Olbia, alla festa col lanciafiamme per animare la serata: arrestato

Paura per la comparsa di colonne di fuoco nella zona della nuova Marina; arrestato il turista americano che imbracciava un lanciafiamme, col quale avrebbe voluto animare una festa

Ad Olbia va in scena la nuova frontiera dei festeggiamenti estremi, ovvero l’utilizzo di un bel lanciafiamme per illuminare la serata.

È quello che ha pensato bene di fare un turista americano di 30 anni, R.M.C., che fortunatamente non è riuscito nel suo intento, venendo arrestato dai Carabinieri prima di animare la festa a cui si stava recando al momento del fermo.

Le prime chiamate intimorite al 112 sono state effettuate da alcuni turisti presenti nella zona della nuova Marina, rimasti scioccati nel vedere sollevarsi tra le barche ormeggiate delle vere e proprie colonne di fuoco alte circa 2 metri.

Quando le forze dell’ordine sono sopraggiunte sul luogo, hanno trovato il giovane statunitense che camminava tranquillamente sulla banchina con l’arma in mano. Dopo aver effettuato delle prove col lanciafiamme per verificare che fosse tutto a posto, il turista si stava apprestando a raggiungere la festa di cui era l’animatore, utilizzando un mezzo pubblico. L’autista dell’autobus tuttavia, alla vista dell’arma (che negli Stati Uniti si può vendere liberamente, a differenza che nel nostro Paese), avrebbe tenuto chiuse le portine del veicolo impedendo al ragazzo di salire, prima di chiamare i soccorsi.

Il lanciafiamme è quindi stato sequestrato dai Carabinieri della Compagnia di Olbia, che hanno anche allertato l’Ambasciata; sono ovviamente scattate le manette per il turista americano.