Padova, ricatti dopo rapporti sessuali: coniugi finiscono in carcere

Due vittime hanno raccontato ai carabinieri come avveniva l'estorsione di denaro da parte della coppia

Moglie e marito sono finiti in carcere con l'accusa di aver estorto denaro a persone con cui avevano avuto rapporti sessuali.

Come raccontano i giornali locali, i coniugi, di 52 anni lui e 50 lei, avevano trovato un modo efficace per fare soldi. Dopo aver avuto rapporti sessuali occasionali con persone che adescavano per strada, le ricattavano minacciando di raccontare tutto ai familiari. Per ottenere il silenzio, le vittime dovevano pagare. I due, residenti a Vigonza, in provincia di Padova, si inventano poi di aver dovuto sostenere delle spese mediche, a causa appunto del rapporto sessuale, e di aver quindi bisogno di denaro. Una vera e propria estorsione.

Il racconto delle vittime

Le indagini sulle azioni dei coniugi sono partite grazie alla denuncia di due vittime, un 50enne sposato e un 40enne single. Entrambi hanno raccontato ai carabinieri di aver avuto rapporti sessuali a pagamento con i coniugi e di essere poi stati ricattati per ottenere altri soldi. Almeno in questi due casi sono stati estorti ben 10mila euro. La coppia è ora in carcere.

Commenti

Klotz1960

Mer, 09/08/2017 - 14:52

Buttare la chiave