Nuovo test anti droga fa "strage" di patenti

Così i nuovi precursori testano immediatamente le presenza di stupefacenti nella saliva

Il test anti droga continua a mietere vittime. La sperimentazione introdotta dal ministero sulle strade di 19 città italiane ha fatto una vera e propria strage di patenti. In particolar modo nel Padovano dove, nel fine settimana, la Polstrada ha controllato duecento persone pizzicando quattordici automobilisti, compresi tra i 20 e i 44 anni, tra cui due donne, a guidare sotto effetto di alcol e stupefacenti. Per la prima volta sono stato, infatti, usati precursori e kit diagnostici per stanare chi guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto delle droghe. "Dopo un periodo di sperimentazione - ha spiegato il direttore centrale delle specialità di Polizia, Roberto Sgalla - a settembre daremo i primi dati sull'uso di stupefacenti da parte dei conducenti e cominceremo a capire quale è l'entità del fenomeno nel nostro Paese".

I precursori, usati nella complessa operazione "battezzata" a fine maggio, sono strumenti all'avanguardia che consentono agli agenti di testare immediatamente le presenza di stupefacenti nella saliva in modo da chiarire, senza ombra di dubbio, se l'automobilista è sotto effetto di cocaina, eroina, cannabinoidi, oppiacei o anfetamine. Qualora la positività dovesse essere confermata anche da un secondo prelievo, gli agenti procederanno al ritiro della patente e scatteranno, ovviamente, le relative sanzioni. "Il nostro obiettivo - ha aggiunto Sgalla - è estendere questo protocollo sperimentale a livello nazionale. Abbiamo chiesto uno stanziamento di circa 2 milioni di euro al Dipartimento Politiche Antidroga per avviare un progetto triennale". La Polstrada continuerà ad effettuare i test sugli automobilisti per tutto il periodo di luglio e agosto. A settembre, poi, saranno tirate le somme dell'operazione per capire l’entità dell'uso di stupefacenti da parte degli automobilisti e valutare se estendere il progetto a livello nazionale.

Commenti
Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Mar, 23/06/2015 - 09:02

Questi kit diagnostici andrebbero utilizzati anche agli ingressi del Parlamento PER TESTARE CHIUNQUE ENTRI OD ESCA, NESSUNO ESCLUSO.

Tobi

Mar, 23/06/2015 - 09:10

ogni tanto arriva una buona notizia.

steacanessa

Mar, 23/06/2015 - 09:12

C'è poco da valutare. Basta osservare i comportamenti assassini di molti patentati per rendere operativi gli strumenti diagnostici. I pirati sono in aumento proprio perché sotto l'effetto di sostanze proibite.

epc

Mar, 23/06/2015 - 09:16

Beh, se e' cosi' facile e sicuro, perche' non facciamo qualche test anche ai politici prima di votare una legge o ai magistrati prima di emettere una sentenza? Cosi', a campione....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 23/06/2015 - 09:35

ecco i soldi dove li dovete trovare, non tassando le case. Se possono spendere in droga vuol dire che non piangono miseria.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 23/06/2015 - 10:26

Se questi non si fanno scrupolo di mettersi al volante obnubilati da alcool e droga, si preoccuperanno di essere senza patente? Senza deterrenti seri, non cambierà niente, test o non test. Sekhmet.

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Mar, 23/06/2015 - 10:33

I comportamenti di molti utenti della strada, compresi ciclisti e pedoni danno adito a sospetti che non abbiamo completa padronanza delle loro facoltà. Una volta a regime, il test dovrebbe venire esteso a chiunque, anche a piedi o in bicicletta per non parlare dei ciclomotoristi, da segni evidenti di comportamenti irrazionali e pericolosi nel circolare su strada.

epc

Mar, 23/06/2015 - 10:47

#sekhmet: infatti. Sono d'accordo. Ci si concentra su alcool e droga perche' non si e' in grado di prevenire e controllare adeguatamente una serie di comportamenti pericolosi da parte di un sacco di guidatori. L'esempio tipico e' la mancata distanza di sicurezza, che e' sicuramente una causa di incidenti ben maggiore che non la velocita'....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 23/06/2015 - 10:47

Da una parte si intensificano i controlli e le sanzioni. Dall'altra si vogliono legalizzare le canne. Siamo in pieno marasma alzheimeriano.

paolo b

Mar, 23/06/2015 - 10:57

il test anti droga dovrebbe essere obbligatorio per tutti quanti hanno la patente, dal momento che è possibile accertare la presenza di sostanze dopanti anche dopo diversi mesi, in caso di positività verrà sospesa la patente per un periodo X e se successivamente la positività sara reiterata la parente verrà revocata. il costo dell' esame dovrà essere a carico del patentato con una tariffa di pochi euro dal momento che sarà obbligatorio per tutti, ed essendo un esame molto rapido non creerà problemi a nessuno.

giovauriem

Mar, 23/06/2015 - 11:46

e i buoni di sinistra che diranno della privacy violata dei drogati e alcolisti , che sono il meglio del loro elettorato di sempre ? ai comunisti servono i vivi(anche se tossici) i morti non votano e a loro non interessano .

Piripacchio

Mar, 23/06/2015 - 11:58

Mi associo al fatto che il test dovrebbe essere esteso anche a campione a tutti gli utenti stradali, compresi motociclisti, ciclomotoristi, ma soprattutto ai conducenti di mezzi pubblici che hanno in mano la incolumità di decine di persone. Sono contrario ovviamente alla legalizzazione delle droghe "leggere" però questo non dovrebbe avere attinenza col fatto di mettersi alla guida. Se sei sotto effetto di droghe, alcool, ecc. devi essere comunque perseguibile.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mar, 23/06/2015 - 11:57

...E' senza dubbio un ottimo e valido sistema per combattere il fenomeno della guida in stato psicofisico alterato e perciò pericoloso; Sono convinto che difficilmente il provvedimento andrà in porto perché ad opporsi per primo saranno i "pesci" grossi, per proteggere i figli.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Mar, 23/06/2015 - 12:08

@Menphis35 ... anche l'alcool è legale: ciò non significa che si è autorizzati a guidare sotto i suoi effetti.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 23/06/2015 - 12:46

Ottimo. Speriamo che diminuisca sensibilmente il numero di drogati alla guida.