Parma, coppia trovata morta in casa: si pensa a un omicidio-suicidio

Un uomo di 51 anni ha ucciso la compagna prima di togliersi la vita: sull'episodio stanno indagando gli inquirenti mentre l'appartamento è sotto sequestro

Nella tarda serata di giovedì sera si è consumato a Parma un omicidio-suicidio in un appartamento di via Gibertini, nel cuore del quartiere San Lazzaro.

Paolo Cocconi, un 51enne di Parma ha ucciso Arianna Rivara, 44enne con cui aveva avuto una relazione prima di togliersi la vita. Sulla dinamica stanno indagando gli inquirenti ma la cosa certa è che non è stata utilizzata nessuna arma da sparo.

Come riporta La Repubblica, poco dopo le 23 alcuni inquilini hanno sentito delle voci e un urlo soffocato proveniente dal terzo piano, poi la telefonata di due studentesse dell'appartamento di fronte quello di Cocconi al 112: "Venite, c'è qualcuno che ha bisogno di aiuto".

Arrivati sul posto i carabinieri, aiutati dai vigili del fuoco, sono entrati nell'alloggio dell'uomo attraverso il balcone forzando una finestra. Paolo Cocconi e Arianna Rivara sono stati così ritrovati privi di vita.

I due erano colleghi, lavoravano entrambi in una nota azienda di Parma che in mattinata ha diramato una nota ai dipendenti perché colpita dal gravissimo lutto. La donna aveva vissuto per un periodo insieme a Cocconi ma da qualche tempo, secondo i vicini, non si vedeva più nell'apparamento.

Oltre agli inquirenti, sul posto sono arrivate la mamma e la sorella di Arianna Rivara: la cercavano invano da ore sul cellulare, erano preoccupate perché non ricevevano risposta. I corpi sono stati portati all'Istituto di medicina legale mentre l'appartamento è stato posto sotto sequesto.