Ostensione di Padre Pio, attesa a San Giovanni Rotondo

Grande attesa nel paesino del Gargano per la cerimonia che avvierà l'ostensione perenne delle spoglie del santo

C’è grande attesa a San Giovanni Rotondo per la cerimonia religiosa che avvierà l’ostensione perenne delle spoglie mortali di San Pio da Pietrelcina.

Completamente pieni, invece, gli alberghi del centro garganico: un pienone, però, secondo alcuni operatori turistici, che non sarebbe in relazione alla solenne ostensione di San Pio. Le prenotazioni, infatti, sarebbero state fatte settimane prima dell’annuncio ufficiale della data della cerimonia religiosa. Peraltro gli arrivi, complice probabilmente anche la crisi, sono diminuiti nel 2012 del 7,4% e le presenze del 3,5%. Ovviamente l’ostensione permanente potrà rappresentare un ulteriore stimolo per i pellegrini che nel 2012 sono stati oltre 245mila.

Imponente il dispositivo di sicurezza messo a punto per l’occasione con forze dell’ordine dislocate nei punti nevralgici di San Giovanni Rotondo e, in particolare, a ridosso della vecchia e dela nuova chiesa del centro foggiano. Oltre una decina anche i vigili del fuoco del comando provinciale di Foggia distaccati e che sono già operativi con due mezzi nei pressi del sagrato della nuova chiesa dedicata a San Pio da Pietrelcina.

Commenti

soldellavvenire

Sab, 01/06/2013 - 13:20

l miracolo di san pio da pietrelcina: alberghi sempre pieni

bisesa dutt

Sab, 01/06/2013 - 13:57

notizia meritoria di ECHISENEFREGA

Ritratto di venividi

venividi

Sab, 01/06/2013 - 15:15

Esporre una salma che sia di un santo o meno, francamente a me fa ribrezzo. Quelli che vanno a guardare il morto hanno sicuramente qualche problema.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 01/06/2013 - 15:53

IDOLATRIA

apostata

Sab, 01/06/2013 - 15:57

non si tratta della salma, ma della sua riproduzione in plastica che tanto giova alle strategie economiche della congrega

Ritratto di Carlo Marra

Carlo Marra

Sab, 01/06/2013 - 17:12

Le Leggi esistono in questo Paese di Emme. Basterebbe invocare l'Art.420 C.C. Abuso della Credulità Popolare ed una bella retata di Talibanintegralisti cialtroni finirebbero ai topi. Quello sarebbe un VERO MIRACOLO. Siano maledetti ora e sempre!

Ritratto di DR JEKILL

DR JEKILL

Sab, 01/06/2013 - 17:26

Non c'è da scandalizzarsi : in tempo di crisi anche santi e madonne si fanno concorrenza. Pensate un po' quando si saranno attrezzati i cinesi !

Raffaele Augello

Sab, 01/06/2013 - 17:45

Miscredenti scriteriati e senza pudore, rispettate da uomini e non da bestie, qualsiasi credente in qualsiasi fede! Non qualificatevi come Bruti senz'anima e senza niente nel cervello. Masticate e riflettete seriamente, prima di buttare giù pensieri e osservazioni fuori luogo e senza alcun senso su cose che meritano ponderazione!

Raffaele Augello

Sab, 01/06/2013 - 17:52

Per venividi-Carlo Marra Non farneticate a vuoto. Pensate prima di sparare oracoli di illuminati perditempo!

Ritratto di venividi

venividi

Sab, 01/06/2013 - 19:29

Chi non pensa e spara mi sembra proprio chi mi accusa di farneticare. Come si permette, piccolo talebano ?

palandrana

Sab, 01/06/2013 - 20:24

La religione é l`oppio dei popoli(e fa la ricchezza dei preti)

moshe

Sab, 01/06/2013 - 20:43

Continuo a considerare l'ostensione di QUALUNQUE ESSERE o PARTE DI ESSO, un'USANZA BARBARA, VERGOGNOSA e DEDITA AL BUSINESS.

lucia ip

Sab, 01/06/2013 - 23:24

Gli hanno fatto un gran dispetto. Hanno utilizzato un uomo che già aveva lasciato la sua testimonianza e detestava i lussi; ora con la strategia dei viaggi e pellegrinaggi hanno messo la salma di Padre Pio in una chiesa che solo per la cementificazione e lussi non l'avrebbe approvata.

blues188

Dom, 02/06/2013 - 08:49

venividi, io non ho mai letto un suo intervento sulla salma di Lenin a Mosca, esposto da anni a tutti i rossi. Solo ai credenti cristiani è vietato?

apostata

Dom, 02/06/2013 - 10:06

Nel 1920 padre Agostino Gemelli, medico, psicologo e consulente del Sant'Uffizio, fu incaricato dal cardinale Merry Del Val di visitare padre Pio ed eseguire "un esame clinico delle ferite". Il Segretario del Sant'Uffizio, fu chiamato in causa per i sospetti su presunte attività scandalose del cappuccino. Pur se il frate disconobbe le credenziali di padre Agostino Gemelli, che comunque era in missione ufficiale, Padre Gemelli espresse la diagnosi: « È un bluff... Padre Pio ha tutte le caratteristiche somatiche dell'isterico e dello psicopatico... Quindi, le ferite che ha sul corpo... Fasulle... Frutto di un'azione patologica morbosa... Un ammalato si procura le lesioni da sé... Si tratta di piaghe, con carattere distruttivo dei tessuti... tipico della patologia isterica » e più brevemente lo chiamò "psicopatico, autolesionista ed imbroglione". L'inchiesta del Sant'Uffizio sul frate si chiuse con l'arrivo del quinto e definitivo decreto di condanna (23 maggio 1931) con l'invito ai fedeli di non considerare come sovrannaturali le manifestazioni psichiatriche certificate dal Gemelli. Negli anni seguenti la suggestione popolare portò ad un tale richiamo da mettere il frate al centro di un’attività economica così importante e così magistralmente sviluppata, da superare ogni resistenza.

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 02/06/2013 - 11:28

blues188, il mio post non si riferiva solo a questo santo, legga meglio. Non voglio essere irriverente, ho espresso il mio pensiero : andare - e pure fare la fila - a vedere qualsiasi cadavere esposto non mi pare molto normale. Ancora peggio se la salma è imbalsamata. Il che comprende anche Lenin, Stalin, chiunque.