Parma, nigeriano mostra pugni per minacciare carabiniere in tribunale

L'episodio durante il giudizio direttissimo nei confronti dell'extracomunitario, accusato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale per aver colpito con calci e pugni i militari durante una normale operazione di controllo

Ha minacciato un carabiniere dopo essere entrato in un'aula del tribunale di Parma, mimando con i pugni un gesto di aggressione nei suoi confronti.

Protagonista dell'episodio un pregiudicato nigeriano di 29 anni, finito alla sbarra a causa di una violenta reazione nei confronti dei militari di Parma durante un semplice controllo di routine.

Lo straniero, un senzatetto, era stato fermato nel corso di un'operazione di pattugliamento del territorio coordinata, svolta dai carabinieri nella giornata dello scorso martedì. Nervoso fin da subito, l'africano aveva fornito due differenti identità e date di nascita nelle fasi di identificazione, per poi scagliarsi contro gli uomini dell'Arma, colpendoli con forti calci e pugni.

La reazione spropositata dell'extracomunitario aveva comportato l'arresto, al quale ha fatto quindi seguito il giudizio direttissimo, svoltosi nella giornata di ieri. Le intemperanze del 29enne sono proseguite anche all'interno del tribunale, dove ha mostrato i pugni in un atto chiaramente intimidatorio nei confronti di uno dei carabinieri presenti.

L'udienza si è conclusa col rinvio del processo al prossimo 20 settembre, mentre l'africano è stato tradotto dietro le sbarre della locale casa circondariale.

Commenti

venco

Ven, 06/09/2019 - 15:57

Questo tizio d'ora in poi non deve assolutamente circolare libero in Italia