Ordine di cattura per Raggio

Raggio deve rispondere del reato di frode nella sottrazione di tributi all’erario e sottrazione di beni pignorati

Il gip del tribunale di Chiavari, su richiesta del procuratore Francesco Cozzi, ha emesso un ordine di arresto per Maurizio Raggio, ex compagno della contessa Vacca Agusta. La notzia, anticipata da Oggi.it, è stata confermata all’ANSA dal procuratore Cozzi: "Maurizio Raggio è da considerarsi latitante".

Il playboy, nato 54 anni fa a Bologna ma “portofinese” doc che al termine di una lunga battaglia giudiziaria ereditò dalla contessa Francesca Vacca Agusta la splendida villa Altachiara di Portofino è il destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare. "Raggio deve rispondere del reato di frode nella sottrazione di tributi all’erario e sottrazione di beni pignorati", ha aggiunto il procuratore Cozzi. I beni in questione sarebbero, secondo quanto appreso, quelli ereditati dalla contessa Vacca Agusta. L’avvocato Pasquale Tonani, che assiste Raggio, presenterà domani ricorso al tribunale del Riesame contro il provvedimento.