La "pancia" della classe media che odia burocrazia e sprechi

La forza grillina è costituita da tre componenti. La prima è costituita dai membri e dagli attivisti del partito che sono stati indottrinati, organizzati e controllati da Casaleggio padre e che condividono la sua ideologia anarco-comunista di un mondo deindustrializzato, dove al posto delle fabbriche ci sono i parchi, dove sono tutti uguali e dove il Paese viene governato dal popolo col web. Sono costoro che hanno appoggiato tutte le richieste più antimoderne e anticapitaliste come il no alla Tap e alla Tav, il no al Muos, il progetto di chiudere l'Ilva e altre idiosincrasie come i vaccini. Sono costoro che si ribellano ai compromessi che Di Maio e il governo fanno per evitare una catastrofe economica.

La seconda componente è costituita da tutti coloro che per qualsiasi motivo sono stati disgustati dalla politica e dalla amministrazione pubblica centrale regionale e comunale, che negli ultimi anni è stata totalmente governata da una classe dirigente che ha trattato la pubblica amministrazione come cosa propria. Anziché innovare o inventare hanno appesantito la burocrazia, moltiplicato le regole e nello stesso tempo usato i favoritismi, per esempio facendo concorsi i cui vincitori sono già decisi in partenza. Cioè una burocrazia che non premia i competenti e i meritevoli e che opprime e disumanizza. E la parte di classe media che aveva bisogno di un riformatore.

Vi sono poi quelli che hanno votato M5s perché ha promesso loro il reddito di cittadinanza e nuove assunzioni pubbliche; molti disoccupati, molti giovani che non sanno niente di politica e molti arrabbiati per i più svariati motivi e che sono stati eccitati da Grillo.

Vincerà chi riesce a convincere il secondo gruppo che è poi la parte più onesta e produttiva del Paese, mostrando fin da adesso la capacita di ridurre l'ossessione delle procedure burocratiche e quella di incidere sui problemi reali e la qualità della vita. Costoro non credono più in un capo taumaturgico che promette meraviglie. Vogliono veder agire diversamente la classe amministrativa, non solo statale ma anche regionale e comunale, che deve dare alla gente la sensazione di aver scelto la strada della concretezza, dell'onesta, della pulizia della giustizia e della umanizzazione dei rapporti.

Commenti
Ritratto di adl

adl

Dom, 04/11/2018 - 18:36

Professore non mi deluda, non usi anche lei il linguaggio main stream. La classe media che ragiona, e non certo con la pancia, usa la testa ed è guidata dal buon senso e dalla antica diligenza del buon padre di famiglia. Chi usa parti del corpo umano poco nobili, e non sto parlando di pancia, per ragionare non è la classe media, ma quella "classe dirigente" (si fa per dire) che l'ha impoverita ragionando in base ai diritti del back side, in primis il diritto di poltrona e relativo stipendio, rigorosamente pagato da Pantalone. Ed il discorso vale per tutte le forze politiche, ed anche per i 5S.

Popi46

Lun, 05/11/2018 - 05:55

E come dargli torto?