Papa Francesco dimette dallo stato clericale don Mauro Inzoli per abusi su minori

Papa Francesco ha deciso di "licenziare" don Mauro Inzoli, il prete che è stato condannato in primo grado a 4 anni e 9 mesi per abusi su cinque minorenni

Don Mauro Inzoli, il prete condannato in primo grado a 4 anni e 9 mesi per abusi su cinque minorenni, è stato dimesso dallo stato clericale. Ad annunciarlo è il vescovo di Crema, Daniele Gianotti. Il vescovo ha così voluto comunicare alla diocesi la decisione presa da Papa Francesco: "Nei giorni scorsi, la Congregazione per la Dottrina della Fede mi ha comunicato la decisione, presa da papa Francesco il 20 maggio scorso con sentenza definitiva, di dimettere don Mauro Inzoli dallo stato clericale", ha spiegato il vescovo di Crema esprimendo il dolore della Chiesa alle vittime e ai loro famigliari "per il male compiuto da un sacerdote della diocesi".

"Non possiamo pensare che il Papa sia giunto a una decisione così grave senza aver vagliato attentamente davanti a Dio tutti gli elementi in gioco - continua il vescovo - per arrivare a una scelta che fosse per il bene della Chiesa e al tempo stesso per il bene di don Mauro: perché nessuna pena, nella Chiesa, può essere inflitta se non in vista della salvezza delle anime, che può passare anche attraverso una pena così grave, la più grave che possa essere inflitta a un sacerdote. Accogliamo dunque con piena docilità al Papa questa decisione, custodendola prima di tutto nel santuario della preghiera".

Il vescovo Daniele Gianotti spiega che don Mauro Inzoli, essendo stato dimesso dallo stato clericale, "non potrà esercitare il ministero sacerdotale né presiedere le celebrazioni sacramentali, neppure in forma privata". "Tuttavia - prosegue - non è scomunicato: resta un membro della Chiesa, un fratello in Cristo e nella Chiesa è invitato ad attingere, come ogni fedele, alla grazia della Parola e dei Sacramenti, che ci fanno partecipare dell'amore fedele e perdonante di Dio. Chiedo dunque a me e a tutti voi che egli trovi spazio nella nostra preghiera e nella nostra compassione in Cristo, perché la pena che gli è stata inflitta sia per lui non solo punizione ma anche e soprattutto via di conversione, per una nuova comunione con Dio e con i fratelli".

Commenti

diesonne

Mer, 28/06/2017 - 14:41

diesonne evviva la misericordia di papafrancesco

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 28/06/2017 - 15:28

lasciatelo 1 giorno nella mani dei vari genitori dei ragazzi/zze che questo VERGOGNOSO essere umano a Infettato...... allora avra' la punizione del SIGNORE, si del padre e della madre

Ritratto di pulicit

pulicit

Mer, 28/06/2017 - 15:32

Era ora.Regards

duca di sciabbica

Mer, 28/06/2017 - 15:43

meglio per lui, adesso da laico sarà più libero di promuovere marce e ogni genere d'iniziativa contro i pervertiti. In quel campo ha meriti ed esperienza, se non ricordo male. Comunque la pena per lui supera il ribrezzo. IL suo dio, se davvero esiste ed è così misericordioso come si vocifera, troverà anche dei motivi per perdonarlo. Ma certo dovrà mettersi d'impegno.

leopard73

Mer, 28/06/2017 - 15:57

SPERIAMO CI SIA UN PO DI GALERA OLTRE ALLA SCOMUNICA.

Ritratto di Farusman

Farusman

Mer, 28/06/2017 - 16:08

C'è voluto il papa? Non poteva farlo già da subito questo Vescovo misericordioso? Preghi lui, se vuole, a me fa venire il voltastomaco.

AndreaT50

Mer, 28/06/2017 - 16:12

E tutti gli altri?

Fjr

Mer, 28/06/2017 - 17:17

Eh ce n'è,ce n'è, ha voglia a licenziare, ma la tonaca però non la molla ,ok si aprono le scommesse,vediamo fra quanto tempo sentiremo parlare ancora di questa bella anima di Dio

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 28/06/2017 - 17:21

Banda di ipocriti schifosi...dal vertice alla base.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mer, 28/06/2017 - 17:27

La punta dell'iceberg...

dagoleo

Mer, 28/06/2017 - 17:37

Ma si come per l'aborto. Una preghiera, una confessione e sei a posto.

Trinky

Mer, 28/06/2017 - 17:37

E tutti quelli che ci sono in vaticano? stendiamo un velo pietoso su di loro solo perchè tengono nascosti i nomi?

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 28/06/2017 - 18:59

Se li licenzia tutti chiudono.

Anonimo (non verificato)

rossini

Gio, 29/06/2017 - 08:24

Volano gli stracci. I pretonzoli di periferia. E i reverendissimi Cardinali? Il Papocchio preferisce occuparsi delle pensioni d'oro e d'argento. Di quelle italiane. Perché di quelle argentine, spagnole o francesi non ne parla proprio. Togliete l'8 per 1000 alla Chiesa cattolica. La dichiarazione dei redditi si avvicina. Ciascuno ne convinca un altro. Passate parola.