06/2017 - 16:25

In Italia non abbiamo le corti islamiche: non servono; c'è già la magistratura italiana che provvede a calibrare le condanne in funzione della religione di provenienza del reo. Ho in mente ciò che rischia un genitore italiano che viene colto a dare uno scapaccione al figlio disobbediente.

Divoll

Mar, 20/06/2017 - 17:24

C'e' la guerra in Bangladesh? NO. Che ci fanno queste "risorse" in Europa??

Lugar

Mar, 20/06/2017 - 17:57

La legge ricalca le usanze del popolo. Ora che leggi faranno se i cittadini sono islamici con usanze e costumi completamente diversi dalle nostre attuali leggi?