Norcia, la nonna rimane senza casa: un terremotato le dona la sua

Straordinario gesto di solidarietà a Norcia: una nonna rimane esclusa dalle estrazioni per le casette e un altro terremotato le cede la propria appena ottenuta

È una bella storia di solidarietà quella che arriva da Norcia. E precisamente dalla frazione di San Pellegrino, uno degli abitati più colpiti dal sisma del 24 agosto scorso.

Qui sono state assegnate ieri le prime casette per i terremotati: le strutture definitive che rimpiazzeranno roulottes, tende e camper. Attese con ansia e finalmente arrivate, ma non in numero sufficiente per tutti. Almeno non subito.

La consegna delle casette alle prime 18 famiglie è stata l'occasione però per una dimostrazione di generosità raccontata dal Messaggero. Fra gli abitanti di San Pellegrino rimasti senza casa e esclusi dalla lotteria che aveva assegnato le prime 18 abitazioni c'è anche la signora Cecilia Amici, di 85 anni. Una donna anziana, che sicuramente sopporta con difficoltà la sistemazione d'emergenza in cui è stata costretta finora.

Così il signor Bruno Biagini, un altro terremotato che aveva ottenuto in sorte una delle sospirate casette, si è generosamente offerto di cedere la propria abitazione alla nonna Cecilia. Un gesto encomiabile, che mostra la forza di una comunità che nella sciagura ha saputo riunirsi. Un gesto da cui Norcia può prendere spunto per ripartire.

Commenti

cgf

Lun, 20/02/2017 - 11:56

Non mi stupirei se ora la burocrazia toglierà la casetta a Cecilia, perché non ha titolo per abitarvici ed a Bruno perché ha di fatto rifiutato l'assegnazione.

Ritratto di giordano49

giordano49

Lun, 20/02/2017 - 12:33

" si è generosamente offerto di cedere la propria abitazione alla nonna Cecilia. ! COSI SI COMPORTA IL POPOLO ITALIANO...! anzichè il mondo della politica, che sistema gli immigrati negli Hotel (vitto e diaria economica compresi ) ! conteiners, roulotte, tende, PER GLI ITALIANI...! indegno !!!!