Palmi, si uccide giudice accusato di rapporti con la ‘ndrangheta

Agli arresti domiciliari, si è impiccato nella sua abitazione di Montepaone. Nell'ultima intervista disse: "Io condannato ingiustamente"

Giancarlo Giusti si è impiccato nella sua abitazione di Montepaone, il centro del Catanzarese dove viveva da alcuni mesi. L’ex gip del Tribunale di Palmi era agli arresti domiciliari dopo essere stato coinvolto in due inchieste delle Dda di Milano e Catanzaro su presunti rapporti con esponenti della ’ndrangheta

Giusti aveva già provato ad uccidersi nel settembre del 2012 nel carcere di Opera. Il primo tentativo di suicidio da parte di Giusti si verificò il giorno dopo la condanna a quattro anni di reclusione inflittagli dal Tribunale di Milano per i presunti rapporti con la cosca Lampada della ’ndrangheta, attiva nel capoluogo lombardo. Soccorso dalla polizia penitenziaria, era stato ricoverato in ospedale con prognosi riservata ed aveva ottenuto successivamente, a causa della sue precarie condizioni psicologiche, gli arresti domiciliari. A Klaus Davi aveva, poi, rilasciato le due ultime interviste nelle quali si era definito innocente. "Sono stato leggero - aveva detto ai microfoni del programma KlausCondicio - mi pento di aver infangato la toga, ma non sono un corrotto. Con Giulio Lampada c’era un rapporto affettivo amicale: gli volevo bene, lo consideravo una persona da abbracciare, un confidente". "Come accertato dai processi in primo e secondo grado, nel periodo in cui lo frequentavo io non era assolutamente identificato come esponente della ‘ndrangheta", aveva poi detto ammettendo di aver sbagliato ad accettare il pagamento di donne e cene. "Mai ho preso soldi da lui, sia chiaro - aveva concluso - in tasca mia non è mai entrato un euro. Si è trattato solo di quattro cene con relative quattro donne. Questo era il modo di fare di Lampada, di testimoniare la sua amicizia. Lo faceva con tutti quelli che gli capitavano. Li è stato il mio errore". "Ma attenzione a fare il salto, dalle utilità che ho ricevuto a una certa corruzione, che non vi è stata", aveva aggiunto sottolineando come la debolezza fosse dovuta al difficile momento attraversato in seguito alla separazione dalla moglie.

Giusti aveva ricoperto il ruolo di giudice per l’udienza preliminare a Palmi (Reggio Calabria), quindi era finito in due inchieste per i suoi rapporti con la ’ndrangheta. In particolare la procura di Milano lo aveva indagato nell’ambito dell’inchiesta contro la cosca Valle-Lampada, mentre la Dda di Catanzaro lo aveva indagato nell’operazione contro la cosca Bellocco. "Non hai capito chi sono io... sono una tomba, peggio di... ma io dovevo fare il mafioso, non il giudice", aveva detto Giusti nel corso di una telefonata, intercettata dai magistrati della Dda di Milano, con il presunto boss della ’ndrangheta Giulio Lampada. Un altro elemento che emerse dall’inchiesta fu quella che gli inquirenti definirono "l'ossessione per il sesso" oltre che per "i divertimenti, gli affari e le conoscenze utili". In una sorte di "diario informatico" tenuto da Giusti e sequestrato dai magistrati milanesi, annotava tutti gli incontri hot. "Venerdì - scriveva l’ex giudice - notte brava con (...) Simona e Alessandra. Grande amore nella casa di Gregorio".

Commenti

vince50

Dom, 15/03/2015 - 16:36

La giusta fine che dovrebbero fare i mafiosi e chi collabora con loro,però non in privato ma nella pubblica piazza.

Ritratto di gianni2

gianni2

Dom, 15/03/2015 - 16:58

Forse non aveva pensato che le toghe sono infangate al punto di non vedere più la stoffa

uggla2011

Dom, 15/03/2015 - 17:25

Non me ne frega un ca..o.Si può dire?

brunog

Dom, 15/03/2015 - 17:32

Un giudice dovrebbe tenere un comportamento etico, essere trasparente e credibile. L'operato di questo giudice e' venuto a galla, Dio solo sa quanti casi simili ci sono nella magistratura, per questo la mafia e l'illegalita' hanno preso il sopravento.

Prameri

Dom, 15/03/2015 - 17:50

Onore a questo giudice che ha giudicato severamente se stesso e si è punito nel modo più severo. Non è questo che infanga la magistratura. Ha sbagliato sembra nella forma non nella sostanza. Sembra che il danno per lui sia iniziato con la frattura della propria famiglia. Poi a disastro è seguito disastro. Che ai suoi cari il ricordo sia lieve.

laghee100

Dom, 15/03/2015 - 17:59

tanti magistrati di Milano, e non solo, dovrebbero prendere l esempio !!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 15/03/2015 - 18:20

ASSOMIGLIA a BONOLIS!!! LOL LOL Saludos dal Leghista Monzese

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 15/03/2015 - 18:23

ASSOMIGLIA A BONOLIS!!!!LOLLOL Buenas tardes dal leghista Monzese

giottin

Dom, 15/03/2015 - 18:48

Finalmente uno che si comporta saggiamente.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 15/03/2015 - 19:10

Questo, dovrebbero fare tutti i giudici,che infangano la TOGA. Cominciando dalla Boccassini e da Bruti Liberato.

compitese

Dom, 15/03/2015 - 20:42

Ma per definirsi corrotto un giudice cosa deve fare? L'unica cosa da fare l'ha fatta; il suicidio!

Giacinto49

Dom, 15/03/2015 - 20:54

Ha pagato ed esige rispetto. lol lo vai a cagare!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Dom, 15/03/2015 - 23:16

Chi infanga una Divisa, una Toga, l'Italiano dovrebbe seguire l'esempio. Rispetto il gesto!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 16/03/2015 - 12:07

l'ultimo e forse unico impeto di dignita' l'ha portato a terminare la sua vita. Questo gli va riconosciuto.