Papa Francesco incontra il presidente iraniano Rouhani

Il Pontefice incontra il leader iraniano: "La ringrazio tanto per questa visita e spero nella pace"

Quello di oggi in Vaticano tra Hassan Rouhani e Papa Francesco è un incontro storico. Il presidente iraniano è giunto in Vaticano con una decina di minuti di ritardo rispetto all'orario prefissato. Assieme a lui il ministro degli Esteri, l'ambasciatore presso la Santa Sede e una donna del personale diplomatico che gli ha fatto da interprete durante i colloqui in cui Rohani si è espresso in lingua farsi e il Papa in italiano.

Rohani ha donato a Papa Francesco un tappeto persiano rettangolare, prodotto artigianalmente a mano nella città santa di Qom e un grande volume di miniature. Il Pontefice ha ricambiato con un medaglione di San Martino che dona il suo mantello al povero, definito da Francesco "un segno di fratellanza gratuita" nonché due coppie dell'enciclica "Laudato si'".

"Non esiste una versione in lingua farsi - ha premesso il Papa - quindi le consegno una copia in inglese e mi permetto di darle anche una copia in arabo".

Nel congedarsi da Rohani, che si avviava verso la prima loggia del Palazzo Apostolico per il colloquio con il segretario di Stato Pietro Parolin, il Papa ha detto al presidente: "La ringrazio tanto per questa visita e spero nella pace". Uno scambio di battute che testimonia il clima cordiale dell'incontro e indica anche il tono di un colloquio tra due personalità mondiali che sono entambi leader religiosi. Rohani è arrivato in Vaticano con qualche minuto di ritardo ed è salito alla seconda Loggia del Palazzo Apostolico con un seguito di 12 persone.

L'incontro nella Biblioteca privata è così iniziato alle 11,12 ed è finito alle 11,52. E nei 40 minuti sono stati presenti due interpreti: un sacerdote per il Papa e una donna velata, impiegata dell'ambasciata iraniana presso la Santa Sede, per il presidente. Al termine Rohani ha presentato al Papa i suoi collaboratori, ad iniziare dal ministro degli esteri Javad Zarif.

C'erano anche l'ambasciatore presso al Santa Sede e il suo vice. C'è stato poi lo scambio dei doni e Rohani ha presentato al Papa un tappeto lungo un un metro e largo circa 60 cm: "Questo è stato fatto a mano nella città santa di Qom", gli ha detto. L'altro dono giunto da Teheran e presentato a Francesco era un grande volume con una raccolta artistica di miniatura. Francesco ha risposto con un medaglione di san Martino, spiegando che "il Santo si toglie il cappotto per coprire il povero: un segno di fratellanza gratuita".

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/01/2016 - 13:41

È giusto che un Papa STRINGA la mano ad un dittatore e carnefice?

nopolcorrect

Mar, 26/01/2016 - 13:43

Papa Francesco è un catto-comunista, terzomondista, anti-italiano, anti-europeo e anti-nordamericano.Se Rohani ha fatto impiccare giovani Iraniane o giovani Iraniani innocenti, a lui, diciamoci la verità, non gliene potrebbe fregare di meno. E' chiaro? Si può dire la verità schiettamente e senza giri di parole?Grazie.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 26/01/2016 - 14:17

il papa poteva portare quel barbone a far vedere i gay... :-)

ziobeppe1951

Mar, 26/01/2016 - 14:23

Che gliene frega a franceschiello delle decapitazioni di massa, l'importante è che non gli decapitano il portafogli

@ollel63

Mar, 26/01/2016 - 14:35

francesco argentino, per favore togli il disturbo, torna in argentina o chiedi asilo in iran presso un minareto. Va là!

Libero1

Mar, 26/01/2016 - 14:46

L'incontro tra il diavolo e l'acqua santa. Sarei curioso sapere cosa si sono detti. E se il papa ha fatto coprire qualche statua per evitare che il presidente dell'iran si scandalizzasse.

audace

Mar, 26/01/2016 - 15:17

Un Papa senza ritegno, da la mano ad assassini, se ne frega dei cristiani uccisi nel mondo, non si cura dei poveri italiani e europei, si disinteressa dei bambini orfani in Europa, unico suo interesse, aprire, a casa d'altri, no al Vaticano, l'ingresso a clandestini che fruttano tanti bei soldoni alla chiesa .....

Ritratto di malatesta

malatesta

Mar, 26/01/2016 - 15:18

Volere la pace non significa accondiscendere supinamente a tutto pur di non urtare la suscettibilita' altrui...Papa Francesco ha sposato la REAL POLITIK, rifuggendo quindi da ogni premessa ideologica o MORALE..a quando il lavaggio dei piedi?

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 26/01/2016 - 15:29

Che uno squallido renzi copra le statue, fossi Rouhani mi sarei offeso, è tipico di questa nullità domestica. Che questo altrettanto squallido pseudo papa stringa le mani ad un assassino è pazzesco ed inaccettabile. Franceschiello, (la maiuscola è solo per inizio frase) vergognati e sparisci.

paolonardi

Mar, 26/01/2016 - 15:30

Questo falso Papa e' un disonore per tutta la Storia e per tutti i cristiani torturati ed uccisi dai cenciosi come Rohani in nome di un dio che impone ai suoi credenti un comportamento vigliacco e sanguinario.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 26/01/2016 - 15:45

Il papa come potete vedere nella foto, per non offendere il suo gradito ospite, si è coperto il cervello.

Raoul Pontalti

Mar, 26/01/2016 - 16:12

L'occhiello relativo alle decapitazioni di massa che compare in prima pagina a corredo dell'articolo, poi non ripreso nel testo, è in evidente carattere di cappella: è in Arabia che continuano, non in Iran dove le ultime risalgono a Tamerlano che occupò e soggiogò la Persia nel XIV secolo. Ricordo qui che da sempre i rapporti tra Iran e Santa Sede sono eccellenti con reciproco riconoscimento ufficiale e scambio di rappresentanti diplomatici. Nell'articolo non si dice che Santa Sede e Iran convergono per quanto riguarda l'accordo sul nucleare e sul fatto che devono riprendersi a Ginevra i colloqui di pace per la Siria.

franco-a-trier-D

Mar, 26/01/2016 - 16:17

fORSE ROHUANI HA RICORDATO AL PAPA I TEMPI DELLA INQUISIZIONE CRISTIANA E QUELLO CHE LE CROCIATE FACEVANO AI MUSULMANI? GLI STERMINI DI DONNE E BAMBINI? CHISSà..

franco-a-trier-D

Mar, 26/01/2016 - 16:17

fORSE ROHUANI HA RICORDATO AL PAPA I TEMPI DELLA INQUISIZIONE CRISTIANA E QUELLO CHE LE CROCIATE FACEVANO AI MUSULMANI? GLI STERMINI DI DONNE E BAMBINI? CHISSà..,

ziobeppe1951

Mar, 26/01/2016 - 16:37

Pontalti...16.12...con ciò vorresti dire che il "governo" iraniano è civile e democratico? Non continuare a girarci intorno

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 26/01/2016 - 17:01

Francotiraendre' prima di sparare minchiate bisognrebbe non dico avere studiato, che comporta una fatica inaudita lo riconosco, ma almeno avere letto qualcosina. Il profeta islamico nasce nel 570 e tira le cuoia nel 630, la prima crociata avviene nel 1096... ora prima di sparare minchiate, vada a leggersi cosa hanno combinato gli islamici nell'attuale Europa in quei 400 anni... E poi si ricordi che esiste il diritto di parola, non l'bbligo a tutti i costi.

Raoul Pontalti

Mar, 26/01/2016 - 17:32

Sì ziobeppe, l'Iran è civilissimo e pure democratico anche se non secondo i nostri standard. La raffinata civiltà iraniana è ben apprezzabile non solo dai viaggiatori come me ma anche dal semplice turista dei tour organizzati, mentre la democrazia iraniana è complessa e con molte ombre sicuramente che però non oscurano una realtà positiva. Ricordo poi che in Iran le minoranze religiose sono tutelate e addirittura rappresentate in quanto tali alla Majlis (Parlamento): un ebreo, due cristiani e due zoroastriani vi siedono in rappresentanza delle rispettive comunità religiose.

Raoul Pontalti

Mar, 26/01/2016 - 17:45

Per una volta ha ragione Tier von Trier (la bestia di Treviri). Restando alle crociate queste hanno comportato i più morti cristiani per mano cristiana che per mano musulmana. Basti ricordare le crociate dei pezzenti e dei fanciulli, o anche la IV crociata che si risolse nel sacco della cristiana Costantinopoli, la devastazione dell'impero bizantino e la messa a morte di migliaia di cristiani ortodossi da parte dei "cattolici" crociati. Stendiamo un velo pietoso sul massacro dei Prussiani autentici (popolo baltico estinto nel sangue ad opera dei monaci guerrieri dell'Ordine teutonico), degli Amerindi che rifiutavano il battesimo, dei Sassoni, etc. Stendiamo un altro velo sulle guerre di religione che insanguinarono l'Europa moderna fino al XVII secolo. Per contro l'islamizzazione del medio Oriente e del Nord Africa fu pacifica e quella ispanica e balcanica fu reversibile.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 26/01/2016 - 19:52

PONTALTI, mi sa che ha scocciato con i suoi patetici e ridicoli commenti da perfettino idiota :-)

Vigar

Mar, 26/01/2016 - 19:55

E bravo franceschiello. Peccato che l'iraniano non beva vino altrimenti avrebbero potuto farsi una bella bicchierata.......ma se la sarà fatta sicuramente dopo!

ziobeppe1951

Mar, 26/01/2016 - 20:25

Pontalti...il TUO ragionamento, dal TUO punto di vista non fa una piega, del resto ti ho sempre considerato un beota