Pedofilia, adesso spuntano quattro "casi Viganò" italiani

Quattro "casi Viganò" italiani? Dove per "casi Viganò" bisogna intendere presunti insabbiamenti. Ecco cosa ha denunciato la "Eca Global".

L'associazione internazionale "Eca Global " ha in qualche modo segnalato l'esistenza di quattro "casi Viganò" in salsa italiana. Dove per "caso Viganò" bisogna intendere una vicenda legata agli abusi sessuali che sarebbe stata in qualche modo insabbiata dalla Santa Sede. L'Ansa riporta la dicitura virgolettata.

Il condizionale pare d'obbligo perché, come rispetto alle accuse mosse dal memoriale composto da undici pagine, quello stilato dall'ex nunzio apostolico e membro del Governatorato, si rendono necessarie le evidenze. Rispetto a quel dossier, che riguarda la vicenda dell'ex cardinal Theodore McCarrick, si è parlato di incongruenze temporali. E, nello stesso tempo, si attende che da piazza San Pietro arrivino gli annunciati "chiarimenti". Ma questa volta, il luogo interessato dai presunti episodi di abuso non è un seminario di Washington, ma il Belpaese.

Stando a quanto si legge su TgCom24, l'ente citato ha sostenuto che i casi di quattro sacerdoti abusatori siano "passati per le mani" delle alte sfere vaticane senza, tuttavia, essere affrontati nella maniera promessa. Si è detto che "non sarebbero stati trattati con la tolleranza zero promessa ma con negligenza". In Vaticano, insomma, non sarebbero stati coerenti con la "linea dura" promossa da Papa Francesco. I lettori ricorderanno come il pontefice argentino abbia da poco spreato un sacerdote carismatico sudamericano, Karadima, 'scardinalato' McCarrick e accettato la rinuncia di sette vescovi cileni. Ma lo stesso ex arcivescovo di Buenos Aires è stato nominato per alcune delle storie evidenziate oggi.

Una di queste vicende interesserebbe il preseminario della Santa Sede, il San Pio X. Quello già balzato alle cronache poco tempo fa, anche per le inchieste de Le Iene.. Ecco cosa si legge su IlMessaggero: "Anzi il 
presunto abusatore non è mai sanzionato e continua a fare il prete a Como. Anzi
, all’inizio di quest’anno raccoglieva pure le iscrizioni per gli
 esercizi spirituali". A parlare è stato il fondatore de La Rete l'Abuso.

Poi c'è quanto raccontato sul Provolo di Verona. L'istituto di cui alcuni ex studenti sarebbero stati ricevuti da Bergoglio. La finalità? Mettere al corrente il papa di un'elencazione di nominativi: venticinque presunti abusatori. Rispetto a quest'altro, sempre presunto, caso d'insabbiamento, sul quotidiano romano, si può leggere quanto dichiarato su Nicola Corradi: "Un prete che non è stato fermato dal
 Vaticano o dal Papa in base a questa segnalazione, ma è stato 
lasciato alla direzione dell’istituto Antonio Provolo in 
Sudamerica finchè la magistratura argentina non lo ha arrestato".

E ancora: "Il terzo caso riguarda il sacerdote Mauro 
Galli...". In relazione a quest'altro consacrato, che è stato da poco condannato in primo grado, è stato in qualche modo tirato in ballo ancora il Santo Padre: "Questa vicenda è stata segnalata più volte al Vaticano 
e al Papa, tanto che esistono le lettere della Congregazione per la
 Dottrina della Fede che certificano che in Vaticano la cosa era 
nota. Malgrado questo, papa Francesco nel luglio 2017 invece che punire chi non ha vigilato, ha provveduto a nominare 
monsignor Mario Delpini arcivescovo di una delle diocesi più grosse
 d’Europa". Anche la madre della presunta vittima, poco dopo la condanna, si era detta "per nulla soddisfatta" della scelta di monsignor Delpini, che era stata quella di trasferire il parroco di Rozzano.

Infine, l'ultima segnalazione delle quattro, quella che interesserebbe don Silverio Mura: "...la vittima ha incontrato il Papa in Vaticano dopo 8 anni
che denunciava questo prete. Gli abusi sono accaduti a 
Napoli. Questo prete lo abbiamo trovato nel febbraio di
quest’anno in un paesino del Pavese sotto falso nome. La Chiesa 
lo ha mandato là anche se dopo essere stato scoperto il prete è di nuovo scomparso". Quattro "casi Viganò", sempre nel caso il dossier presentato dall'ecclesiastico sia vero, anche in Italia?

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 02/10/2018 - 22:38

Di questi casi l'Italia è piena. Posso conferemare.

Ritratto di Evam

Evam

Mer, 03/10/2018 - 00:00

Il Vaticano può chiudere. Mi sembra che con questo, sommato a tutto il pregresso poco chiaro e conosciuto di un potere, che è troppo potere e ben poco spirituale. Rimangono, la fede, la spiritualità, i libri storici sull'argomento. Non ci sentiamo abbandonati, non ci sentiamo soli, non ci sentiamo smarriti. Semmai forse un po' tardivi a dare più importanza all'incombente esercito del male che con l'islam vuole oltre che senza una chiesa si sia anche sottomessi al potere di Satana.

Dordolio

Mer, 03/10/2018 - 07:00

Porto qui l'attenzione sulla vicenda dell'istituto veronese Provolo. Nota DA ANNI ma credo sempre confinata esclusivamente sulle cronache locali. Riguardò moltissimi bambini, da quanto si può leggere, e pure minorati (sordomuti). Venne coinvolto nel ruolo di soggetto particolarmente "attivo" un religioso importante, ormai morto (la storia si dilatò molto a lungo nel tempo). E addirittura si stava istruendo per il soggetto un processo di beatificazione..... Credo che cercando in Rete si trovi ancora molto se non tutto.