Gli Occhi della guerra vincono il "premio Biagio Agnes"

Il premio Nuove Frontiere del giornalismo all'ad de ilGiornale.it Andrea Pontini per la creazione della piattaforma di crowdfunding

Ancora un riconoscimento per gli Occhi della guerra. Dopo il recente successo al World Press Photo, dove il nostro fotografo Marco Gualazzini è tra i finalisti del più prestigioso premio fotografico con il reportage realizzato in Ciad grazie ai lettori de ilGiornale.it, arriva un'altra grande soddisfazione. Infatti, sono stati svelati i vincitori del "Premio Biagio Agnes" 2019, dedicato alla memoria di uno dei più autorevoli direttori Generali della Rai. Il Premio Nuove Frontiere del Giornalismo è stato assegnato ad Andrea Pontini, amministratore delegato de ilGiornale.it, per la creazione della piattaforma di crowdfunding per i reportage di guerra Gli Occhi della Guerra. L'ennesimo riconoscimento del successo di un'iniziativa il cui merito va diviso e condiviso con tutti i nostri lettori che hanno sposato il progetto sin dall'inizio e che hanno creduto in noi e continuano a farlo ogni giorno.

La cerimonia di consegna del premio è fissata per sabato 22 giugno a Sorrento, nell'incantevole cornice di Marina Grande. I premiati del 2019, oltre ad Andrea Pontini, sono: Martin Baron, direttore del Washington Post (Premio Internazionale); Lina Palmerini, Il Sole 24 Ore (Premio per la Carta Stampata); Gianni Santucci, Corriere della Sera (Premio Miglior Cronista); Andrea Bassi, Il Messaggero (Premio Giornalista d'Inchiesta); Antonio Megalizzi (alla memoria), reporter appassionato d'Europa rimasto vittima dell'attentato terroristico di Strasburgo lo scorso dicembre 2018, e Giovanna Pancheri, corrispondente da New York di Sky TG24 (Premio Giornalista per l'Europa); Lucia Goracci, corrispondente Rai (Premio per la Televisione); Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, autori e conduttori de I Lunatici di Rai Radio 2 (Premio per la Radio). Il Premio Giornalista Scrittore è andato invece, per la saggistica, a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2, e autore di numerosi saggi; per la narrativa, a Giovanni Grasso, per il libro Il caso Kaufmann. Il Premio Giornalismo Sportivo, è stato assegnato al direttore Andrea Monti de 'La Gazzetta dello Sport', nell'anno del decennale della scomparsa del suo mitico direttore Candido Cannavò, ricordandone la passione e lo stile unico e indimenticabile. Un premio particolarmente significativo è andato a due grandi storie del giornalismo italiano: i 140 anni del quotidiano romano Il Messaggero e i 90 anni della rivista Domus. Il Premio Under 35 è andato a Francesco Maesano del Tg1. Mentre il Premio Cinema e Fiction a Serena Rossi, per l'interpretazione e il record di ascolti del film "Io sono Mia", andato in onda in prima serata su Rai1.

"Dare oggi un riconoscimento all'informazione e alla comunicazione - afferma Simona Agnes, presidente della Fondazione Biagio Agnes - vuole essere un modo per affermare con forza quanto sia necessario tutelare e onorare il lavoro di chi racconta la realtà ad ogni costo, difendendo la verità. Un giornalismo di fonti e notizie. Ciò significa schierarsi fermamente a favore di principi fondamentali contro una minaccia subdola e pericolosa: le fake news. La Fondazione Biagio Agnes continua a lavorare in questa direzione, premiando le eccellenze, coinvolgendo esperti alle sue iniziative e affidandosi alla conoscenza, unica via per essere liberi e comprendere ciò che abbiamo intorno".

La giuria del Premio Biagio Agnes è composta da: Gianni Letta (Presidente), Giulio Anselmi, Virman Cusenza, Stefano Folli, Luciano Fontana, Paolo Garimberti, Guido Gentili, Roberto Gervaso, Giampiero Gramaglia, Paolo Liguori, Pierluigi Magnaschi, Antonella Mansi, Giuseppe Marra, Antonio Martusciello, Antonio Polito, Marcello Sorgi, Fabio Tamburini, Mons. Dario Edoardo Viganò e di diritto l'amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini e i Presidenti dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti Carlo Verna e della Regione Campania Vincenzo De Luca. Il Presidente Onorario del "Premio Biagio Agnes" è Marcello Foa, in qualità di Presidente della Rai.

Commenti

Luigi Farinelli

Ven, 22/02/2019 - 19:23

Credo sia un premio ben meritato: in nessun altro giornale online si riescono a leggere resoconti così completi anche nelle analisi tecniche dei fatti.

Luchy

Ven, 22/02/2019 - 19:43

Quanta INVIDIA ci sarà, in giro. Brava redazione ma soprattutto bravi giornalisti.