Pastore muore annegato per salvare una pecora ​del gregge

Il cadavere del 34enne è stato rinvenuto in un vascone pieno d'acqua, dopo l'allarme lanciato dal padre. È accaduto nel Barese

Voleva solo salvare una pecora del suo gregge. È morto annegato in un vascone pieno d'acqua, Michele Ciani, pastore di 34 anni. L'episodio si è verificato nelle campagne di Minervino Murge, nel Barese, in contrada "Bosco sant'Antonio", non molto lontano dalla diga del Locone.

Il cadavere dell'uomo è stato recuperato soltanto all'alba dai vigili del fuoco. Secondo la prima ricostruzione operata dai carabinieri, il 34enne si sarebbe sporto troppo sull'orlo del vascone, uno dei tanti utilizzati dagli agricoltori per raccogliere l'acqua necessaria per l'irrigazione dei campi, appena ha visto avvicinarsi una delle pecore che si era allontanata dal resto del gruppo al pascolo.

Evidentemente, il pastore ha perso l'equilibrio ed è precipitato. Ricostruzione supportata anche dal fatto che in fondo al vascone è stata trovata la carcassa di una pecora.

A lanciare l'allarme il padre della vittima che, non vedendo rientrate il figlio all'ora di cena, ha chiamato i carabinieri della Stazione di Minervino. Non sono state semplici le operazioni di recupero del corpo, operate da una squadra speciale di vigili del fuoco arrivata da Bari.

Il pm della procura di Trani Raffaella De Luca ha disposto l'autopsia per sciogliere tutti i dubbi sul caso.

Commenti
Ritratto di Situation

Situation

Mar, 15/09/2015 - 08:05

suvvia era la "sua" preferita