Parla il papà di Loris: "Sembra sia stata lei"

Davide Stival ammette le proprie paure: "Ci sono troppe coincidenze". L'appello della moglie: "Non mi abbandonare, sono innocente"

Crollano le certezze di Davide Stival, il papà del piccolo Loris, che si confessa ai microfoni di Quarto Grado, in onda venerdì 12 dicembre prossimo. È certo solamente di una cosa: chi è stato deve pagare. E teme la più atroce della verità, ovvero che a uccidere suo figlio sia stata Veronica, la moglie: "Dice di aver portato Loris a scuola, ma ci sono troppe coincidenze contro di lei".

Davide ha sempre visto in Veronica una donna normale, senza ombre. Ma ora i dubbi si fanno sempre più forti. Non sa nulla del tentato suicidio della moglie e confessa di venirne a conoscenza solo adesso. Parla di coincidenze - "perché dei fotogrammi sono soltanto fotogrammi...ma ci sono tante coincidenze contro di lei" - che porterebbero alla più macabra delle conclusioni: "Per quello che ho visto e per le tante coincidenze che lei non dice, sembra sia stata lei... A quanto mi hanno fatto vedere gli inquirenti, lei non è andata a scuola. Ho chiesto a mia moglie se fosse andata, ma lei mi dà sempre la stessa versione, con sicurezza dice: L'ho accompagnato". Elimina ogni possibilità di violenze pregresse perché "Loris era un bambino tranquillo, tranquillissimo. Non ha mai dato segnali. Ci sentivamo tramite messaggi vocali e scritti. Era contento". Ritorna infine sul fatto che "chi è stato è stato. Anche se è stata mia moglie, deve pagare. Se ci sono le prove perché dovrei starle accanto?".

Per ora Veronica Panarello rimane in carcere e agli agenti dice che non desidera incontrare nessuno: "Adesso voglio solamente stare da sola". Vorrebbe partecipare ai funerali del figlio e implora il marito di non lasciarla: "Non mi abbandonare, sono innocente".

Commenti

Iacobellig

Mer, 10/12/2014 - 18:34

...un altro caso Franzoni? se le cose stanno come venhono raccontate purtroppo non sarà neppure l'unica e ultima. tutto origina dall'equilibrio scarsissimo che è insito nella "struttura" della donna, in grado di affrontare solo quanto la natura le ha conferito all'origine, ma neppure comune a tutte.

miales

Mer, 10/12/2014 - 19:04

Il papà sostiene che Loris non avesse abitualmente le chiavi di casa.E' probabile che gliele abbia date la mamma e quindi si spiegherebbe perchè quest' ultima sia rientrata dal garage salendo su , facendosi aprire dallo stesso Loris.Ciò smonterebbe almeno la tesi della premeditazione puntando sul raptus omicida.