Non siamo un Paese di Corona

La guerra dei contanti. Il condono del governo fa esplodere il Pd: "Renzi aiuta gli evasori"

Un pasticcio dietro l'altro. Dopo la rottamazione-casino di Equitalia, ecco scoppiare la polemica sul possibile condono, con modica tassa, delle somme in contanti che gli italiani custodiscono lontano da occhi indiscreti. Già lo chiamano il «salva Corona», alludendo al nome del fotografo mascalzoncello che nascondeva un tesoretto di oltre un milione in una intercapedine della casa della segretaria. I più indignati sono i compagni di partito del premier che vedono cadere per mano amica, uno dopo l'altro, i capisaldi delle loro storiche battaglie politiche e moralistiche. Aiutare gli evasori per fare un po' di cassa e per guadagnare qualche consenso elettorale è roba che in altri tempi, e sotto altri governi, avrebbe scatenato una rivolta di piazza e mediatica. Ma non è questo il punto. I dubbi sulle sanatorie serpeggiano anche tra gli elettori del centrodestra, in generale tra chi le tasse le ha sempre pagate.

Catalogare però il condono sui contanti come «salva Corona» è un po' come vedere la pagliuzza e non la trave, che in questo caso è l'abnorme pressione fiscale cui sono sottoposti tutti i contribuenti. Dal punto di vista giuridico, tra il nero accumulato dal mascalzone Corona e quello frutto, per esempio, delle lezioni private fatte per arrotondare dai nostri insegnanti tra i meno pagati e più tartassati d'Europa non c'è alcuna differenza: sempre di soldi in nero e di evasione si tratta. Vogliamo dire che viviamo in un Paese di Corona? Non lo penso, non tutte le evasioni, così come non tutti i lavori o doppi lavori in nero, sono conseguenza di una logica criminale o truffaldina. A volte l'elusione è una necessità, una legittima difesa da uno Stato ingordo, spesso strozzino.

È giusto lasciare fuorilegge a vita milioni di brave persone che la necessità ha spinto oltre il confine delle regole pur di non dare alcun vantaggio alle poche migliaia di Corona che della illegalità hanno fatto uno stile di vita? È utile non recuperare al Pil qualche miliardo di euro per non sporcarsi le mani coi soldi dei mascalzoni? La risposta non è facile, ma io credo che no, non sia giusto, ma a un patto. E cioè che il sistema fiscale venga riformato profondamente per evitare che da qui a un anno ci si ritrovi nella stessa situazione. Perché gli onesti una volta accettano pure, per un bene superiore, di essere cornuti. Ma anche gabbati questo no.

Commenti

Tommaso_ve

Mer, 19/10/2016 - 15:17

Mi riferisco ai Kompagni di partito... poverinI... indignati (e solo sanno esserlo veramente) e acigliati per l'ennesima cosa di "destra" (sicut dixit Galli della Loggia) di Mattero. Salvo... salvo non ricordarsi che ad ogni provvedimento di votare contro per non perdere la poltrona. Come ci fosse il Nobel per la faccia tosta... ma non c'è!

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 19/10/2016 - 15:21

corona si comporta, ne piu ne meno, come si comporta la classe dirigente italiana ed è da ipocriti continuare a non riconoscere come le cose stiano andando di bene in peggio gestiti da incoscienti ed incapaci.

Ritratto di michageo

michageo

Mer, 19/10/2016 - 17:13

...avanti così, ci esproprieranno i conti correnti con la scusa e ed accusa del "non poteva non avere" 2345 Euro sotto il materasso. per cui può pagare il balzello sul contante presente nel salvadanaio del pargolo, dopo 20 anni di mancette risparmiate per il motorino......Penso che i tempi siano ormai maturi per qualcosa di grave con questa banda di "grassatori" che spende , spande e pretende sempre di più.... Io voto NO , e tu?

Mechwarrior

Gio, 20/10/2016 - 09:34

@mr michageo: pure io voterò no ma qualunque cosa si vota non cambierà nulla. @ il direttore: l'italia E' il paese dei Corona e dello stato (e dei suoimandarini) strozzino ed incapace.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 20/10/2016 - 10:35

Ovvio che tutti noi (ma anche gli altri, se avessero la testa sulle spalle) dovremmo votare NO. Purtroppo il pdc si è circondato di sgherri che, a loro volta, intessono rapporti con soggetti che hanno le mani in pasta pressoché ovunque e che gli consentiranno e garantiranno lunga vita e successi a piene mani. Sarà mai ristabilita la DEMOCRAZIA in Italia? Temo di no, anche perché il popolo, che dovrebbe essere il detentore del potere, non può fare un fico secco.

fabs.72

Gio, 20/10/2016 - 11:46

Definire uno che accumula 1.7 milioni di euro in una intercapedine della casa della segretaria, NON e' un mascanzoncello e nemmeno un Imprenditore. E' un ladro ed evasore. E se si vuole cambiare mentalita' in italia sarebbe meglio evitare di giustificare semrpe questi comportamenti

edo1969

Gio, 20/10/2016 - 12:30

michageo, Mechwarrior, dlux... il solito minestrone di luoghi comuni e banalità da bar dopo qualche grappino

edo1969

Gio, 20/10/2016 - 12:32

l'articolo di sallusti contiene l'inizio del messaggio-inciucio di berlusconi a renzi cui assisteremo sempre più nelle prossime settimane: "dai torniamo insieme nazzareno mio"

conviene

Gio, 20/10/2016 - 13:04

Sig. Sallusti, io al limite lo chiamerei il salva Berlusconi. Non credo che Corona, che ha tutto il mio disprezzo, abbia uno addetto a portare, con aereo capitali all'estero. Non so se questo avviene ancora .Ma sono certa che avveniva, .Questo signore e ha avuto la brillante idea di fregare un milione e come si può immaginare non è più tornato in Italia. Purtoppo per lui si è giocato tuto al casinò. Ora vive all'estero facendo il barista in un bar costruito da un bergamasco e dato a lui per pietà in concessine. Comunque sentendo le varie interviste il 99,9% è strafelice dell'abolizione di Equitalia.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 20/10/2016 - 14:07

edo1969 - Cos'hai contro il grappino? Già, dalle tue parti siete abituati alla vodka...

edo1969

Gio, 20/10/2016 - 18:23

dilux il problema è che ci sono stati 5 colpi di stato e i governi non eletti dal popolo e napolitano che si è allearo con sarkozy per far cadere berlusconi quindi votiamo no dai, tutti noi sinceri democratici di rete4 contro la truffa del combinato disposcito, ma ora consigli per gli acquifti

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 20/10/2016 - 18:39

ALLORA? Che cosa cambia della musica se questi sonatori ci fanno ballare di tasse sproporzionate. Ci tolgono l'aria e PERSINO LA LIBERTA' è VIGILATA. Facessero il condono edilizio invece di cercare sempre soldi e, forse, diremo che fanno un'opera buona; domani vedremo. Shalòm.

edo1969

Gio, 20/10/2016 - 19:28

Sallusti è portavoce di quei peones che in Italia sono maggioranza, allergici alle tasse, senza senso dello stato salvo poi lamentarne le carenze. L'elettorato del suo datore di lavoro insomma, a cui Renzi strizza l'occhiolino quando è in difficoltà. I "milioni di brave persone che la necessità spinge oltre le regole" non esistono, è ovvio. In compenso ci sono quelli che pagan le tasse fino all'ultimo cent che s'indignano