La Panda di Salvini

Se aumentando le tasse sull'auto gli italiani non potranno più comprare la Panda 1.2 vuole dire che si dovranno accontentare di quella 1.0. Questa è la ricetta economica grillina illustrata ieri dalla sottosegretaria Laura Castelli, quella nota per via dell'assurdo che «lo spread alto non danneggia nessuno» e altre amenità. La domanda che Matteo Salvini dovrebbe porsi con una certa urgenza è per quanto ancora si può andare avanti a governare con dei cretini. Basta che non ci venga a spiegare che così è perché lui ha firmato un «contratto». Noi non ci caschiamo, quel «contratto» politicamente vale zero perché è un accordo privato tra due aspiranti leader, Salvini e Di Maio, mai cercato o voluto dai rispettivi elettorati che anzi non hanno nulla da condividere talmente distanti sono le loro posizioni e i loro interessi.

Quel «contratto», in base al quale oggi rischiamo una tassa sulle utilitarie e il taglio del quaranta per cento delle pensioni, ha generato una maggioranza parlamentare che non coincide con una maggioranza elettorale. Operazione questa di corto respiro e pericolosa per chi la subisce ma anche per chi la mette in atto, come dimostrano le più recenti vicende politiche italiane. I guai di Forza Italia sono iniziati quando, andando contro il mandato ricevuto nelle urne, Berlusconi accettò di sostenere «per senso di responsabilità» insieme al Pd di Bersani il governo Monti e approvare di conseguenza leggi - la famigerata stagione dell'austerity - contrarie al sentire della sua gente. Non migliore fortuna portò ai suoi protagonisti l'anomala alleanza - oggi diremmo contratto - tra Renzi e Alfano che nel frattempo aveva dato vita al Nuovo Centrodestra. In Parlamento la strana coppia fece il bello e cattivo tempo con la forza dei numeri ma alla prima occasione il giudizio dei rispettivi elettori fu più che severo, direi una definitiva bocciatura.

Se Salvini continuerà a usare il «contratto» come scusa per lasciare che i Cinquestelle puniscano i suoi elettori con nuove tasse e tagli di pensioni non potrà che fare la fine di Renzi e Alfano. Oggi sembra impossibile il solo il pensare a un'ipotesi del genere tanto è il consenso che i sondaggi attribuiscono al leader della Lega. Ma se ci riflettete, questo consenso non è superiore a quello avuto da Renzi all'inizio della sua avventura e neppure a quello di cui godeva Berlusconi fino a un attimo prima di dare il suo appoggio al governo Monti. Gli elettori perdonano molto a un leader carismatico, ma non tutto. E Salvini, a nostro modesto e inutile parere, è sul punto di superare il confine che porta al punto di non ritorno. Mi auguro, per il suo e nostro bene, che si fermi fino a che è in tempo.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 08/12/2018 - 16:47

Direttore, domani , Salvini incontra i costruttori e le associazioni dei consumatori (chissà quanto è entusiasta...) e vedrà che il problem asi risolve a breve. Purtroppo in molti non si sono mai letto il programma del M5S sulla mobilità. Glielo riassumo perché ad un certo punto in barba alla trasparenza era sparito dal web, ecco in due parole: dal trasporto su gomma alla rotaia per le merci ed in città guerra al traporto privato, a piedi o in bicicletta. Sic. Peccato che se circolano le merci su rotaia , non circolano più i passeggeri perché raddoppiare la dorsale ferroviaria Nord Sud è impensabile, per il resto, glielo dice Lei ai grillini che non tutti gli italiani vivono nelle grandi città dove ci sono i trasporti publici ?

Marguerite

Sab, 08/12/2018 - 17:02

Tanto Salvini se ne fotte....lui, È SEMPRE IN AUDI !!!

gigi0000

Sab, 08/12/2018 - 17:06

Prima di tutto tantissime congratulazioni, caro Direttore, per la nascita di Suo nipote. E' certamente la cosa più bella che le potesse accadere. Circa la Panda, convengo sulle malefatte che Salvini giustifica col contratto ed anch'io penso che per tali magagne si prospetti una brutta fine. Ma la storia non insegna mai.

VittorioMar

Sab, 08/12/2018 - 17:08

..i paragoni fatti con altri IMPROVVIDI personaggi non sono OMOGENEI !!..la Storia cambia,i Tempi cambiano,gli uomini cambiano,la POLITICA cambia !!...ora abbiamo una UE INDEBOLITA...FRANCIA E GERMANIA con PROBLEMI interni LORO...i SOVRANISTI CRESCONO...mentre questo nostro GOVERNO,osteggiato da TUTTI, ha un CONSENSO del 60% grazie a quel CONTRATTO !!...a Maggio p.v. ci saranno nuove elezioni e...molte cose potrebbero cambiare come esempio VEDERE LA GERMANIA PERDERE UN'ALTRA GUERRA..QUELLA ECONOMICA PREVARICATRICE SUI PAESI EUROPEI...!!!...A TEMPI MIGLIORI !!

Ritratto di adl

adl

Sab, 08/12/2018 - 17:50

Quindi i contratti non portano fortuna. Però direi che con la menata del contratto la possiamo anche chiudere. Prima perchè il contratto è istituto di diritto privato e non di diritto pubblico che come qualsiasi atto del governo trova disciplina nella costituzione. Poi perchè il contratto a cui lei si riferisce, quello del governo rosso verde e giallo, per la spartizione delle poltrone, è si un compromesso politico per dare un governo al paese, ma nei limiti del rispetto della volontà dei rispettivi elettorati. E con la sola proposta di tassa MACRON-CASTELLINA quella sulle panda, il PUNTO DI NON RITORNO (gilet gialli insegnano) E' ORMAI STATO SUPERATO IRRIMEDIABILMENTE.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 08/12/2018 - 17:57

Penso che Noi che votiamo Forza Italia non baratteremo mai il Nostro sentire e la Nostra identità con chi cerca soltanto il consenso per il consenso; occorre pensare alla gente e alla sua identità senza perdere di vista il bene comune. Shalòm.

paolo1944

Sab, 08/12/2018 - 18:21

Temo Salvini lo stia già superando, il punto di non ritorno. A anche se ormai in molte cose mi trovo in disaccordo con lei, direttore, su questa deriva verso i 5 stalle di Salvini comincio ad essere d'accordo. Anche la feroce propaganda televisiva, che sta raggiungendo gli apici di Renzi, mi fa temere il peggio. L'unica spiegazione , ma non sufficiente, per il voltafaccia "alfaniano" di Salvini è il suo terrore per un governo "tecnico" PD che Mattarella il Grande (secondo la Scala e i Parioli) potrebbe provare a fare. Ma contro una deriva presidenziale ci sono anche le barricate e la guerra totale in parlamento e altrove.

sgarbistefano

Sab, 08/12/2018 - 18:45

Grazie, Direttore, per avere pubblicato questo Suo editoriale. Purtroppo, Laura Castelli è una manifesta incompetente quando parla di economia. E'bugiarda, quando afferma che tassare le utilitarie "è nel contratto di governo" (basta leggerlo). E' ignorante, ipocrita, elitaria ed offensiva, quando afferma che i poveri possono comprarsi utilitarie che non esistono (la Panda 1000). Quanto a Salvini, da elettore di centrodestra (rimango però deluso da Berlusconi...) attendo speranzoso che si verifichi il "casus belli" che consentirà alla Lega di sganciarsi dal M5s. Credo tuttavia che anche Lei, Direttore, sia ben consapevole che, se il Governo cadesse in questo momento, il rischio sarebbe che Mattarella non indica nuove elezioni, favorendo un governo tecnico sostenuto da una maggioranza PD-5S-Sinistra. Renziani permettendo, è vero, ma il rischio sarebbe un governo "a la Monti", con tutto quel che ne conseguirebbe.

nopolcorrect

Sab, 08/12/2018 - 19:00

Credo che i grllini siano un cane alla catena di Salvini che se li sta pappando sondaggio dopo sondaggio e loro sono suoi prigionieri perché terrorizzati dalla possibilità di andare a nuove elezioni dove verrebbero massacrati. Non sarà loro permesso di fare niente di serio contro gli elettori del Nord che votano per Salvini. Ancora una volta assistiamo a una conquista del Sud da parte del Nord Italia. Direttore non si preoccupi.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 08/12/2018 - 19:25

Cosa vogliono gli italiani io non lo so ma che ci sia qualcuno tra vicini parenti e amici che ha votato per la banda Castelli Toninelli DM DB mi mette in imbarazzo. Eppure ce ne sono di quelli, trasversalmente da me votati, che lo fanno dalla mattina alla sera. E' andata così, male.

rigampi51

Sab, 08/12/2018 - 19:30

Sgarbistefano sono d'accordo con lei anch'io sono un leghista deluso, però purtroppo sono anch'io convinto che Mattarella , in caso di caduta del governo gialloverde, non farà nuove elezioni, ma dovremmo subire un governo PD-5S, ancora peggiore di questo

Zagor-SDM

Sab, 08/12/2018 - 19:30

Il paradosso di questo governo è che solo Salvini può salvarci dal baratro staccando la spina. Un istante però dopo si metterebbe in moto il sistema per fare un altro governo senza Salvini!

cardellino

Sab, 08/12/2018 - 19:37

Un pagliaccio al governo . Penoso illusionista e venduto. A proposito Direttore sinceri auguri per il nipotino.

rrobytopyy

Sab, 08/12/2018 - 20:26

Purtroppo o bene ? è l' unico governo possibile e i due bambocci lo sanno bene. Con altre alleanze ci rimetterebbero sia i gialli sia i verdi.E poi non va bene che i provvedimenti siano sempre mediati per accontentare due posizioni diverse ?

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Sab, 08/12/2018 - 21:10

SALLUSTINO FA IL SOLITO COMPITINO. LA LEGA CRESCE NEI CONSENSI FARSA ITALIA AFFONDA. BYE BYE !!!

curatola

Dom, 09/12/2018 - 00:23

Incontrare le persone come fa S porta a fare promesse che non sono alla lunga mantenibili ma porta popolarità che lo farà salire politicamente fino a posizioni che gli permetteranno di soddisfare le promesse. Dunque la solvibilità dipende dalle durate. Spero ce la faccia.

ferdinando55

Dom, 09/12/2018 - 01:29

Gentile direttore, il Suo editoriale fornisce un'analisi lucida ed equilibrata della situazione che si è venuta a creare. Purtroppo per Lei e per noi temo che Salvini ormai non sia più in grado di rendersi conto che sta ad un passo dal punto di non ritorno, infatti la storia ci insegna che quando un personaggio politico (Salvini oggi, come Renzi, Alfano, Fini ecc. nel recente passato) vive l'euforia dei consensi perde di vista la realtà e si crogiola in una sorta di delirio di onnipotenza. Speriamo che non sia così, ma il sottoscritto, come tante altre persone, non sono così propense a confermare il proprio voto alla Lega se persiste nel sostegno allo scandaloso regime grillino.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 09/12/2018 - 11:02

---caro dir---anche ieri felpini--alla manifestazione di roma ha riaffermato che la legislatura quinquennale sarà rispettata---e ci credo---perchè felpini dovrebbe mollare?---felpini è come quel surfista che ragazzetto ventenne aspetta per anni la magnifica onda perfetta---si ritrova a 45 anni a cavalcare quell'onda proprio nel suo apice più alto---perchè mai dovrebbe mollare?---non lo farà mai anche nella situazione paradossale attuale--ossia l'italia affonda ed i suoi consensi aumentano--l'onda perfetta si cavalca una volta sola--

gustinet

Dom, 09/12/2018 - 11:06

Adesso Salvini ha il vento in poppa, secondo i sondaggi non secondo i voti, ma quando cambierà il vento naufragherà con i 5 Stelle? Farà anche lui un naufragio come Renzi? E Berlusconi cosa aspetta a scegliere un suo successore? Vuole rimanere al 10% o anche sotto?

al43

Dom, 09/12/2018 - 11:23

Ma a nessuno viene in mente che se Mattarella avesse dato l'incarico del governo al centro destra avremmo i grillini al 60%? Senza la controprova della loro insipienza ci sarebbe sempre stato il dubbio. Ora non c'è più. Si tratta solo di aspettare il momento giusto per togliere loro la sedia da sotto. Naturalmente ci penseranno gli italiani e non i desideri di Berlusconi del quale non si può dimenticare la figura fatta durante i colloqui per la formazione del governo quando ripeteva i comunicati per far vedere che era lui a comandare la baracca. Purtroppo per lui non è così e se ne rendano conto anche i suoi tirapiedi, in primis quello astioso di Brunetta. Chissà poi perché Berlusconi si è messo accanto Confalonieri a Mediaset e sempre mezze tacche nel partito? Io avrei una risposta, ma non voglio annoiare.

INGVDI

Dom, 09/12/2018 - 11:31

Pacata riflessione di ferdinando55, sulla quale Salvini per primo dovrebbe meditare.

Zizzigo

Dom, 09/12/2018 - 11:46

Egregio Direttore, ci si continua a dimenticare che non è stato il contratto a generare questa schifezza di governo, ma un tal Mattarella...

CALISESI MAURO

Dom, 09/12/2018 - 17:36

No caro ZIZZIGO, non e' stato il PdR a non volere il governo di cdx, ma una riforma farlocca voluta da FI + PD per avere il potere e continuare nelle varie porcherie gia' in corso. quindi il suo commento non e' corretto, comunque simile come contenuti dei commenti a cui sopra.. siete una bella famiglia voi di FI, un titanic che affonda senza iceberg:))

lappola

Dom, 09/12/2018 - 18:25

Me lo auguro anch'io

ronico

Dom, 09/12/2018 - 18:53

Egregio Direttore, non condivido la Sua guerra contro Salvini affinché questi rinsavisca. Purtroppo le stupidaggini grilline sono supportate da una schiera di parlamentari, e tutto quello che si può fare è minimizzare gli errori. In altri termini, non esistono alternative: il "partito del Presidente" è pronto a prendere il potere, per ristabilire l'"ordine". Schierando i carri armati di oggi nelle piazze, ovvero la crescita dello spread. Così, bisogna barcamenarsi, sperando che l'Italia si svegli e riprenda a produrre ed a lavorare: cioè a correre come ha saputo fare uscendo da una guerra.

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 09/12/2018 - 22:07

Abbiamo già detto che se cade questo governo è già pronta l'alternativa, il secondo forno, quello tanto amato dal pdr, ma che gli è rimasto nella strozza: PD più M5S. Ma evidentemente non è solo nelle aspirazioni del pdr, ma anche di Forza Italia e, perché no?, anche del nostro Direttore...questione di gusti!

PEPPINO255

Dom, 09/12/2018 - 22:21

La domanda che ci dobbiamo porre è: "perché il Ministro degli Interni NON denuncia il LADRO dei 49 mln di euro spariti dalla Lega ?" Vogliamo coprire un FURTO da 100 miliardi di lire con le CxxxxxE SUI MIGRANTI ? I CxxxxxxI sono tutti al Nord e sono quelli che votano la Lega e la Destra... Ma poi chi ha stabilito che le MAFIE sono "LA DESTRA" ?!??! Il Ministro degli Interni deve garantire legalità e sicurezza:denunci BOSSI !!!