La parrucchiera e il killer

Cosa lega la vicenda di una parrucchiera del Comasco multata perché si è pettinata nel suo negozio senza poi farsi la ricevuta a quella del killer immigrato in fuga per le campagne del Ferrarese? Apparentemente nulla, ma non è così. In entrambi i casi c'è di mezzo lo Stato e il suo atteggiamento nei confronti dei cittadini: pignolo, invadente e ossessivo con gli italiani, permissivo e indulgente verso gli immigrati clandestini, al punto che un pregiudicato con due decreti di espulsione è stato lasciato libero di stare tra noi e uccidere a ripetizione.

La domanda è semplice: perché lo Stato trova il tempo e le risorse per perseguitare una povera parrucchiera mandandogli fuori dal negozio i militari della Guardia di finanza a tendergli un vero agguato (non è un caso isolato, a Bergamo delle mamme sono state multate per mille euro perché in un parco pubblico distribuivano pane e marmellata ai loro bambini senza ovviamente avere alcuna licenza commerciale) e poi non si occupa di fare eseguire con altrettanta solerzia ed efficienza i (già pochi) decreti di espulsione di stranieri indesiderati?

Risolvere il problema che sottintende a questa domanda vorrebbe dire fare un grosso passo in avanti per diventare un Paese migliore, più giusto ed equo. Da troppo tempo invece i nostri governi hanno chiuso gli occhi in nome di una falsa solidarietà e hanno permesso una «doppia velocità» nel contrasto all'illegalità. Così abbiamo una magistratura inflessibile nei confronti dei colletti bianchi e praticamente assente nel perseguire e punire adeguatamente i reati connessi all'immigrazione; così Equitalia è stata scatenata, direi scagliata senza pietà, contro i contribuenti ma si permette ai venditori abusivi di prodotti contraffatti di fare il bello e il cattivo tempo per le vie delle nostre città. Solo di recente pare ci sia più impegno nel combattere la piaga dei diritti costituzionali negati da immigrati islamici a figli e mogli (imposizione forzata del velo, matrimoni combinati, divieto di frequentare occidentali).

Il killer di Budrio, in fuga e ora braccato da un esercito, è il prodotto di questa Italia stupidamente a caccia di parrucchiere e mamme al parco, invece che di persone che vivendo costantemente nell'illegalità costituiscono una vera e costante minaccia per le nostre comunità. L'eccesso di tolleranza produce più danni dell'intolleranza.

Commenti
Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 10/04/2017 - 15:29

"La domanda è semplice: perché lo Stato trova il tempo... " forse perchè i tuoi amici non pagano le tasse e quindi le guardie per fare benzina si devono appellare al codice, che esiste e deve essere rispettato. da tutti.

Ritratto di sepen

sepen

Lun, 10/04/2017 - 15:34

C'è molto di più, caro Diretur... Lo stato (S volutamente minuscola) è da almeno 40 sinonimo di refugium pecatorum, la mamma che tutti vorremmo avere, la cuccagna a spese di Pantalone, chiamala come vuoi. Nel momento in cui l'impiego statale, o più in generale, l'incarico pubblico diventa una sine cura, un vitalizio a costo zero (per loro), è chiaro che si può finire solo così. A multare le mamme di Bergamo non si rischia nulla (e si viene pagati lo stesso, magari anche di più), a mettersi sulle tracce di un assassino si rischia la pelle. Moltiplicate questo ragionamento per tutte le micro-ingiustizie d'Italia e vedrete che il conto torna.

LucaRA

Lun, 10/04/2017 - 15:54

"Inflessibile nei confronti dei colletti bianchi" è troppo persino per lei direttore. Minuscole volute.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Lun, 10/04/2017 - 16:08

Io qui denuncio formalmente il mio barbiere che ogni settimana vedo spuntarsi con le forbici i baffi allo specchio del suo salone e poi, udite udite, lavarsi le mani con la saponetta posata su uno dei lavandini. E di nascosto, si spruzza pure dell' acqua di colonia dotazione del salone. Che evasore! E taccio del mio barman che si mangia un cornetto nella sua caffetteria...e poi si beve pure un bicchiere d'acqua minerale.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Lun, 10/04/2017 - 16:12

Purtroppo a malincuore ma una cosa bisogna dirla. Da molti anni si è praticamente instaurato un sistema di successione per cui i figli di poliziotti, carabinieri, guardia di finanza, esercito, vigili, succedono ai padri, quasi automaticamente. Una volta questo era un automatismo riservato ai notai e a poche altre attività privileggiate. Purtroppo è insito nella natura umana che grandi padri non producano automaticamente grandi figli. Io mi auguro che restino attive le metodologie di nomina basate come sempre sul merito se no rischiamo di trovarci i raccomandati incapaci anche in sala operatoria. Già abbiamo i politici che piazzano frotte di pupi un po' ovunque!

Ritratto di giannantonj

giannantonj

Lun, 10/04/2017 - 16:16

Mi scusi, direttore, ma al lunedì Lei pare un po' appannato: forse a causa della crapula domenicale. Allora mi segua nel sillogismo d'impefetta figura, per piacere: 1) Solo i cittadini italiani devono pagare le tasse; 2) Le parrucchiere e le mamme sono "cittadini" italiani; 3) Le parrucchiere e le mamme devono pagare le tasse. Ne deriva che, per il principio di non contraddizione, un uomo straniero, che non sia nè mamma nè parrucchiera, sia libero di uccidere i suoi simili e scorrazzare per il delta del Po. Non è mica un contribuente!

VittorioMar

Lun, 10/04/2017 - 16:26

....e poi ci meravigliamo del perché il M5S ha tanti voti? ..CHI FA E DISFA LA POLITICA IN ITALIA ?....LE ISTITUZIONI SONO STATE ESAUTORATE : OGNI GIORNO FESTEGGIANO QUALCHE SCONFITTA !!

Augusto9

Lun, 10/04/2017 - 16:37

Certo è molto più facile stare delle ore appostati fuori dai negozi per comminare queste multe! Spendessero invece soldi e e risorse per rimpatriare questi delinquenti, invece di dargli un foglietto con l'espulsione, e poi lasciarli liberi di andare dove vogliono. E tutto questo a gente che vive di delinquenza, e non gli fa certo paura di essere di nuovo pizzicati. Visto le pene che diamo e come le facciamo scontare.

Zizzigo

Lun, 10/04/2017 - 16:40

Lo stato ha il fiato e il cervello corti... per questo non riesce a catturare le lepri e sgambetta i vecchietti paralitici!

giolio

Lun, 10/04/2017 - 16:50

riccio.lino.por...si capisce subito che lei non lavora non ha casa non ha un esercizio proprio.

Una-mattina-mi-...

Lun, 10/04/2017 - 16:59

TUTTA COLPA DELLA "PERCEZIONE". Infatti lo stato vuole "percepire" più soldi possibile, e ricorre a qualsiasi scandaloso pretesto per la spoliazione del cittadino onesto. Il cittadino onesto "percepisce" di essere l'agnello pasquale, la vittima designata tutto lo stramaledetto anno. Il delinquente "percepisce" che in italia l'impunità, di fatto, è normata e tutelata grandemente. OGNUNO "PERCEPISCE", INSOMMA...

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 10/04/2017 - 17:30

giolio, lavoro, ho 2 case e in proprio mi metto le dita nel naso, ma pago le tasse. si vede proprio che sei un babbeo evasore e scommetto che hai anche la scusa pronta per giustificare.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Lun, 10/04/2017 - 17:33

Secondo i dati della questura, i reati denunciati dalla Polizia sono in linea con quelli dello scorso anno. Il numero di delitti comunicato dalla Questura alla magistratura è superiore a 4000 come nel 2015; sono aumentate le persone arrestate ossia 707 contro le 494 dello scorso anno; mentre sono diminuite da 3326 a 2931 le persone denunciate a piede libero. tutto questo mentre voi cercate le scuse per non pagare le tasse.

INGVDI

Lun, 10/04/2017 - 17:40

Uno Stato immorale è pro Caino. Sforna leggi vergognose per cercare di attenuare i propri sensi di colpa. Ladri, disonesti e traditori siedono in Parlamento, ci governano, è naturale che proteggano e favoriscano i propri simili.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 10/04/2017 - 17:41

Dicono le cronache che solo a Roma ci sono 18.000 ambulanti abusivi (quasi tutti africani), e nessuno interviene. Anni fa un pensionato che vendeva in strada 35 pesche (trentacinque) del suo frutteto, tanto per arrotondare la pensione, fu multato per 5.000 euro, perché senza licenza. Stessa multa ad un ragazzo che, l’anno scorso per Pasqua, vendeva le palmette intrecciate fuori dalla chiesa ad Olbia. Un commerciante fu multato perché teneva fuori dall’ingresso una ciotola con acqua per i cani randagi (occupazione di suolo pubblico). Un pizzaiolo fu multato per 2.400 euro da pagare entro le 48 ore perché la moglie, saltuariamente, gli dava una mano al banco e non risultava dipendente. Ricorderete che quel pizzaiolo, non avendo i soldi per pagare la multa, si suicidò. L’elenco delle idiozie è lungo e tragico. Unico filo conduttore; la stupidità umana.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 10/04/2017 - 17:42

A proposito di Vaclavic, ieri ho scritto: “Io stesso, in passato, ho riportato l'esempio di un senegalese, parcheggiatore abusivo in un centro commerciale, fermato dagli agenti per rissa con un cliente al quale aveva chiesto dei soldi sotto la minaccia di danneggiare l’auto (è il loro “lavoro” abituale); risultò avere non uno, ma ben 5 decreti di espulsione. Ed era ancora nello stesso parcheggio a praticare l’estorsione (perché questo è). Potete scommettere che quel senegalese, ancora oggi, è lì al suo "posto di lavoro" abusivo.”. Caro Sallusti, ormai non ha senso nemmeno lamentarsi. Viviamo in uno Stato arrogante che considera i cittadini come sudditi da opprimere e vessare con l’imposizione di sempre nuove tasse, imposte e balzelli per finanziare il proprio apparato. Non è cambiato molto dai tempi di regimi dispotici. L’unica differenza è l’illusione di eleggere liberamente i nuovi despoti.

evuggio

Lun, 10/04/2017 - 17:52

bisognerebbe riuscire a "sbendare" la "mummia del colle"

giolio

Lun, 10/04/2017 - 17:59

riccio.lino. por... Bravo!!!!!!! continua a mangiarti i moccoli

acquario13

Lun, 10/04/2017 - 18:03

riccio.lino.por: Le auguro di far parte di quei numeri elencati, affinché si renda conto che sono pure troppi... senza pensare che ormai i cittadini non denunciano nemmeno più, poiché, con un'Italia al contrario, c'è il rischio di essere incriminati, mentre c'è la certezza di non ottenere nulla, a meno di essere assicurati..... Per le tasse: C'è sempre qualcuno più immacolato di lei.....

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 10/04/2017 - 18:07

Ma qual è la causa di questo sfacelo? Caro Sallusti, poco tempo fa, lei ha scritto che si augurava che questo fosse l’anno dell’intelligenza. Le risulta che l’intelligenza sia una delle caratteristiche principali di questo mondo? No, l’aspetto più evidente e più diffuso è la stupidità. Lo diceva anche Einstein. Stupidità che spesso è la causa di regolamenti e leggi cervellotiche e di applicazioni ancor più idiote. E chi fa le leggi? Ovvio, il Parlamento. Allora, per dirla alla Lubrano, la domanda sorge spontanea: sono previsti requisiti di intelligenza per entrare in Parlamento? No. Può entrarci anche lo scemo del villaggio; lo garantisce, per evitare discriminazioni, la Costituzione più bella del mondo. Le risulta che per svolgere una qualunque attività professionale sia richiesta l’intelligenza? No. L’intelligenza, a parte rarissimi casi, è l’unico requisito non richiesto e non necessario. Ecco perché il mondo gira storto; perché è stupido.

AMOX

Lun, 10/04/2017 - 18:16

AMOX1989. LA TOLLERANZA È UN MALE NECESSARIO. QUINDI BISOGNA AVERNE IL MENO POSSIBILE; PERÒ È UN MALE QUANDO È TROPPA E ANCORA DI PIÙ QUANDO È TROPPO POCA. IN ITALIA PERÒ,GIUSTAMENTE COME DICE SALLUSTI, SE È TROPPA PER GLI STRANIERI ROM E DELINQUENTI ED INESISTENTE PER INCENSURATI E UOMINI DI BUONA VOLONTÀ E DI TALENTO; SE SI USA IL PETTINE SENZA DENTI A SINISTRA E UN PETTINE A DENTI STRETTI A DESTRA; SI LASCIA I SINISTRI PIENI DI PIDOCCHI E SI STACCA LA TESTA AGLI UOMINI DI BUONA VOLONTÀ E DI TALENTO CHE HANNO FATTO GRANDE IL NOSTRO PAESE, DURANTE LA PRIMA REPUBBLICA. UOMINI CHE HANNO SEMPRE ONORATO IL NOME ITALIA ANCHE ALL'ESTERO.

Ritratto di Riky65

Riky65

Lun, 10/04/2017 - 20:44

La colpa non è del tutto dello stato in se stesso ma dai burocrati e funzionari ,sempre presenti e quasi intoccabili, dai grandi a quelli più piccoli che sfogano le loro pulsioni tiranniche più bieche su i cittadini più indifesi, in modo sadico quasi godendo delle loro solerti azioni .Complimenti a questi esempi di italiani perfetti!

laura bianchi

Lun, 10/04/2017 - 21:06

EGREGIO SIGNOR GIANO:dispiace,non leggere la mia personale risposta ai suoi post, sempre lucidi ed impeccabili,pregni di realtà:a tal proposito, potrei dirne a iosa...ma il nostro Giornale,preferisce sorvolare,contenti loro...contenti tutti.Stia bene...Sallusti. Saluti a GIANO.PERFETTO.

edo1969

Lun, 10/04/2017 - 21:18

Stavolta mi alzo in piedi e faccio un applauso a Sallusti, e lo dico senza ironia alcuna. Ma aggiungo una cosa, direttore: se continua così andremo verso una dittatura di beutto stampo: ancora qualche anno di sbando, di vessazioni e ingiustizia, di vittime innocenti come questo caso di Budrio. E poi vedrete cosa succederà in quaesto Paese.

AndyCorelli

Lun, 10/04/2017 - 22:20

Forse perchè a fare multe si incassa, ad espellere si spende...

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mar, 11/04/2017 - 07:37

Direttore poco da aggiungere, il nostro stato non ha mai capito il concetto e soprattutto l'importanza dell'esempio. Se tu non sei corretto con me io ho il sacrosanto diritto di non esserlo con te, se tu non mi rispondi io, che invece devo farlo per forza, ti frego in altri modi, se hai figli buoni e figli non io non ti appartengo. Ad esempio, se un bambino non va a scuola i genitori devono fornirlo di giustificazione mentre uno zingarello può elemosinare ai semafori. Questo è innanzitutto razzismo (diritti e doveri diseguali), se i politici fossero coerenti dovrebbero avere il coraggio di rendere legittimo per legge l'accattonaggio dei bimbi zingari almeno avrebbero salvato la forma ... meglio che niente.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mar, 11/04/2017 - 07:45

x Giano concordo ma dissento su un punto, nei regimi dispotici si arricchisce il despota e gli amici, in italia si arricchiscono 3 milioni di despoti più gli amici degli amici degli amici. Un saluto

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 11/04/2017 - 08:24

Ormai in Italia c'é solo la soltataia assoldata dal potente del momento. Ci vorrebbe un " Robin Hood ". Fortuna che me ne sono andato via da questo paese.

chebarba

Mar, 11/04/2017 - 08:42

il problema dell'italia è il familismo e le false ideologie cui ancora si è attaccati, presente già negli anni sessanta (ma c'era ancora gente con una qualche dignità) esploso negli anni '80 e da lì il tracollo, evidente nei luoghi del governo, del legiferare, della magistrtura,lì non per il bene del paese e del prossimo ma soprattutto per sistemare sè, amici, parenti e affini. Nel suo piccolo ogni italiano pensa illegalmente o illecitamente magheggiando un pò a sistemarsi i casi fuoi infischiandosene di regole, principi veri e buon senso e i risultati si vedono in tutti i campi, il problema è che costoro stanno diventando la maggioranza....

Joe Larius

Mar, 11/04/2017 - 11:13

Repetia iuvant:"Le LEGGI, la morale, la religione sono per lui (il comunista ndt) altrettanti pregiudizi borghesi dietro i quali si nascondono altrettanti interessi borghesi" Dal "Manifesto del partito comunista", elaborato dal loro "vate" Charly Marx, partito che, sia pure travestito e a ranghi sparsi, la maggioranza dell'italico popolo sopporta da anni al potere del quale si è impadronito senza libere elezioni.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 11/04/2017 - 11:28

È persino commovente il candore con cui riccio.lino afferma che in italia basta pagare le tasse per vivere in santa pace. Forse lui, nel suo immaginario Paese della Meraviglie, non si è ancora reso conto di vivere in uno stato FORTE COI DEBOLI E DEBOLE COI FORTI! Forse non sa che basta un nulla per essere presi dagli spietati ingranaggi di una Giustizia ingiusta capacissima di stritolare un innocente! Non ha ancora imparato che questo è il paese delle stragi impunite, del sindacalismo arrogante, della partitocrazia imperante, della negazione costante di quello che dalle altre parti è noto col nome di STATO DI DIRITTO! Qui i diritti li hanno solo i mafiosi, i raccomandati, i grandi evasori, i politici, i boiardi di stato, i magistrati, i rom, i migranti, i clandestini, i ladri e compagnia briscola. Se queste cose accadessero sotto un governo di centro-destra, lui sarebbe il primo a scagliare fulmini contro il potere costituito, ma dato che comandano i suoi amici, allora…

dagoleo

Mar, 11/04/2017 - 12:55

Il motivo caro direttore è semplice. E' uno stato infingardo e debole, ed ovviamente essendo tale trova più facile mostrarsi forte con i deboli, ma soprattutto con le persone civili, e debole invece con i forti, gli arroganti e gli aggressivi di cui hai timore anche fisico, ma soprattuto hai timore delle conseguenze che rischi se li richiami al dovere ed al rispetto delle leggi e delle regole dello stato. E' questo uno stato a copia ed immagine delle boldrane, dei Ventola dei radical chic, insomma di tutta quella corte dei miracoli che gestisce questa nazione e che la vuole ridurre allo stremo.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Mar, 11/04/2017 - 13:05

Per la ricerca del fuggiasco è sceso in campo anche il comandante generale dell'arma! Presto arriverà l'incrociatore garibaldi alla foce del po. Mi vado a prendere un caffè in attesa che il nostro esercito catturi un sozzo immondezzaio in fuga, per altro ferito. Per controllare gli esercenti di negozietti di paese mettiamo in campo appostamenti di potenti pattuglie, alla faccia dei mega accertamenti informatici induttivi. Povera italia serva di personalismi e oppressa da un malo stato.