Pesaro, troppo bella per fare la bagnina: "Vogliono solo maschi"

Una nuotatrice 26enne disoccupata racconta la propria esperienza: "In estate, in attesa di un lavoro stabile, voglio guardagnare qualcosa facendo la bagnina"

Triste realtà o mero pregiudizio? Alice Soldi non è riuscita ancora a rispondere a tale quesito. La 26enne infatti si interroga ancora sul motivo per cui non riesce a lavorare nell'ambito per cui è appassionata: il mare. La giovane, laureta in biologia, è bagnina da tre anni, ha tutte le conoscenze e le competenze necessarie per utilizzare il defibrillatore e per prestare soccorso ai bagnanti. Ma tutto ciò non basta neanche ai titolari di stabilimenti balneari, ristorante e alberghi che si giustificano dicendo che c'è fiducia solamente nei confronti dei maschi robusti. La ragazza possiede inoltre anche il brevetto di assistente bagnanti per mare, piscine e acque interne e brevetto Bls-d.

Il racconto di Alice

Tramite IlRestodelCarlino, Alice ha provato così a spiegare la situazione: "Per lavorare nella stagione estiva sono costretta ad andare a Numana ma con aggravio dei costi per vitto e alloggio. Io vorrei farlo nelle nostre spiagge". E prosegue ritornando a tre anni fa, quando "con il brevetto da bagnina in mano, molto prima dell’inizio della stagione, ero passata da uno stabilimento balneare all’altro dalle spiagge di Fano a quelle di Pesaro, per consegnare il mio curriculum con la speranza di trovare lavoro. Ma quante volte mi sono sentita dire, a volte anche con toni maliziosi e maschilisti, che non assumevano ragazze perché “come fa una ragazza ad andare a salvare un uomo grosso che affoga in mezzo al mare?"".

Ma Alice è stata anche discriminata con commenti del tipo "una ragazza carina distrarrebbe i bagnanti e li farebbe affogare". La giovane spiega che uno stabilimento sembrava interessato alla sua candidatura, ma ha dovuto rinunciare perché "al momento del colloquio in cui chiedevo informazioni tecniche su orari di lavoro, attrezzature e stipendio mi sono sentita rispondere dal gestore: “Se ti truccassi saresti molto più carina"".

Ma una soddisfazione è in arrivo: "Venerdì 12 mi laureo per la specialistica in Ecologia e conservazione della natura a Parma dopo esser rimasta 8 mesi in Paraguay per la tesi sulla sostenibilità dei sistemi agricoli". Alice conclude: "In estate, in attesa di un lavoro stabile, voglio guardagnare qualcosa facendo la bagnina. Ma non pensavo di dover nuotare così controcorrente anche sulla terra ferma".