Tragico rogo in casa: anziana e figlio disabile muoiono abbracciati

Le cause dell’innesco sono ancora da accertare: le fiamme, partite dal garage ed alimentate da due bancali di pellet, hanno rapidamente avvolto l’intera l’abitazione

Tragedia in un’abitazione di Conselve (provincia di Padova), dove stamani intorno alle 2:30 si è scatenato un violento incendio a causa del quale sono decedute entrambe le persone che vivevano al suo interno.

Si tratta dell’86enne Rosa Lamberti e del figlio disabile di 42 anni Angelo Volpi, ritrovati stretti l’un l’altra in un ultimo abbraccio prima di spirare. Le fiamme, secondo quanto ricostruito dai vigili del fuoco, accorsi per primi sul luogo, si sarebbero originate dal garage della villetta. Qui, alimentato da due bancali di pellet, il rogo si sarebbe rapidamente esteso, diffondendosi in tutto il pianterreno ed andando ad interessare il primo piano, in cui si trovavano le camere da letto.

Al loro arrivo, le squadre di pompieri giunte da Piove di Sacco e da Padova si sono adoperate al meglio per domare rapidamente le fiamme e cercare di portar soccorso agli occupanti della villetta. Al momento del ritrovamento all’interno di una delle camera da letto, madre e figlio erano abbracciati: molto probabilmente la donna era già deceduta, mentre il 42enne era ormai in fin di vita.

Quest’ultimo, un uomo affetto da sindrome di Down, ha tentato di chiedere aiuto dalla finestra gridando disperatamente prima di cercare di salvare, purtroppo invano, la vita della madre.

I vigili del fuoco hanno tentato comunque di metterli in salvo, tirando fuori i loro corpi da quell’inferno e cercando di rianimarli in ogni modo. Purtroppo, nonostante l’intervento del personale sanitario del 118, per i due non c’era più nulla da fare.

L’incendio è stato domato completamente solo alle prime luci dell’alba e sono tuttora in corso le indagini da parte degli inquirenti, con la collaborazione dei pompieri, per comprendere le cause che hanno portato al divampare delle fiamme.

Commenti

27Adriano

Mer, 12/09/2018 - 15:09

Mi dispiace tantissimo.