Perché l'amore non è più una nostra priorità

Si sta diffondendo anche una scuola di pensiero che pensa di rafforzare il rapporto amoroso usando la razionalità

Nella nostra società sembra che l'amore, il grande amore dell'innamoramento e della passione che dura, non solo sia più raro, ma non sia più considerato un ideale, una meta da raggiungere. Lo si vede già negli adolescenti, che fanno sesso precoce e cambiano partner con grande facilità. Molti uomini giovani non vogliono legami forti per non dover rinunciare a nuove avventure erotiche. E sono numerose le giovani donne che, dopo un amore finito male, per non soffrire preferiscono avere solo rapporti erotici.

D'altra parte è questo il modello di vita amorosa che ci viene continuamente proposto dalle star dello spettacolo e della mondanità. Molti divi maschi hanno un vero e proprio harem di fan. Quando invece formano una coppia, i rotocalchi e il gossip ci raccontano i loro tradimenti e i loro divorzi, a cui seguono regolarmente nuovi amori con cui ricomincia il ciclo. In questo modo si è diffusa l'idea che l'amore duri per sua natura poco e quindi non sia un pilastro molto solido a cui ancorare la nostra vita e la famiglia. Molti restano single e hanno rapporti brevi e superficiali.

Si sta diffondendo anche una scuola di pensiero che pensa di rafforzare il rapporto amoroso usando la razionalità. Secondo costoro, le persone sinceramente innamorate e quindi piene di ingenuità ed entusiasmo non devono abbandonarsi alla loro beatitudine, non devono mettere l'amore al primo posto e dedicarsi ad esso, coltivarlo, arricchirlo come una pianta preziosa. Devono essere vigili, incominciare subito a rilevare i pregi, ma anche i difetti e gli errori del partner per arrivare ad un giudizio sulla loro relazione. Una specie di voto sulla loro prestazione di coppia che, quando diventa negativo, giustifica la rottura. Ma questo tentativo di riportare l'amore sotto il dominio del calcolo utilitaristico lo uccide. Perché l'innamoramento è proprio un'uscita dal mondo quotidiano della violenza, della competizione e del calcolo, è un tuffo vivificante nella sincerità e nella purezza. Solo chi rispetta questa sua essenza e questi suoi valori può capirlo e studiare come ridargli vigore e farlo nuovamente rifiorire al centro della coppia e della famiglia.

Commenti
Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 23/10/2016 - 17:35

Siamo diventati complicati. Un tempo eravamo povera gente; eravamo contadini legati alla terra e i figli erano solo delle braccia. Non c'erano complicazioni erotiche o sentimentali ('amore col partner'? ma quando?) E proprio perchè non ci aspettavamo niente il rapporto durava. Anche perchè non c'erano alternative o altri modelli. I nobili spesso si separavano. Ma i contadini non potevano certo prenderli ad esempio! Ma, all'orizzonte c'è la possibilità di ridiventare poveri!

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 23/10/2016 - 18:38

Siamo invasi dai barbari che stanno mettendo a ferro e fuoco le nostre città, rubando e stuprando le donne, e Alberoni pensa ancora all'innamoramento. Alberoni, ma vada a quel paese, uno qualunque, ma ci vada.

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Dom, 23/10/2016 - 18:52

E’ normale che ogni uomo usi la ragione per fare le sue scelte. Il massimo è fare una scelta ragionevole accompagnata dal sentimento. Fare una scelta solo col sentimento o solo con la ragione è rischioso. Ci sono meno rischi se la fusione è prima di tutto spirituale. Ma per essere spirituale bisogna che uno abbia della’altro una completa consapevolezza ,cioè cosa significa essere uomo o essere donna nel disegno della creazione.

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 23/10/2016 - 22:34

Siamo invasi da africani, stiamo correndo a tappe forzate verso l'islamizzazione dell'Europa e la distruzione della civiltà occidentale e Alberoni continua da quarant'anni a parlarci di innamoramento e amore. Ma mi faccia il piacere...

nopolcorrect

Dom, 23/10/2016 - 23:00

Caro Alberoni, "L'amour est comme les roses..." diceva il Generale De Gaulle. Noi Italiani siamo stati educati dalla nostra letteratura a tutta una serie di immagini femminili splendide, piene di poesia, ma totalmente irrealistiche: Beatrice di Dante, Laura di Petrarca, Melisenda di Jofrè Roudel, Silvia di Leopardi...L'amore oggi dura poco, ringraziamo il cielo che qualche volte ci fa sognare e poi dura quel che dura...Il grande Fisico americano Feynman nella sua Nobel Lecture ci dice che a volte si innamorò di una teoria ma poi, dopo averla capita meglio l'amore finì. E fa proprio il paragone con le donne: l'amore dura finché non le conosci bene. Dopo...

un_infiltrato

Lun, 24/10/2016 - 00:51

Ma dove le ha lette queste capsate l'autore di questo pezzo? E poi, non mi piace questo suo incedere da ipse dixit.

ORCHIDEABLU

Lun, 24/10/2016 - 10:12

L'AMORE E' UNA DELLE TANTE VOLONTA' UMANE NON MORIRA MAI.L'AMORE E' ANCHE SEMPLICE VOGLIA DI AMARE UN ESSERE UMANO SE CI SONO ALLA BASE RISPETTO E' AMICIZIA,IL SESSO NON E' TUTTO PER NESSUNA ETA'.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 24/10/2016 - 13:39

Discorsi da adolescenti alle scuole medie o da rotocalco rosa; non da quotidiano serio. Manca solo l'oroscopo di Otelma.