Il nonno orco violenta la nipotina di 16 anni: "Dai che ti è piaciuto…"

Le violenze sessuali a Bergamo, dove l'82enne ha abusato dell'adolescente la notte di Pasquetta: è stato messo ai domiciliari

Ha violentato la nipotina di 16 anni e una volta finita lo stupro le ha detto: "Ti è piaciuto? Dai che ti è piaciuto. Non piangere e non dire niente ai tuoi genitori, altrimenti mi arrestano…". L'orrore in provincia di Bergamo è stato commesso da un nonno di 82 anni ai danni di sua nipote adolescente, che è riuscita a farlo arrestare grazie alla registrazione audio dell'abuso effettuata tramite il cellulare.

La violenza sessuale la notte di Pasquetta, quando la teenager si è fermata a casa del nonno, vedovo. La 16enne è rimasta a dormire e una volta messasi a letto è stata raggiunta dal nonno che – come riportato da Bergamo News – ha iniziato ad accarezzarla e a palpeggiarla; infine, l'ha abusata fisicamente.

La giovane ha avuto la freddezza di schiacciare "rec" sullo smartphone, ottenendo una prova inconfutabile dellì’accaduto con tanto di frasi choc da parte del nonno. Nell'audio, di 60 minuti di durata, si sente appunto: "Ti è piaciuto? Dai che ti è piaciuto. Non piangere e on dire niente ai tuoi genitori altrimenti mi incastrano".

La vittima ha condiviso il "segreto" con la sorella maggiore, che ha fatto irruzione in quell'abitazione, portandola via. Il giorno seguente il racconto ai genitori e quindi l’immediata denuncia alle forze dell’ordine: il nonno-mostro è stato arrestato per violenza sessuale e attualmente è ai domiciliari.

Commenti

titina

Gio, 09/05/2019 - 17:24

'sto vecchio schifoso adesso non dica che è vecchio per stare in galera.

Giorgio5819

Gio, 09/05/2019 - 18:52

ai domiciliari ?? cos'é uno scherzo ??

Popi46

Gio, 09/05/2019 - 19:03

Chissà perché i maschi sono sempre e comunque convinti (forse a parole) di procurare di certo piacere con le loro prestazioni.....

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Gio, 09/05/2019 - 20:01

In Italia per colpa della sinistra i delinquenti hanno una sorta di "franchigia", cioè se sono incensurati alla prima condanna possono ottenere sconti di pena e/o misure alternative alla detenzione, se poi sono anziani comunque in prigione non ci finiscono mai come accadrà anche in questo caso qualora il vecchiaccio non crepi prima della condanna (di 1° grado o definitiva poco importa).