Non solo "Mr" e "Ms": in Inghilterra arriva "Mx", l'appellativo per i trans

L'Oxford Dictionary si prepara a inserire nella nuova edizione la dicitura "Mx", per non discriminare i transessuali con i tradizionali "Mister" o "Miss"

A scuola di inglese, una volta, si insegnava che gli appellativi per rivolgersi a persone sconosciute erano tre: "Mr" per gli uomini, "Mrs" per le donne e "Miss" per le donne non sposate. Da oggi dovrete aggiornare le vostre conoscenze, perché alla triade tradizionale si aggiunge un quarto elemento, "Mx", riservato alle persone transessuali.

Nel Regno Unito la nuova dizione verrà adottata sui documenti ufficiali, nella corrispondenza della Royal Mail, nei documenti governativi e dell'amministrazione pubblica, nelle pratiche di molte università. Tra i vari uffici ad adottare la nuova dicitura, il dipartimento delle Dogane, quello della Previdenza social e la Motorizzazione civile. Addirittura il celeberrimo e autorevolissimo Oxford Dictionary starebbe vagliando l'opportunità di inserire il nuovo lemma tra le proprie pagine.

Per la prestigiosa istituzione linguistica ha parlato l'assistant editor Johnatan Dent, che ha spiegato al Sunday Times come la modifica del dizionario risponda alle esigenze di una società in continuo mutamento, cui si deve adattare anche la lingua inglese. La pronuncia del nuovo titolo? Dovrebbe suonare pressapoco come "Mux".

Commenti

Rainulfo

Lun, 04/05/2015 - 12:28

quindi nei discorsi pubblici si dovrà dire per esempio.... le lavoratrici, i lavoratori e..... ?????

SanSilvioDaArcore

Lun, 04/05/2015 - 13:09

Rainulfo, è semplice. Se hanno il pendulo tra le gambe vanno chiamati al maschile, se ce l'avevano e si sono operati, anche. Non è che se un pazzo pensa di essere napoleone allora gli altri lo chiamano così...

plaunad

Lun, 04/05/2015 - 13:37

Non mi stupisce visto che é assodato come un quarto degli inglesi sia perlomeno bisex.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 04/05/2015 - 13:46

Aspettiamo la dovuta fatwa da parte di eminenti rappresentanti dei tribunali della sharia...

agosvac

Lun, 04/05/2015 - 14:33

Anche gli inglesi, come noi , hanno problemi linguistici. Da noi la signora boldrini vorrebbe cambiar la lingua italiana per i suoi scopi, nel regno unito, evidentemente, hanno altri problemi: visto che c'è un'enorme quantità di omosessuali, transgender ed altre amenità, cercano di cambiare la loro lingua per fare contenti tutti. Il problema non è, però, facilmente risolvibile. Infatti se un uomo vuole diventare donna, si fa tagliare quel coso ed impiantare una vagina fasulla che, di sicuro , non gli potrà mai dare il piacere che ne avrebbe una donna vera. Ma se fosse una donna a volere cambiare, allora ci sarebbero grossi problemi: la chirurgia attuale, infatti, non è in grado d'impiantare un pene fasullo in una donna!!! In pratica, un uomo che vorrebbe diventare donna non lo potrà mai diventare, ed una donna che volesse diventare uomo non potrà mai riuscirci!!!! E' la natura, ragazzi, solo la natura!!!!! Non sarebbe meglio accettare ciò che si è dalla nascita?????

celuk

Lun, 04/05/2015 - 15:00

la pazzia orai dilaga!

elalca

Lun, 04/05/2015 - 15:42

per me la Mazda li ha ingaggiati per fare pubblicità al suo modello.

steacanessa

Lun, 04/05/2015 - 15:54

Ma che belinoni integrali sono ormai diventati gli abitanti della gran Bretagna! Inglesi, purtroppo, ne sono rimasti pochi.