Omicidio di Roma, gli inquirenti: "Coltellata al cuore non decisiva"

Terminata l'autopsia su Luca Varani. In assenza della coltellata al cuore, il giovane sarebbe morto in ogni caso per le numerose ferite riportate alla gola

Quella coltellata piantata nel cuore di Luca Varani potrebbe non essere stata la causa della morte. Anche se sul punto Manuel Foffo e Marco Prato, in carcere per l'omicidio del 23enne romano, si stanno accusando a vicenda, gli inquirenti, all'esito dell'autopsia, ritengono che quel fendente non sia stato decisivo a determinare il decesso. In assenza di quella coltellata, insomma, Varani sarebbe morto in ogni caso per le numerose ferite riportate alla gola.

Si incolpano l'uno con l'altro. Si rimpallano le responsabilità su chi ha inferto il colpo finale al cuore di Varani e sul ruolo svolto nel festino dell'orrore avvenuto in un appartamento nella periferia romana. L'interrogatorio di garanzia per Manuel Foffo e Marco Prato, i due arrestati per l'omicidio del ventitreenne di origine slava ha fornito agli inquirenti nuovi spunti e tasselli da collocare in un puzzle che sembra ancora lontano dall'essere completato. Ma è l'autopsia a delineare meglio il quadro degli eventi che hanno portato alla morte del giovane massacrato venerdì mattina scorso durante il party a base di alcol e cocaina. "Varani era senza scampo - trapela dalla procura di Roma - sarebbe comunque morto per le ferite e le sevizie subite".

Prima di arrivare a individuare una vittima e quindi di massacrare Varani, secondo gli inquirenti, Foffo e Prato avrebbero meditato di fare del male a "qualcuno" almeno per due giorni. Un proposito che, stando a quanto si apprende, i due amici non ancora trentenni, avrebbero covato a prescindere dalla droga che, per loro stessa ammissione, hanno consumato in dosi massicce per oltre qurantott'ore, fino al momento dell'assassinio del giovane Varani. Riguardo al criterio che Foffo e Prato avrebbero seguito per scegliere la vittima con la quale realizzare i loro intenti, l'ipotesi degli inquirenti è che siano rivolti ad un soggetto considerato in qualche misura "più debole".

Commenti
Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 10/03/2016 - 15:10

Ma a questi due gay verrà applicata l'aggravante dell'omofobia?

vince50

Gio, 10/03/2016 - 15:10

Quindi che a sferrato la coltellata è soltanto un ragazzaccio,speriamo se la cavi con poco non è stato poi cosi cattivo.

Libertà75

Gio, 10/03/2016 - 15:30

senza premeditazione e con semi infermità mentale, questi qua 2 non faranno più di 6 o 7 anni in un REMS

venco

Gio, 10/03/2016 - 16:03

Va a finire che il più criminale dei due verrà assolto,

Clericus

Gio, 10/03/2016 - 16:12

Beh casomai l'aggravante dell'"eterofobia".

Ritratto di mavi5247

mavi5247

Gio, 10/03/2016 - 17:18

visto che sono figli di gente benestante troveranno sicuramente giudici compiacenti,seminfermità mentale e arresti domiciliari....

un_infiltrato

Gio, 10/03/2016 - 17:59

E R G A S T O L O !!!

Anonimo (non verificato)

lorenzovan

Gio, 10/03/2016 - 18:07

ahhh loudness...invece quelli dell'acido erano al family day...lolololol

Ritratto di Trasibulo

Trasibulo

Gio, 10/03/2016 - 18:20

Questo rimpallo di responsabilità fra i due "ragazzi" rende se possibile ancora più squallida, disgustosa e abominevole questa vicenda. Per me la pena giusta sarebbe quella che circa 500 anni fa si applicava nei confronti di chi era ritenuto in combutta col Demonio, oppure reo di eresia o sodomia...non essendo attuabile mi auguro che trascorrano il resto della loro vita, fino all'ultimo secondo, in una cella. Temo, ahimé, che non sarà così...

Paul Bearer

Gio, 10/03/2016 - 18:20

Ma allora tutti questi gay sono proprio come noi etero!

CIGNOBIANCO03

Gio, 10/03/2016 - 19:11

Ringrazio il Signor Marcello FOA:per la lucidità espressa nel suo articolo.

istituto

Gio, 10/03/2016 - 19:40

Non faranno molta galera come non se l'è fatta Gabriele Paolini dentro per pochissimo tempo per gravissimi motivi (induzione e sfruttamento prostituzione minorile maschile ed altri ancora altrettanto pesanti) che già ieri sera appariva in tv dietro un avvocato a sky tg 24.

fisis

Gio, 10/03/2016 - 19:43

Devo ammettere che, di fronte a delitti così efferati, apparentemente gratuiti, senza senso se non la crudeltà fine a se stessa, qualsiasi spiegazione in chiave razionale - psichiatrica o psicoanalitica - vacilla.

Linucs

Gio, 10/03/2016 - 20:05

Abbatterli entrambi per dare un esempio.

angelal82

Ven, 11/03/2016 - 08:30

Va bene che viviamo al tempo del grande fratello (e scemenze varie), ma un giornale serio a questo punto dovrebbe capire che i dettagli precisi della vicenda non interessano più e che chiunque può accedere alla vostra pagina e leggere quello che pubblicate. Pensate davvero che sia un bene che tutti leggiamo queste cose? Ci sono menti molto molto deboli a cui non fa bene entrare in contatto con questo genere di letture. Pensateci e chiudete questo capitolo. Non abbassatevi solo per avere qualche visualizzazione in più o lettore in più!

Fjr

Ven, 11/03/2016 - 10:22

Angelal82, lo chiamano diritto di cronaca ma alla fine si riduce al solito voyeurismo, fra qualche giorno tutto andrà scemando come in altri casi, per poi riapparire come per il caso Stival, sociologi e psicologi sfrutteranno a loro favore, per qualche ospitata, il dramma di Varani, faranno le solite tavole rotonde, è tutto finirà na tarallucci e vino.

angelal82

Ven, 11/03/2016 - 12:08

Lo chiamano così? Non condivido questa cronaca allora.