Orrore a Milano: viene stuprata nella discoteca degli immigrati

Il blitz della polizia nel locale "Al Jazeera" di Sesto San Giovanni a Milano. La vittima ha raccontato di essere stata mandata via dal locale dove aveva subito uno stupro

Il locale è ben noto alle forze dell'ordine e in passato ha già creato alcuni problemi. Nella "discoteca per stranieri" chiamata "Al Jazeera", frequentata soprattutto da immigrati, nel 2016 scoppiò una violenta rissa che si concluse con due fratelli marocchini accoltellati. In quell'occasione, scrive MilanoToday, il "marito della titolare e un buttafuori" furono "arrestati con l'accusa di duplice tentato omicidio". E quando gli agenti si presentarono di fronte al bar per consegnare l'ordine di dissequestro, trovarono i sigilli imossi e la titolare all'interno intenta a preparare la festa di capodanno, Come se nulla fosse. E il disco-pub venne nuovamente chiuso.

Ma l'ultima notizia che arriva dal locale a Sesto San Giovanni parla di una violenza sessuale. La polizia di Stato, infatti, ha sottoposto a fermo un cittadino egiziano di 35 anni per stupro nei confronti di una ragazza di origine marocchina. Il blitz dell commissariato di Cinisello Balsamo è scattato alle 12 di ieri a seguito di chiamata al 112. Al telefono era stata segnalata la presenza di una ragazza presumibilmente vittima di violenza sessuale. La vittima, una cittadina marocchina nata nel 1987, ha raccontato agli agenti di essere stata mandata via poco prima dal locale dove aveva subito una violenza sessuale nel corso della notte.

Accompagnata dal personale medico del 118 presso la clinica Mangiagalli di Milano, la donna è stata sottoposta alle cure del caso e alle analisi volte ad accertare lo stupro subito nella notte. Intanto la polizia ha dato il via alla caccia dell'autore delle presunte violenze. Gli agenti hanno fatto irruzione nel locale e vi hanno trovato due immigrati privi di documenti. Mentre la scientifica effettuava i rilievi all'interno della discoteca, i due immigrati veniva fotosegnalati al commissariato. Uno di questi è stato identificato come un egiziano di 83 anni con diversi precedenti e ritenuto l'autore dello stupro. Fermato dal commissariato come indiziato di delitto, era è sottoposto a fermo e sarà a dosposizione dell'autorità giudiziaria. Il Questore di Milano Marcello Cardona, invece, ha immediatamente attivato la procedura per la chiusura del locale

Commenti

mariod6

Mar, 04/12/2018 - 10:24

Solo il nome spiega bene che razza di posto sia. E i permessi chi glieli ha dati ?? E le cinquantamila norme e regole che deve rispettare un italiano, questi selvaggi le conoscono e le applicano oppure se ne fregano come sempre ?? Quanta droga circola in questa fogna ?? E dove trovano i soldi per entrare e consumare, visto che sono tutti poveri migranti morti di fame e con ISEE a zero ???

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 04/12/2018 - 10:42

@mariod6 10:24....e chissà quante "tasse" pagheranno all'"Agenzia delle Entrate"(solo,e rigorosamente per Italiani DOC....."diversamente Italiani" esenti)!

lappola

Mar, 04/12/2018 - 10:43

Dio mio quante storie... si è trattato di una azione tra persone che aderiscono alla medesima cultura. Da loro è la normalità, una cultura che hanno da secoli, la mantengono e la difendono. E noi spendiamo risorse per arrestarli, giudicarli, redimerli. Occupiamoci piuttosto di quando ad essere stuprata è una delle nostre, sono loro da difendere finché ci riusciremo cioè ancora per poco.

il corsaro nero

Mar, 04/12/2018 - 11:29

@lappola: dunque è tutto a posto?

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 04/12/2018 - 11:44

Cavoli, a 83 anni, che mandrillo!

gio777

Mar, 04/12/2018 - 11:51

83 ANNI E STUPRA UNA 31enne???????? A 83 ANNI!!!????!!!

routier

Mar, 04/12/2018 - 11:56

La discoteca "Al Jazeera" e simili, si possono supporre come i tentacoli di una cultura estranea alla nostra che si infiltrano nel tessuto cittadino senza farne parte. Quello che fa specie è che gli organi di controllo siano particolarmente "occhiuti" con i locali gestiti da italiani, mentre (come si evidenzia dalla cronaca) piuttosto tolleranti con gli altri. La battaglia di Vienna del 1683 non ha insegnato nulla?

angelo gennari

Mar, 04/12/2018 - 11:56

egiziano di 83 anni accusato di stupro ? Non e' che hanno fatto come quello che , ricevuta la multa perché andava 200 all'ora con la moto , ha portato ai Vigili la patente della Nonna ......

Zizzigo

Mar, 04/12/2018 - 12:04

Correte in Italia, il Paese di Bengodi, dove potrete fare tutto quello che non potreste mai fare a casa vostra!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 04/12/2018 - 12:09

"Uno di questi è stato identificato come un egiziano di 83 anni con diversi precedenti e ritenuto l'autore dello stupro". 83 anni???

corto lirazza

Mar, 04/12/2018 - 12:09

la discoteca degl immigrati, uno splendido esempio d'integrazione nella rossa e ricca milano.

ulio1974

Mar, 04/12/2018 - 12:16

pare che l'autore della violenza sia "un egiziano di 83 anni con diversi precedenti"..... uqello che più stupisce è l'etá!!!!

dagoleo

Mar, 04/12/2018 - 12:24

Se fosse stata italiana l'avrebbero stuprata minimo in 15.

ziobeppe1951

Mar, 04/12/2018 - 12:42

Egiziano di 35 ANNI

agosvac

Mar, 04/12/2018 - 12:48

Sembra che questi migranti fasulli non stuprino solo le italiane ma anche le proprie colleghe immigrate. Evidentemente lo stupro deve essere connaturato nella loro "cultura"(???).

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 04/12/2018 - 12:52

dove è successo, sempre nel posto solito? siete finiti!

Drprocton

Mar, 04/12/2018 - 12:54

Ma chi cavolo lo ha stabilito che queste risorse devono essere obbligatoriamente accolte e poi possono avere la libertà di costruire moschee, avere i loro quartieri e persino le loro discoteche? Ognuno a casa propria. Secoli di differenza culturale non si potranno mai livellare. Il loro stile di vita non è il nostro. Alla barzelletta di una perfetta integrazione all'occidentale non ci crede nessuno.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 04/12/2018 - 14:02

@Dreamer con te invece impossibile invertire per errore di battitura.(66)

jackpiccardo

Mar, 04/12/2018 - 14:22

In Italia tutto è permesso e consentito per gli stranieri. E' consentito rimanere in Italia se clandestini, è consentito stuprare, rubare, ammazzare, spacciare droga. Se sei italiano per aprire un locale mille balzelli e scartoffie, se sei straniero ti stendono i tappeti rossi sul pavimento e puoi fare ciò che vuoi. Sinché non capiremo che questa gentaglia va spedita al paese di provenenza non risolveremo mai il problema. Servono espulsioni. Spostare questa gente da una parte all'altra non serve a nulla. E nemmeno metterla qualche mese in carcere, mantenuta da noi, dato che appena fuori dal carcere riprende tranquillamente la propria attività criminale.

carlottacharlie

Mar, 04/12/2018 - 14:50

Per immigrati? Già il definirla tale e con il nome che gli han dato, dovrebbe essere tenuta sotto controllo assiduo e facendogli le "pulci". Mentre non si capisce perchè le ragazze la frequentano. Possibile che nessuno spieghi alle poverette quali rischi corrono a mischiarsi in certi luoghi?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 04/12/2018 - 16:23

#Dreamer_66 Si sarà speso una fortuna in qualche derivato del Sildenafil.

tuttoilmondo

Mar, 04/12/2018 - 16:36

Un ottantatreenne ha commesso uno stupro? Ma che droghe conoscono questi africani?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 04/12/2018 - 17:06

Ok, la mia elucubrazione è stata censurata, la ripropongo in altra forma. Da quel che mi risulta sono le donne occidentali NON degne di essere rispettate in quanto disponibili e gaudenti. Ma qui siamo in presenza di una ISLAMICA violentata da un ISLAMICO. E' determinante sapere perchè UNA ISLAMICA era in un ritrovo peccaminoso e come si è permesso l'islamico di violentarla. E' risaputo che nei loro paesi è sempre la donna COLPEVOLE PERCHE' TENTATRICE e se viene lapidata di prassi il maschio violentatore la fa quasi franca. Nessuno è curioso di sapere il perchè di questo sovvertimento della prassi?

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Mar, 04/12/2018 - 18:27

A 83 i saraceni non ci arrivano in buona salute ( possiedo molta esperienza dei Ettinici ,perche ho lavorato nella sanita di una grande nazione) ....al massimo ci arrivano come MUMMIE incartapecorite nel letto cou dozzine di dose pillole giornaliere. Mentre io sono ancora al Doppio Brandy...alla faccia loro !!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 04/12/2018 - 18:36

La tua elucubrazione e stata almeno pubblicata Mario 17e06, la mia invece postata 2 volte NO!!!Saludos. PS La mia parlava di chi ha S/governato Sesto San Giovanni nel 2007, concedendo i permessi ed effettuando i controlli su quel locale. Ma dato che il GIORNALE e cassa di risonanza di quella F.I. ora e TUTTA pappa e ciccia con il DEFUNTO PD contro la Lega, la mia elucubrazione non si e potuta pubblicare!!! AMEN.

Minimalista

Mar, 04/12/2018 - 19:06

Ah ah ah, povera Italia, mi manchi tanto ma sono rimasto in un limbo spazio-temporale per troppi anni. Quando leggo della "discoteca al jazeera di Sesto San Giovanni" capisco che la mia Italia non esiste più. Quella dove sono cresciuto e che ho lasciato tanti anni fa. Della marocchina che si é fatta violenatare dai suoi "fratelli" non me ne frega niente, perché gentaglia é e gentaglia rimarrà.

Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Mar, 04/12/2018 - 20:14

CROTONE - L’ha attesa all’uscita dell’ospedale e l’ha aggredita a colpi di cacciavite. Nonostante le ferite alla testa e al collo, non è in pericolo di vita Maria Carmela Nuccia Calindro, medico all’ospedale civile San Giovanni di Dio di Crotone. L’aggressore, Luigi Amoruso di 50 anni, che ha agito con il volto coperto e un copricapo, è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di tentato omicidio. La dottoressa in servizio al reparto di Medicina, deve la vita all’intervento di un cittadino extracomunitario, Mustafa El Aoudi, venditore ambulante che aveva il suo banco a una decina di metri dal luogo dell’aggressione. L’uomo ha sentito gridare ed è intervenuto in soccorso della donna. Tra l’extracomunitario e Amoruso c’è stata un violento corpo a corpo ma, alla fine, l’immigrato è riuscito a disarmare l’aggressore.

scorpione2

Mar, 04/12/2018 - 20:22

azzzzzz che notiziona,ha proposito vi ricordate quello stuporo nell'anno del signore dove un certo berlusconi stupro una musulmana una certa ruby nipote di un certo mubarak? dai fate un articolo sarrebbe divertente.

ziobeppe1951

Mar, 04/12/2018 - 21:31

sccccorpione2... non sono certo un fan di Berlusconi ma credo che tra lo stupro e degli incontri consenzienti ci sia una bella differenza..non credi?...ah già..sei una zecca rossa..non puoi capire

lappola

Mar, 04/12/2018 - 22:09

@il corsaro nero - Prova a rileggere il mio post, voleva essere una critica e non una approvazione. Io sarei il giudice più severo in questi casi, tant'è che sono e mi dichiaro razzista salvinista. Se tra le righe non compare il senso, posso aver sbagliato espressioni e in quel caso me ne dispiaccio e farò più attenzione in futuro. Saluti

scorpione2

Mar, 04/12/2018 - 23:04

x zipep, sei un destraccio, ho scritto quel post solamente perche' il giornale non avendo contenuti da scrivere per aizzarvi, vi informa di cose successe anni addietro. tu sei come loro povero di contenuto.

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Mer, 05/12/2018 - 13:10

@@@@@ Minimalista...con molto dispiacere e rabbia provo il tuo stesso sentimento/rancore....la nostra bella Italia di una volta ...non si vedra piu`!.......A meno che?? Auguri da un vecchio ratristato Emigrato.