Il padre muore per un tumore e ogni anno spedisce fiori alla figlia

Una lettera e un bouquet per ogni compleanno fino alla maggiore età. Così un papà morto per tumore ha accompagno la figlia alla maggiore età

Un mazzo di fiori e una lettera: così Michael Williams, padre di Bailey Sellers, di Knoxville, in Tennessee non ha voluto abbandonare la figlia nonostate la morte avvenuta quando lei aveva 16 anni. Ora ne ha 21 e l'ultimo bouquet con l'ultima lettera ha commosso il mondo intero.

L'ultimo regalo

Il padre di Bailey prima di morire ha fatto in modo che ad ogni compleanno della figlia le venissero recapitati dei fiori con una lettera. Un momento bellissimo e allo stesso modo triste e doloroso. Un viaggio iniziato nel 2013 e che ora trova una fine commovente. La ragazza ha voluto raccontare l'ultimo gesto del padre per la maggiore età di quella figlia che ha dovuto abbandonare teenager per colpa di un tumore.

"Una lettera meravigliosa"

Bailey diventata donna racconta di quel ultimo mazzo di fiori e delle ultime parole del papà al New York Post. Un momento atteso con timore per anni: "Sono crollata, - ha raccontato la studentessa della Eastern Tennessee University - la lettera era meravigliosa e triste allo stesso tempo". Poi la 21enne spiega il contenuto della missiva: "Questa è la mia ultima lettera d'amore per te fino a quando ci rivedremo. Non voglio che tu versi un'altra lacrima per me mia piccolina, perché io sono in un posto migliore".

Ogni anno insieme al pensiero del padre, la ragazza pubblicava quel particolare regalo sui social network. Quest'anno il post ha raggiunto le 200mila condivisioni, commovendo migliaia di utenti nel mondo.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 27/11/2017 - 11:20

Commovente!!!Veramente commovente!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 27/11/2017 - 12:46

Amore di un padre di famiglia o di un amante di riserva? La differenza è come tra il giorno o la notte, il bene o il male, il bello o il cattivo tempo. Ora, la licenza ridurre un uomo e la sua stirpe non può essere concessa a una volubile, gaudente, divorzievole femminista, contro il Comandamento di Dio che istituisce la proprietà muliebre e il suo proprietario, che poi è il marito-capofamiglia. Non desiderare la donna d'altri. Ora, l'apostrofata preposizione semplice "di" è un genitivo, nel senso che vuole generare la vita. Dunque chi misconosce la proprietà privata, come i comunisti, di fatto è fuori dalla Chiesa, anche se usurpa una carica che spetta a un reverendo padre. Amore di padre.

cgf

Lun, 27/11/2017 - 13:28

@Gianfranco Robe in sostanza cosa ha voluto esprimere? ho provato a rileggere, ma... poi non si lamenti se nessuno poi l'ascolta e/o l'ignora, tutta colpa sua.

manfredog

Lun, 27/11/2017 - 13:45

..ecco..!!..anche in Paradiso ci sono i raccomandati..!! A parte gli scherzi, è stato veramente un grande gesto, probabilmente di chi è stato un grande uomo. mg.

tuttoilmondo

Lun, 27/11/2017 - 13:59

L'amore e la protezione da quando nascono queste piccoline. Ci rubano il cuore dal primo vagito. E non ce lo restituiscono mai. Guai a chi le farà soffrire.

Ritratto di pao58

pao58

Lun, 27/11/2017 - 17:05

Semplicemente bello...

Martinico

Lun, 27/11/2017 - 19:48

Grande commozione nel leggere questo amore di un padre verso la propria figlia. Nello stesso tempo il pensiero va a tanti altrettanti padri costretti a stare distanti dai loro amori per futili problemi tra grandi.