Nuove leggi sulla strada: sarà "vietato" sorpassare i ciclisti

Al Senato si sta studiando una modifica al codice della strada per multare chi non lascia 1,5 metri di distanza dalla bicicletta. Ma con le strade strette, sarà impossibile sorpassare

Per sorpassare i ciclisti per strada bisognerà dotarsi di un metro. E pure preciso. Perché nella comissione Trasporti della Camera è in discussione una modifica al codice della strada, articolo 149 comma 2. Ovvero quello che definisce le distanze di sicurezza tra i veicoli che circolano in strada.

Il deputato di Gal, Michelino Davico, e altri illustri colleghi stanno cercando di mettere in sicurezza la circolazione stradale dei ciclisti. Decisione nobile, nulla da dire. Ogni anno si contano 16mila feriti e 250 vittime tra i cicloamatori. Il problema è che l'idea di costringere gli automoilisti a superare le bibiclette lasciando almeno 1,5 metri di distanza laterale potrebbe diventare un tappo al traffico italiano. Già, perché basta vedere la larghezza delle strade su statali e carreggiate di montagna, quando a fatica si riesce a stare dentro le strisce, figuriamoci a sorpassare una bici con più di un metro di spazio laterale.

Cosa rischiano gli automobilisti, qualora la proposta dovesse diventare legge? Facile: da 163 a 651 euro di multa. Forse a questo punto sarebbe meglio rimanere in fila e aspettare che il ciclista finisca la sua corsa.

Commenti

ceppo

Dom, 23/07/2017 - 12:46

qualche politico andato in vacanza in paesi del nord europa ha pensato bene di portare vento nuovo nel paese del degrado, dove le strade fatiscenti, marciapiedi inesistenti, abitazioni che crollano solo a guardarle, automobilisti fuorilegge la fanno da padrone e vogliono portare il nuovo qui? hahahaha dite a quell'intelligentone che per arrivare a questo serve senso civico gia dalle elementari, strutture all'avanguardia e tempo per realizzarle senza che nessuno ci mangi sopra piu di quello che dovrebbe!!! praticamente impossibile da noi

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 23/07/2017 - 13:00

Classiche barzellette di un governo inutile che affronta tutte le stupidate per non risolvere le cose importanti.Avanti kompagni.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 23/07/2017 - 13:07

Mi sembra un'ottima "battaglia di civiltà". Così i "migranti" che viaggiano in autostrada in corsia di emergenza non potranno essere superati, un'altra proposta del Presidente della Camera dopo il video di Facebook, forse?

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 23/07/2017 - 13:14

La strada è di tutti e,stretta o non stretta,se la corsia opposta è libera io sorpasso:o devo stare dietro a questi rompiballe che se ne impossessano a 20 km orari?

agosvac

Dom, 23/07/2017 - 13:33

Questo dei ciclisti che imperversano su tutte le strade sta diventando un vero problema. Il codice dice che non potrebbero andare a "branco", dovrebbero procedere in fila indiana in modo da lasciare spazio alle auto o ad altri mezzi. Di solito se ne fregano altamente!!! Contro i ciclisti non ho niente, se a loro piace va bene così, ma dovrebbero loro per primi seguire le regole.

Fossil

Dom, 23/07/2017 - 13:33

Che si debbano rispettare i ciclisti non c'è dubbio, ma vorrei dire a questo premio Nobel per l'intelligenza che molti di costoro non si rendono visibili, non hanno il caschetto e viaggiano appaiati quando non sono in tre affiancati sulla carreggiata. Allora si faccua in modo cge anche i ciclisti rispettino alcune semplici regole. Per non parlare poi dei vitelloni che vanno in autostrada con cuffiette incluse e ci vanno di mezzo i poliziotti!

Ritratto di robergug

robergug

Dom, 23/07/2017 - 13:37

Ieri sera ho dovuto abbassare il vetro di destra ed urlare ad un ciclista ben vestito e su di una mountain bike (stando ovviamente ad un metro e mezzo da lui): METTI DELLE LUCI, PEZZO DI IDIOTA!

Divoll

Dom, 23/07/2017 - 13:54

Prosegue la dittatura delle minoranze scoccianti. Non si farebbe prima a proibire ai ciclisti di andare dove non ci siano piste ciclabili? Sono una vera dannazione e un pericolo per se stessi e gli altri, specialmente nelle grandi citta'. Chiedere agli automobilisti di calcolare a occhio 1,5 m. o di arrancare dietro di loro e' una grande ingiustizia verso la maggioranza delle persone in viaggio.

Robrik

Dom, 23/07/2017 - 13:58

Nelle strade strette dove i ciclisti provocano intralcio alla circolazione o grave pericolo per loro le biciclette non devono essere ammesse. Si creino percorsi sicuri e alternativi appositamente per loro.

Ritratto di karmine56

karmine56

Dom, 23/07/2017 - 14:03

Tutte le strade sono a doppia corsia...a parte le mulattiere.

sbrigati

Dom, 23/07/2017 - 14:16

I colpi di calore non risparmiano nessuno.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 23/07/2017 - 14:38

Gli incidenti accadono sia per l'imprudenza degli automobilisti che della dabbenaggine dei ciclisti ... tutto il resto è dietrologia.

Martinico

Dom, 23/07/2017 - 14:47

Gli automobilisti in Itaglia sono considerati dei bancomat. Tutto per estorcere e fare cassa. Lo stato dovrebbe adottare sistemi e strutture adeguate per i ciclisti. Bisognerebbe che gli autisti lasciassero le proprie auto nei garage.

Cesare46

Dom, 23/07/2017 - 14:59

Noi che usiamo auto e camion per lavorare, paghiamo anche una tassa di circolazione, i ciclidioti non pagano nessuna tassa di circolazione. Ma questi quando sono alla guida della loro auto s'incazzano terribilmente quando si trovano dietro a file di imbeciclisi molte volte in doppia fila. I nostri governanti non hanno altro da inventare, si occupano delle minoranze imbeciclistiche che intralciano la già difficile circolazione sulle strade.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Dom, 23/07/2017 - 15:05

Non credo che una proposta di onorevoli (???) di Gal (Grande Sud, Movimento per le Autonomie e Nuovo PSI.) provenienti sostanzialmente da F.I e dalla lega possa essere accolta dalla maggiornaza e si possa definir elegge. Vi da forse fastidio quello che si sta approvando sui telefonini, sulla marcia dei ciclisti no nin doppia fila ecc... come eravate e siete stati contrari all'omicidio stradale ed allora cercate di mettere in cattiva luce una legge, che tutti aspettano e che può salvare molte vite. Complimenti.

frabelli1

Dom, 23/07/2017 - 15:06

Ecco che gli idioti iniziano a parlare. Poi con quello che si vede sulla autostrade o tangenziali, dove vediamo ora ciclisti che marciano senza problemi, qualche dubbio mi viene. I ciclisti sono i peggiori utenti che incrociano le nostre strade. Sui marciapiedi - dove non possono andare - lasciando libere le piste ciclabili (costante parecchi soldi) attraversano col rosso, non guardano se sopraggiunge qualcuno, anche pedoni, ora anche dove non potrebbero. Questa è una follia provocata da un colpo di sole.

Carlo Ferrari

Dom, 23/07/2017 - 15:19

E' di tutta evidenza che i proponenti e i sostenitori della modifica dell'art. 149, 2° comma, del CdS, ignorano completamente lo stato di moltissime strade (una per tutte l'Aurelia), modifica che, se venisse introdotta, bloccherebbe completamente il traffico, in quanto la larghezza della strada e la presenza della linea continua centrale impedirebbe qualsiasi sorpasso.Sarebbe sufficiente infatti l'osservanza del codice da parte tutti, compresi, naturalmente, anche e soprattutto i ciclisti e che le forze dell'ordine fossero messe nella possibilità di controllare in modo adeguato la circolazione stradale.

Marcello.508

Dom, 23/07/2017 - 16:23

Sarebbe stato meglio proporre di aumentare le piste ciclabili concedendo fondi ai proprietari di strade non statali, invece di fare proposte sciocche come queste.

angelo1951

Dom, 23/07/2017 - 16:32

Vedo quotidianamente caterve di ciclisti, spesso di colore (nero), pedalare allegramente per la carreggiata con telefonino all'orecchio ignorando le adiacenti piste ciclabili. Il tutto nell'indifferenza dei vigili (pomposamente definiti polizia locale)sarà che sono pure loro ciclisti o che sanno di non poter estorcere un quattrino ai mantenuti del buonismo immigratorio. E' reato affermare che vi sono, e molte, proposte di legge cretine che tragicamente trovano tra i politicanti l'approvazione?

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Dom, 23/07/2017 - 16:42

i ciclisti sono i primi a non rispettare il codice della strada senza parlare poi delle gare ciclistiche che immancabilmente rompono le palle sulle statali bloccando il traffico per 4 rimbambiti sulla bicicletta

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 23/07/2017 - 16:52

mi pare che ancora una volta si vuol ostacolare chi LAVORA.. chi si sposta per lavoro, impedendogli di sorpassare chi usa le strade per passatempo o allenamento. la logica imporrebbe corsie separate. ma in Italia i fatti concreti mancano e prevale come sempre l'ideologia. che danneggia i giusti.

herman48

Dom, 23/07/2017 - 17:04

Una cagata pazzesca! Immagina un paio di dozzine o anche di centinaia, di automobilisti costretti ad andare a 10 kmh dietro una bici!

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 23/07/2017 - 17:08

chi è il cxxxxxxe che ha proposto questa legge?

titina

Dom, 23/07/2017 - 17:25

ma vietino ai ciclisti di passare per strada, si facciano un giretto nel cortile di casa.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 23/07/2017 - 17:42

Il solito politicastro da trapazzo che ha sscoperto l'acqua calda. In Francia, paese dove abito felicemente, si rispetta il ciclista ed é cosa normane dargli lo spazio di sicurezza pero', dovreste vedere le strade, in periferia, nelle campagne , le statali, le dipatimentali, tutt tenute come il salottto buono di casa. Ogni comune si occupa del proprio territorio ed é un piacere vedere l'ordine delle cose, un piacere vedere come é rispettato il territorio. Putroppo a Marsiglia , nel quartier Nord e alla Porte d'Italie, luogi ad alta inteensità multirazzziale, negri , arabi a quant''altro le cose non sono cosi', ma per il restto é bellissimo. S tratta solo di reintrodurre la materie EDUCAZIONE CIVICA, non politica.

steacanessa

Dom, 23/07/2017 - 17:43

I ciclisti sono per la gran parte indisciplinati. Non rispettano i semafori, se li rispettano si infilano in prima fila ed ostacolano la partenza degli altri mezzi e, soprattutto, non hanno indicatori luminosi. In percorsi collinari boscosi e con gallerie a meno che non siano di giallo vestiti è difficile vederli.

giolio

Dom, 23/07/2017 - 19:06

strisce gialle con divieto di sorpassarle ,altrimenti ritiro di patente .Semplice no!!!!

Ritratto di Roybean

Roybean

Dom, 23/07/2017 - 19:32

Politici e ciclisti, una faza una raza.

VittorioMar

Dom, 23/07/2017 - 20:02

...DOVREBBERO VIAGGIARE IN CONTRO SENSO E NON AFFIANCATI ..!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 23/07/2017 - 21:58

devo stare a debita distamza anche se a fianco c'è una pista ciclabile ed il ciclista preferisce circolare sulla strada?

pardinant

Dom, 23/07/2017 - 23:13

Si continua con le grida manzoniane. Purtroppo, sicuramente qualche sfortunato automobilista pagherà questo sicuro futuro balzello. Sicuramente lo approveranno, ormai chi si mette alla guida è come partecipare ad una enorme roulette russa. Per fortuna la pistola utilizzata ha un caricatore di migliaia di colpi e quindi c'è una buona possibilità di cavarcela, come i ciclisti sportivi di cui nessuna bici è dotata di luci, il cui possesso e uso è obbligatorio di notte e se attraversa una galleria e del campanello, questo sempre obbligatorio. Quanti verbali saranno stati fatti nel 2016 per queste infrazioni? Temo un numero estremamente limitato e molto prossimo allo zero.

orailgo38383838

Lun, 24/07/2017 - 07:12

per mbferno: impari ad avere il massimo rispetto per gli altri,anche per i ciclisti...che non sono rompiballe (come evidentemente è lei). Un saluto

Ritratto di DuduNakamura

DuduNakamura

Lun, 24/07/2017 - 08:36

Intanto i ciclisti devono usare mezzi omologati per la circolazione stradale. Quindi bici da corsa ecc... senza fari e rinfrangenti stessero a casa loro o le usassero in manifestazioni sportive con le apposite protezioni di scorta. Perchè nessuno multa i ciclisti che circolano con mezzi fuori norma? Nelle città invece i ciclisti li trovi ovunque ed hanno sempre ragione loro. In contromano, sui marciapiedi, attraversano sulle striscie pedonali, passano col rosso. Di questo non parla nessuno.

LupoSol

Lun, 24/07/2017 - 09:33

come dire? Le grandi priorità di questo paese! Buffoni.

falco41

Lun, 24/07/2017 - 09:34

Nuovo modo per fare cassa.

Giorgio Colomba

Lun, 24/07/2017 - 09:39

Hanno cambiato pusher a Montecitorio?

krgferr

Lun, 24/07/2017 - 10:15

Il tutto vale pure nei confronti delle risorse in velocipede sulle autostrade? Saluti. Piero

cgf

Lun, 24/07/2017 - 10:37

dovrebbero fare PRIMA come in Olanda, vere piste SOLO ciclabili che collegano anche città tra loro ed hanno percorsi diversi da quelli usati da veicoli a motore!! tra l'altro su quei percorsi le bici non possono circolare. In itaGlia spesso e volentieri si aumentano i km di piste ciclabili con una riga gialla dividendo in due un marciapiede di per se già stretto da non poter tenere due bici che s'incrociano.

Giorgio Rubiu

Lun, 24/07/2017 - 10:47

C'è una legge, mi pare di ricordare, che vieta ai ciclisti di girare appaiati e li costringerebbe a girare in "fila indiana". Moltissimi non lo fanno e non si rendono conto che due biciclette appaiate portano via tanto spazio, in larghezza, quanto un'automobile. Dobbiamo metterci dietro di loro e aspettare pazientemente che cambino strada?

umberto nordio

Lun, 24/07/2017 - 10:56

Una volta di più i nostri " legislatori" si dimostrano dei mentecatti.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 24/07/2017 - 11:30

@FRABELLI 1. Vero, il colpo di sole fa male! u Usa un cappello di paglia.

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 24/07/2017 - 11:36

07.24 – ciclisti – 08.17 Io lo faccio di già, con una eccezione, quando viaggiano in gruppo come se fossero alla fiera di paese. In quel caso vado per la mia strada e se qualcuno cade ... mi dispiacerà ma il male voluto non è mai troppo. Basta con l'arroganza dei ciclisti che con le due ruote credono aver comprato anche ogni diritto sulla strada. Questa é di tutti, non solo loro.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 24/07/2017 - 11:47

I ciclisti dovrebbero pagare il bollo!

honhil

Lun, 24/07/2017 - 12:26

Se sono i ciclisti che si vogliono giustamente salvaguardare, allora, sono loro che devono lasciare il passo, dopo che l’automezzo che arriva da dietro segnala di volerli sorpassare. Così nessuno mai potrà più essere arrotato e nello stesso tempo la circolazione su quelle strade inadeguate non verrà penalizzata. Altrimenti le code chilometriche che inevitabilmente si verrebbero a formare in quelle strade budello, innescherebbero lite a non finire, con relativi morti.

honhil

Lun, 24/07/2017 - 13:47

Se sono i ciclisti che si vogliono giustamente salvaguardare, allora, sono loro che devono lasciare il passo dopo che l’automezzo che arriva da dietro segnala di volerli sorpassare. Così nessuno mai potrà più essere arrotato e nello stesso tempo la circolazione su quelle strade inadeguate non verrà penalizzata. Altrimenti le code chilometriche che inevitabilmente si verrebbero a formare in quelle strade budello, innescherebbero lite a non finire, con relativi morti