"Ong mondo buono", "No serve prudenza". Vescovi e Santa Sede divisi sugli sbarchi

Roma Posizioni distanti e un dibattito aperto che non si ferma. Anche all'interno della Chiesa. Il tema dell'accoglienza ai migranti e il ruolo delle Ong continua a tenere banco, mostrando due facce, ben diverse, della stessa medaglia ecclesiastica. Da un lato c'è, ad esempio, il quotidiano della Santa Sede, L'Osservatore Romano, dall'altro quello dei vescovi italiani, Avvenire, ossia l'incrollabile diplomazia vaticana a confronto con le posizioni più schierate della Cei.

Entrambi i giornali, da tempo, trattano, infatti, la questione dei migranti, tanto cara a Papa Francesco, con sfumature, però, ben diverse. Più cauto il giornale vaticano sulla bontà di tutte le Ong, decisamente più «battagliero», in difesa delle organizzazioni non governative, quello dei vescovi. A colpi di commenti ed editoriali, infatti, i due quotidiani, anche nei mesi scorsi, hanno espresso posizioni ben diverse. Appena esploso il caso delle navi umanitarie e degli ipotetici contatti con gruppi di scafisti, ad esempio, il quotidiano della Cei, con un editoriale a firma del direttore Marco Tarquinio, si era schierato in difesa di queste organizzazioni che salvano i migranti in mare, e si era chiesto: «Quando finirà questo gioco al massacro della verità? Ong come coop non è una parolaccia, non è una sigla malavitosa. Qualche Ong fasulla c'è stata, qualcun'altra ci sarà, ma quello delle Ong è un mondo esigente e buono». Visione più internazionale (e linea editoriale) ben diversa quella dell'Osservatore Romano che con un articolo dal titolo «Sulla pelle dei migranti», parlava chiaramente di «sospette manipolazioni a fini economici e politici degli atti di salvataggio», ricordando che «la paura che venga meno lo sforzo generoso di molti per il salvataggio dei migranti non può portare a semplificare il problema negandone l'esistenza».

Qualche giorno fa, poi, mentre il quotidiano della Cei ha continuato a tenere la posizione in difesa delle Ong (ovviamente quelle non in contatto con i criminali), il giornale del Papa ha fatto un ulteriore passo in avanti: la storica Lucetta Scaraffia, in un editoriale ha invocato un «serio controllo delle modalità di arrivo» dei migranti, ribadendo che «le morti nei naufragi non si evitano solo con i salvataggi in mare, ma anche contrastando chi li fa partire in condizioni disumane e pericolose». Un chiaro riferimento alla questione della tratta degli esseri umani, di cui ha discusso anche Avvenire e di cui Bergoglio, negli ultimi tempi, sta iniziando a parlare sempre di più. È stato proprio il Papa, peraltro, a indicare una linea chiara sulla questione dei migranti, che non è più «accoglienza sempre e comunque» ma «accoglienza con prudenza». Lo aveva detto a Strasburgo e lo ha ribadito in un'intervista alla rivista milanese Scarp de tenis in cui Francesco ha chiarito: «Prudenza, cosa significa? Significa accogliere tutti coloro che si possono accogliere. E questo per quanto riguarda i numeri». Ma, ha proseguito il Pontefice, «è altrettanto importante una riflessione su come accogliere. Perché accogliere significa integrare. Questa è la cosa più difficile perché se i migranti non s'integrano, vengono ghettizzati».

Un cambio di posizione, ha sospettato qualcuno, del Papa e della Santa Sede sul tema migranti, notando anche le diverse posizioni di Avvenire e dell'Osservatore. Ma la linea è rimasta la stessa, sin dai tempi di Benedetto XVI: salvare, accogliere, internazionalizzare il problema e, infine, prevenire. Ossia: aiutare i migranti a casa loro. Di fronte alle reazioni dei Paesi europei verso l'emergenza migranti, con chiusure, muri, populismi, ecc., Francesco si è dovuto però adeguare ai nuovi scenari, parlando sì di accoglienza, ma aggiungendo che va fatta con buon senso. Usando la testa, insomma, e stando con gli occhi ben aperti.

Commenti

Massimo Bocci

Mar, 08/08/2017 - 08:52

ONG,buone??? Per rubare!!! Siamo al top (di gamma!!!) in assoluto,un testa a testa con le coop, difficile trovarne di più profittevoli!!!

istituto

Mar, 08/08/2017 - 08:56

Non esistono Ong "buone". Partecipano tutte al colossale MAGNA MAGNA grazie ai " migranti" dall'inizio alla fine.

rossini

Mar, 08/08/2017 - 09:06

Non esistono vescovi buoni e vescovi cattivi. Sono tutti nemici dell'Italia e degli Italiani. Cospirano tutti per l'invasione del nostro Paese e la distruzione della nostra civiltà. Evitiamo di finanziare la Chiesa di Bergoglio. Niente 8 per 1000 alla Chiesa Cattolica e niente 5 per 1000 alle ONG.

Holmert

Mar, 08/08/2017 - 09:08

Francesco si è adeguato, dice Fabio Ragona,estensore dell'articolo. Si vede che non ha capito ancora nulla del gesuita bolivarista, teologo della liberazione. Egli è un fondamentalista che vede le parole del Messia solo dal punto di vista sociale e le interpreta alla lettera. Mi vengono in mente le parole di un noto filosofo: "ecco se nel marxismo non ci fosse insito l'ateismo,sarebbe il comunismo la realizzazione del cristianesimo in terra". Con quali risultati lo vediamo: la fame e la tirannia. Guai ad applicare ideologie anche cattoliche ,senza farsi guidare da una illuminata ragione. E quello che sta succedendo in Italia con l'immigrazione africana è sotto gli occhi di tutti,impossibile continuare con l'accoglienza e la misericordia. Arriva il momento di dire basta,in tutte le cose. E questo è il momento. Il papa deve capirlo, altrimenti è peggio dei talebani.

VittorioMar

Mar, 08/08/2017 - 09:17

....UNA CHIESA CHE GUARDA AL "DIO" DENARO E' UNA CHIESA IN DECLINO....PREAGONICO !!!

Aprigliocchi

Mar, 08/08/2017 - 09:19

Come dice la Bibbia, satana si trasforma in angelo di luce, ovvero in apparenza puô fare cose buone !

TreeOfLife

Mar, 08/08/2017 - 09:23

ONG buon affare per arricchire Ior e interessi privati. Cristiani siate cristiani.

giovanni951

Mar, 08/08/2017 - 09:26

non ci sono ong buone....le ong sono affaristiche come tutti coloro che si danno da fare ( vedi certi albergatori) per dar loro accoglienza ed incassare 35€ a cranio. Solo che questi non si nascondono dietro motivi umanitari.

venco

Mar, 08/08/2017 - 09:28

Il clero vaticano è allineato alla mafia massonica mondiale guidata dalla finanza americana che punta a guerre e disastri mondiali per arricchirsi.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 08/08/2017 - 09:30

Salvare vite? Meglio dire subire il ricatto di persone che pagano dei delinquenti per farsi mettere nelle condizioni di essere salvate da faccendieri e venire a godere gratis del benessere che non sono capaci di procurarsi a casa loro. Poi dicono che il denaro non è importante!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 08/08/2017 - 09:31

Salvare vite? Meglio dire subire il ricatto di persone che pagano dei delinquenti per farsi mettere nelle condizioni di essere salvate da faccendieri e venire a godere gratis del benessere che non sono capaci di procurarsi lavorando a casa loro. Poi dicono che il denaro non è importante!

ArturoRollo

Mar, 08/08/2017 - 09:34

Non c'e' nessuna "politica differente" al Vaticano: e' lo stesso Cavallo che corre corse differenti. E' come (da congruita') tre ditte che gareggiano per un appalto ma il padrone e' lo stesso. Come donna che ama piu' la mano...di chi la tocca.

Marcello.508

Mar, 08/08/2017 - 09:47

Le Ong? Sotto sotto sono alla ricerca di pubblicità e soldi, qualcuna addirittura in combutta con scafisti. Non c'è limite al peggio.

tosco1

Mar, 08/08/2017 - 09:57

Che melassa questa chiesa. A forza di tenere gli occhi alzati al cielo, hanno perso di vista la terra, e soprattutto il mare. Bergoglio , come da rima, ha creato lo scompiglio, un disastro ,con il suo progetto eretico di una religione mondiale.Progetto diabolico di distruzione di civilta'. Certo, Papa non e'.

@ollel63

Mar, 08/08/2017 - 10:03

... ongisti, buonisti, papisti, comunisti, sinistrati ... tutti mangiano a quattro ganasce ... chi paga? Ovviamente tutti gli altri, i cosiddetti cattivi, poveri, ricchi o mezzo ricchi che siano ... i primi si fanno BELLI con il lavoro e i soldi degli altri ... Che mondo alla rovescia che è questo! I primi (quelli che si fanno chiamare buoni -sì, buoni a nulla, sinistrati e comunisti vari, incapaci di produrre alcunché-) son proprio come le sanguisughe ... come le piante parassite ... tutta gentaglia gentaglia che prospera derubando il sapere e il saper fare degli altri .... miserabile gentaglia, rifiuti dell'umanità

honhil

Mar, 08/08/2017 - 10:09

“Usando la testa, insomma, e stando con gli occhi ben aperti”. (?) Se sua Santità papa Francesco avesse usato di più la testa in passato, come il buonsenso dell’uomo della strada suggeriva, la situazione odierna sarebbe molto, ma molto diversa. E il Mediterraneo avrebbe ingoiato molta meno gente.

oracolodidelfo

Mar, 08/08/2017 - 10:11

Per chi ha voglia: leggete il capitolo 23 del Vangelo di Matteo. Sul fatto che il Cristo sia il figlio di Dio ho qualche dubbio, sul fatto che sia stato il migliore degli uomini...ho l'assoluta certezza. Infatti l'hanno crocefisso.

steluc

Mar, 08/08/2017 - 10:26

Qualcuno sostiene che i numeri hanno la testa dura su oltre 23000 parrocchie solo 600 accolgono . Detto questo.....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 08/08/2017 - 10:36

Evvai con il programma di progressiva chiusura delle chiese. Strutture oramai obsolete per l'inarrestabile desertificazione degli utenti.

mimmo1960

Mar, 08/08/2017 - 10:47

Ii Vaticano predica predica bene con i soldi degli altri, a loro il pane non manca mai, che li ospitassero loro nel Vaticano e nella Sede estiva del Papa a Rocca di Papa.

nopolcorrect

Mar, 08/08/2017 - 10:55

I cattolici praticanti in Italia sono ormai non più del 20% della popolazione e molti di loro si stanno allontanando dalla chiesa proprio per la sua demenziale politica sui migranti.

buri

Mar, 08/08/2017 - 11:46

i vescovi si occupino delle chiese sempre più vuote invece di mettere il naso negli affari delle stato italiano

oracolodidelfo

Mar, 08/08/2017 - 17:25

buri - i vescovi non hanno più tempo per riempire le chiese in quanto dedicano tutto il loro tempo ai comitati d'affari, salvo poche e lodevoli eccezioni.