Le parole su Radio Maria: "Cirinnà, il funerale arriva anche per te"

Il direttore di Radio Maria tuona contro il ddl di cui è la prima firmataria. "Glielo auguro lontano, ma succederà"

"Questa qui, Monica Cirinnà, mi sembra un pò la donna del capitolo diciassettesimo dell'Apocalisse, la Babilonia, che adesso brinda prosecco alla vittoria. Signora, arriverà anche il funerale, stia tranquilla. Glielo auguro il più lontano possibile, ma arriverà anche quello".

Sono parole disarmanti quelle pronunbciate su Radio Maria, la voce è quella del direttore, don Livio Fanzaga, impegnato nella lettura della rassegna stampa della mattina. La parlamentare prima firmataria del ddl relativo alle unioni civili è la donna di cui parla il sacerdote e che prende con una certa filosofia le parole andate in onda: "Mo me lo segno".

Commenti

dondomenico

Gio, 04/02/2016 - 10:19

Brava! Segnatelo ..ma con inchiostro indelebile!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 04/02/2016 - 10:27

Chissà se non muore prima d'infarto il marito visto l'avviso di garanzia per il reato di abuso d'ufficio.

marco.olt

Gio, 04/02/2016 - 12:05

Loro al governo ...quelli dello zoo di Babilonia, felici di volerci far vivere in un mondo surrealista dove per vedere certe cose non devi neanche assumere LSD.

i-taglianibravagente

Gio, 04/02/2016 - 15:04

Bravo Padre Livio! Giusto ricordare alla Cirinna' e ai suoi simili che il gioco che piace loro tanto fare, quello di DEFECARE su qualsiasi cosa sacra e SOVVERTIRE ogni verita' e' qualcosa per cui prima o poi tutti devono rispondere. E non bastera' dire..."Ah..ma io sono laico, io non credo"...questi giochetti con il Padre Eterno non tengono...

Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Lun, 15/02/2016 - 12:44

E dove sarebbe lo shock ??? Forse per gli atei che, non riconoscendo la loro creaturalità, la loro finitezza, credono di essere immortali. Il concetto espresso da padre Livio è di una ovvietà imbarazzante per le menti offuscate dal "pensiero debole": Arriverà presto per voi, come per tutti, il REDDE RATIONEM: sicut in caelo et in terra !!! E allora dovrete guardare in faccia la Verità, non il relativismo.