O li fermate o siete complici

A Bruno Vespa, che lo ha intervistato per il solito libro strenna di Natale, il braccio destro di Salvini, Giancarlo Giorgetti, la verità l'ha detta: questo reddito di cittadinanza fortemente voluto dai Cinquestelle è un vero casino e non è detto che potrà vedere la luce.

Giorgetti non ne fa una questione politica, ma tecnica. Ancora oggi, con la Finanziaria in corso di voto, non si sa chi avrà diritto al sussidio, come sarà erogato e a che condizione, chi dovrà controllare e via dicendo. In altre parole i Cinquestelle, sulla loro promessa regina, sono in alto mare e per di più in stato confusionale. L'unica certezza è che rischiamo di buttare al vento tra i sei e i nove miliardi, tanto è il costo del solo avvio della procedura. Di Maio e Conte non si rassegnano all'evidenza e spingono per staccare il primo assegno entro aprile, mese fatidico che precede le elezioni europee. In altre parole i Cinquestelle vogliono fare pagare a tutti gli italiani la loro campagna elettorale, comperare il voto di chi preferisce l'assistenza al lavoro.

C'è un solo modo per evitare tanto inutile e ingiusto spreco di soldi pubblici: bloccare il reddito di cittadinanza o comunque non farlo partire prima che si sia trovato un sistema che garantisca un minimo di equità e trasparenza dell'erogazione. E questo può farlo solo la Lega, che in questo caso non può nascondersi dietro il «rispetto del contratto di governo».

Se il contratto contiene una truffa va fermato, altrimenti non si è alleati ma complici di un reato grave quale è lo sperpero di soldi nostri.

Quello «confessato» da Giorgetti a Vespa è più di un sospetto, le sue parole non lasciano dubbi: la Lega è conscia che il governo di cui fa parte vuole varare un provvedimento che, soprattutto così come è, non può stare in piedi. Ne tragga le conseguenze con lealtà verso il suo elettorato - che per un partito è l'unica lealtà che conti - e non potrà che aumentare il suo già notevole consenso. Ogni euro buttato in un reddito assistenziale pasticciato e demagogico è un euro sottratto ai lavoratori, ai piccoli imprenditori e ai pensionati. Il consiglio non richiesto a Salvini è di non lasciare le impronte digitali su una simile follia. Se lo farà, non ci sarà prescrizione che potrà riabilitarlo.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 03/11/2018 - 19:05

Scusi Direttore e quando Berlusconi in tv si diceva d'accordo con il reddito di cittadidanza dei 5 Stelle e per andare oltre e promise nel Novembre 2017 , ecco le testuali parole :“1000 euro al mese di pensione, per tredici mensilità, per tutti gli anziani” ?

Ggerardo

Sab, 03/11/2018 - 19:13

Ma Sallusti ancora crede in Salvini ? Possibile che sia cosi' ingenuo ?

HARIES

Sab, 03/11/2018 - 19:36

Non sono complici, sono coalizzati. Il Governo è fatto da Lega e 5stelle, quindi avanti tutta! Se FI e FDI vogliono partecipare e collaborare seriamente, allora la smettano di remare contro. Altrimenti faranno la fine del PD & Co.

napolitame

Sab, 03/11/2018 - 19:51

cioe' le promesse non vanno rispettate. stile berlupiddi insomma.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 03/11/2018 - 20:00

Ha ragione Giorgetti.

napolitame

Sab, 03/11/2018 - 20:36

fermate il berlupiddi piuttosto!

rokko

Sab, 03/11/2018 - 20:45

Tutto giusto, direttore. Tuttavia, lo stesso discorso vale pari pari per quota 100. Se si abbandonassero queste due misure idiote, la finanziaria potrebbe perfino essere fatta bene.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 03/11/2018 - 21:03

Concordo pienamente; Berlusconi li aveva avvertiti di non mettersi con i grillini ma loro hanno tirato dritto; ora si devono smarcare ne va di mezzo il Paese intero; basti vedere il decreto Genova che è un caos addirittura. Shalòm.

MASSIMOFIRENZE63

Sab, 03/11/2018 - 21:18

Giusto. Adesso la Lega deve staccare la spina al M5S oppure siamo rovinati. Forza Giorgetti sostituisciti a Salvini e riporta la Lega nel centrodestra.

Ritratto di Rames

Rames

Sab, 03/11/2018 - 21:21

Matteo lasciatelo in pace perchè è dei nostri...Gli altri...Dilettanti allo sbaraglio.Un pericolo sicuramente ,ma, lasciamoli fare, questo per quelli che li hanno votati.

basterebbeunpod...

Sab, 03/11/2018 - 21:41

Gent Direttore concordo con lei... ma sinceramente ritengo che il presunto superamento della legge Fornero, quota cento. Sia un provvedimento anche peggiore del reddito di cittadinanza. Ha un costo di circa 7 miliardi per le casse dello stato nel primo anno, sulle spalle delle giovani generazioni per ripristinare un assurdo economico e sociale. Fare andare in pensione 4/500 mila italiani anticipatamente scassando ancora maggiormente il sistema previdenziale che è già sbilanciato e viene sostenuto con 80/100 Miliardi all'anno dai contribuenti. Il tutto con l'illusione che gli anziani siano sostituiti dai giovani... e salvini dice di operare per il bene dei giovani e dei suoi figli o è incompetente o in malafede..

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Sab, 03/11/2018 - 21:46

Piu' bianco il latte.

kobler

Sab, 03/11/2018 - 22:07

"questo reddito di cittadinanza fortemente voluto dai Cinquestelle" E come mai dal 2007 il M5S lo chiedeva? lei che scrive tanto lo sa che quel famoso reddito d'inclusione lo hanno dato preferenzialmnente a chi sapevano che era iscritto al PD? Non è un Partito Delinquente quello che copia e si intesta l'azione?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 03/11/2018 - 22:15

Ha ragione Giorgetti

maria angela gobbi

Sab, 03/11/2018 - 23:39

Sistemi per sostenere i disoccupati incolpevoli(non i poltroni) esistono in molti paesi seri,non si può copiarli o comunque ispirarsi a quelli?

maria angela gobbi

Sab, 03/11/2018 - 23:43

con detassazione di imprese che assumano,con incentivi di vario genere (meno burocrazia!!)per coloro che hanno ingegno e voglia di "intraprendere",con lotta feroce a mafie varie,i veri disoccupati senza colpa sparirebbero e resterebbero solo i poltroni volontari.

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 04/11/2018 - 02:16

Concordo con Rokko alle 20:45. Sono due le cose da eliminare. Potrebbero mettersi d'accordo: uno rinuncia al Redditto di cittadinanza (che poi verrebbe regalato anche a chi non c'entra con la cittadinanza, cioè a centinaia di migliaia di extra communitari e ROM) e, l'altro, per controbilanciare, rinuncia alla quota 100 (che poi non sono tanto sicura che Salvini ci tenga, ma che la sostenga come merce di scambio).

VittorioMar

Dom, 04/11/2018 - 08:23

..in POLITICA non ci sono COMPLICI...solo scelte di INTERESSE NAZIONALE !!..è dal 2011 che abbiamo GOVERNI DI UNITA' NAZIONALE !!..qualcuno vorrebbe una riedizione del Governo DINI ??...il Governo si regge su vincoli di CONTRATTO basato su solide percentuali di CONSENSI(AL MOMENTO)...poi !!

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 04/11/2018 - 08:34

E no. Caro Maximilien1791 - Qui si parla di dare soldi a chi non ha voglia di lavorare. Berlusconi voleva aumentare le pensioni minime a € 1.000, si parla di persone anziane non di sfaccendati nullafacenti pelandroni ecc.ecc.

5stardust

Dom, 04/11/2018 - 08:42

mantenere chi non lavora quindi non paga tasse e non versa contributi costa tantissimo , ho visto trasmissioni dove povera gente vive con una pensione di invalidità ma non dicono che purtroppo fino a che hanno potuto sono stati sfruttati col lavoro in nero e adesso che non possono più lavorare fanno la fame . i comuni o gli assistenti sociali conoscono o dovrebbero conoscere le situazioni gravi del loro territorio e loro dovrebbero avere il potere e le risorse per intervenire non un bancomat dato a tutti fancazzisti e non con l'impossibilità di controllare. l'Italia ha bisogno di forze e risorse per stroncare il lavoro in nero e l'evasione fiscale. Con 7 mld di euro anno si assumono tantissimi giovani che possono fare questo lavoro recuperando miliardi

forzanoi

Dom, 04/11/2018 - 09:10

sono solo demagoghi e buggeratori .Ma se bisogna rispettare il (sic!) famigerato contratto alla lettera come dicono questi qua , allora le pensioni d'oro sono da 5000 in su e non 4500. Non vale tutto solo per il reddito. E poi questo reddito perchè darlo a chi non fa niente? Che facciano assumere costoro da qualche impresa dove potranno lavorare, rendere e percepire poi il reddito sussidiario dello stato così le imprese avranno produttività a costo zero! Troppo comodo stare in poltrona e non far nulla!

INGVDI

Dom, 04/11/2018 - 10:31

Salvini è meglio che stacchi la spina prima che i suoi elettori si accorgano del tradimento, altrimenti gli stessi staccheranno la spina a lui.

INGVDI

Dom, 04/11/2018 - 11:33

Perché la situazione cambi e cambi in meglio (non con il governo del cambiamento che come si vede è un governo disastroso) è necessario che il popolo di centrodestra, ma anche il popolo del non voto, prendano coscienza della situazione e facciano TUTTI pressione affinché Salvini divorzi da Di Maio e dai cinque stelle, prima del disastro totale.

greg

Dom, 04/11/2018 - 11:41

Ho la netta impressione che questo "CONTRATTO" DI GOVERNO" sia diventato ciò che il Corano è per i musulmani: se c'è il CONTRATTO non serve altro, sul CONTRATTO è previsto tutto, sul CONTRATTO c'è la soluzione ad ogni problema, il CONTRATTO è stato scritto, soprattutto dall'imam Di Maio, anche per sostituirsi alla politica tradizionale, per quanto corrotta, perchè il CONTRATTO è la SUMMA TEOLOGICA della politica, così come discende dall'alto del pensiero politico del capo M5S e dalla piattaforma Russeau, il CONTRATTO ti dice come devi mangiare, vivere, respirare, come fare figli e quando, se ne hai bisogno, devi andare in bagno per i tuoi bisogni. E ho l'impressione che Salvini, su questo CONTRATTO (CHE LUI DEFINISCE SACRO!!!......) si stia anche rincoglionendo.....

Cheyenne

Dom, 04/11/2018 - 12:34

Si doveva iniziare da poche cose ma fatte bene: immigrazione, riforma della cosiddetta giustizia, della sicurezza e della legittima difesa,flat tax e riduzione del cuneo fiscale e già ne avevamo per l'intera legislatura

ohibò44

Dom, 04/11/2018 - 12:47

Certo, infatti solo gli autorevoli opinionisti, analizzando il voto, non avevano capito che il trionfo dei pentastellati era dovuto ai voti dei parassiti che non hanno voglia di lavorare: e in Italia sono tanti, proprio tanti.

kobler

Dom, 04/11/2018 - 13:44

Forse il dott Sallusti non vuole capire che la gente preferisce chi può sbagliare, ma in buona fede, anziché chi sbaglia sapendo di farlo perché poi avrà riscontri on€ro$i a proprio vantaggio! Per quasi 70 anni hanno rubato e ora che c'è chi vuole mettere a posto ecco che arrivano le voci contrarie perché per tanto hanno mangiato a sbafo e ora non potranno più farlo! Comoda la vita a vendersi il deretano degli altri!!!

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 04/11/2018 - 13:46

Direttore, che ne pensa della frase "Lasciamolo lavorare" (riferita a Salvini, naturalmente)? Lei sa benissimo che, fino ad ora, non ne ha sbagliata una, neanche mezza. Le considerazioni, quali che esse siano, sarebbe meglio farle alla fine. Quindi, né sopravvalutazione, né, tantomeno, sottovalutazione. Quanto poi alle opposizioni, se si considerano i danni da loro commessi nei confronti dei risparmiatori e e degli italiani in genere, non solo sarebbe opportuno che tacessero, ma una apposita commissione di inchiesta dovrebbe chiarire se ricorrono i presupposti per una accusa di alto tradimento nei loro confronti. Tra l'altro, dando uno sguardo agli ultimi sondaggi, saltano all'occhio le percentuali accreditate a FI e PD: sempre troppo alte...

FlorianGayer

Dom, 04/11/2018 - 15:22

Certo, il reddito di cittadinanza è un'idiozia, il governo dovrebbe cadere per questo. E che cosa è il no TAV? Eppure è nel contratto di governo. E che dire della ricostruzione di ponte Morandi, da affidare senza esitazione a Fincantieri, che non può fare opere del genere? E che dire della riforma della prescrizione? Faccio un'osservazione a riguardo: Gigi viene condannato in primo grado, così non c'è più la prescrizione, si procede con il secondo grado, intanto al terzo grado risulta che il colpevole è Tony, ma Tony non è stato condannato in primo grado, e quindi per lui il reato è prescritto. GENIALE! Eppure il governo va avanti coeso, come "una testuggine romana". NON SPERI IN SALVINI

gedeone@libero.it

Dom, 04/11/2018 - 15:27

Giorgetti ha ragione ed è per questo che Di Maio lo odia.

Ritratto di onollov35

onollov35

Dom, 04/11/2018 - 18:37

Se si regalano euro a chi non ha la volontà di lavorare,rimarrà sempre senza lavoro.Piuttosto,evitiamo di fare espatriare le nostre ditte a l'Estero in quanto, pagano troppe tasse.Se abbiamo pochi soldi,si cambi la Costituzione per avere solamente trecento Deputati e cento Senatori per governare l'Italia.Il nostro debito pubblico, andrebbe a zero.E'la politica con i troppi Partiti che mette in ginocchio il Paese.