Il Pd va alla guerra: caccia ai bagnini fascisti

La sinistra si accanisce su uno stabilimento nostalgico In Aula scontro su una legge più dura per l'apologia

Sarà colpa del caldo di questo torrido luglio, ma la sinistra italiana ha scoperto un nuovo nemico che in realtà è una vecchia ossessione: il fascismo. Ha aperto le danze estive il quotidiano la Repubblica che ha messo nel mirino uno stabilimento balneare di Chioggia totalmente dedicato al Ventennio. Articoli su articoli, nei quali più che criticare il cattivo gusto del gestore si lanciava un vero e proprio allarme democratico... Allarme ascoltato dal prefetto della zona che ha prontamente fatto rimuovere le insegne mussoliniane. Intanto arriva sui banchi della Camera il disegno di legge di Emanuele Fiano che prevede un inasprimento delle pene per chi fa apologia di fascismo e anche per chi vende gadget relativi al Ventennio. Pene maggiorate per chi diffonde materiale fascista on line. Scoppia la polemica di centrodestra e Movimento 5 Stelle: legge liberticida.