Pensione, niente Ape per chi ha troppi debiti

Un'altra trappola per chi chiedere l'Ape volontario per lasciare in anticipo il lavoro: c'è lo stop per chi è troppo indebitato

Un'altra trappola per chi chiedere l'Ape volontario per lasciare in anticipo il lavoro. Abbandonare il posto di lavoro per godersi la pensione sarà quasi impossibile per chi è indebitato. Per l'uscita anticipata volontaria i requisiti sono chiari. Servono 20 anni di contributi. L'assegno viene calcolato col metodo contributivo, ovvero tarato sui contributi versati nel momento in cui viene presentata la domanda per l'Ape. Ma attenzione, qui entra in gioco il reddito. Conterà molto la posizione reddituale del pensionato e la cifra dell'assegno che percepirà dopo aver lasciato il lavoro. Di fatto l'Ape può essere richiesta solo da coloro che avranno un assegno minimo di 702.65 euro al netto del prestito pensionistico. E così chi avrà una pensione inferiore a 1,4 volte l'assegno minimo non potrà accedere all'uscita antcipata. E a tutto ciò vanno aggiunti anche i prestiti o magari la cessione del quinto. Le trattenute dell'assegno con l'Ape non potranno superare il 30 per cento. E qui scatta la "trappola": chi ha troppi debiti non potrà chiedere l'uscita anticipata. Per questa fascia c'è spazio solo per l'il prestito pensionistico sociale. Ma servono altri requisiti come 30 o 36 anni di contributi, ovvero 30 per invalidi e disoccupati e 36 per i lavori usuranti.

Commenti

terminverpier

Lun, 24/04/2017 - 11:11

Ma nessuno ha ancora pensato all'Ape con riscatto anticipato ? I potenziali fruitori, all'atto della domanda APE ricevono l'estratto conto di quanto devono pagare anticipatamente, una volta versato il dovuto hanno diritto alla prima rata di quiescenza anticipata per i mesi sino a quando raggiungeranno l'età anagrafica per la pensione di vecchaiaia. L'INPS ne trarrebbe beneficio immediato e si risoleverebbe in parte anche il problema di lasciare ai giovani il posto divenuto libero. Sono convinto che una percentuale considerevole dei futuri pensionabili abbia a disposizione il tesoretto da investire.

unosolo

Lun, 24/04/2017 - 11:12

era evidente e lampante , prima il governo Renzi ha costretto il popolo del PIL a indebitarsi e questo governo Gentiloni ha definitivamente fregato chi ha chiesto anticipo APE , cosi perde la possibilità di andare in pensione e resta esodato ? proprio vero che il comunismo affama e deruba in pieno il popolo del PIL elargendo benessere solo alla Casta e parenti,.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 24/04/2017 - 15:50

Ma quanti erano i richiedenti della fregatura Ape? Solo tre? Tutti pieni di debiti? Fate le leggi, ma fate anche ridere tutti, anche se la gente si sente tanto presa in giro da voi. Andate in giro a chiedere.

piazzapulita52

Lun, 24/04/2017 - 18:25

Ma insomma buffoni, vi decidete a fare il decreto attuativo per l'Ape volontaria? Voglio fuggire al più presto e il più lontano possibile da questo schifo!!! Ci resterete voi a fare le spese ai clandestini vagabondi parassiti africani che avete fatto e continuate a far venire a conquistare l'ex Italia!