Pensioni, scatta l'Ape: "60mila possono lasciare"

Il ministro Poletti: "Con l'Ape viene data l’opportunità a lavoratori in condizioni di difficoltà, per quest’anno stimati in circa 60mila"

"Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti per l’Ape sociale ed i lavoratori precoci, viene data l’opportunità a lavoratori in condizioni di difficoltà, per quest’anno stimati in circa 60mila, di anticipare fino a tre anni e sette mesi l’età di pensionamento, con potenziali effetti positivi sul ricambio generazionale in azienda e quindi sulle opportunità di ingresso al lavoro per i giovani". Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti ha annunciato l'entrata in vigore dell'Anticipo pensionistico.

Il ministro sottolinea in questo modo come divenga operativo "un altro degli interventi sul sistema previdenziale definiti dal Governo che poggiano su una consistente dotazione di risorse, previste nella legge di bilancio 2017, volti ad introdurre elementi di flessibilità ispirati ad un principio di equità e, nello stesso tempo, rispettosi degli obiettivi e degli equilibri di finanza pubblica". Il Ministro conclude ricordando che "sono già operative altre norme che attuano un insieme articolato di interventi oggetto di un confronto approfondito con le organizzazioni sindacali, come ad esempio il cumulo gratuito dei periodi di contribuzione previdenziale maturati in gestioni diverse, l’eliminazione definitiva delle penalizzazioni previste in caso di pensionamento anticipato prima dei 62 anni di età e l’aumento e l’estensione delle quattordicesime per i pensionati con redditi più bassi".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/06/2017 - 06:08

Il gioco non vale la candela. Inventatene un'altra. Questa non tira. Difatti con queste api, ne state facendo di buchi nell'acqua.

FRATERRA

Sab, 17/06/2017 - 07:39

Il piano è sostituire con le famose "risorse" che ci pagheranno le pensioni;i nostri figli ARIA e VIA.