Ostuni, incendio in un sansificio, paura tra i residenti

In fiamme quaranta quintali del composto derivante dalla lavorazione dell'olio. Nessun ferito

Un nuovo rogo in Puglia, ha creato panico e paura tra i residenti di Ostuni, la "città bianca". Il fatto è accaduto nel Comune in provincia di Brindisi e a prendere fuoco è stato un sansificio. Le fiamme hanno distrutto quaranta quintali di sansa, il composto di residui di polpa delle olive e frantumi di noccioli da cui si produce l'olio.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Ostuni e del comando provinciale di Brindisi intorno alle tre di questa mattina. Le operazioni di spegnimento sono durate oltre quattro ore. Il capannone dov'è avvenuto il rogo è nei pressi della stazione ferroviaria. L'incendio si è sviluppato nelle vasche dove si trovava la sansa e fortunatamente non c'è stato nessun ferito o danni alla struttura malgrado, come dicevamo, la paura e il panico scatenatisi fra i residenti.
Appena un mese fa c'è stato un altro rogo in Puglia, a Bari. A prendere fuoco i rifiuti scaricati abusivamente in una ex fabbrica ormai chiusa da tempo.