Orlando, la polemica sui social network: "Euro2016 senza minuto di silenzio per vittime"

La strage di Orlando ha colpito il mondo intero. Eppure a Euro2016 nessuna nazionale scesa in campo ha osservato un minuto di silenzio

Euro2016 senza pietà. Cinquanta morti e altrettanti feriti non fanno clamore. E così nessuna nazionale impeganta nella manifestazione europea ha osservato un minuto di silenzio per le vittime di Orlando.

Euro2016 senza minuto di silenzio

Sei nazionali sono scese in campo. Tre match giocati e validi per Euro 2016: Spagna-Repubblica Ceca; Irlanda-Svezia e Belgio Italia. Ma nessun minuto di silenzio. Stessa cosa è accaduta nell partita Germania-Ucraina. Solo cori di festa e nessun pensiero per le vittime. Oltreoceano, l'America, colpita per l'ennesima volta dal terrorismo islamico, si stringe attorno ai caduti di quello che è stato definito il Bataclan americano.

Altre vite spezzate da un folle, un islamista radicalizzato che, come quella notte del 13 novembre 2015, ha imbracciato un fucile e ha sparato all'interno di un locale. In quella sera maledetta i morti furono 93, trucidati dal commando dell'Isis a Parigi. Questa volta, a Orlando, un solo uomo ha strappato la vita a cinquanta persone. Ma niente, l'America piange. E in Europa e ad Euro2016, nessuno si ferma. In campo le nazionali si schierano per gli inni, ma nessuno onora quegli uomini caduti per colpa di un'ideologia di morte.

A Euro2016, non è stato sprecato un minuto. In Copa America, tifosi e giocatori brasiliani e peruviani, prima della partita hanno osservato (giustamente, ndr) un minuto di silenzio. Stessa cosa è accaduta nei match della lega di Baseball. La polemica è stata sollevata da alcuni utenti di Facebook e Twitter che indiganti hanno sottolineato questa mancaza di stile all'Europeo di Francia.