Peschici, tre uomini intrappolati sugli scogli

Si tratta di due turisti svedesi e un bagnino intervenuto per salvarli

Sarebbe potuta finire in tragedia la disavventura capitata a due turisti in Puglia. È accaduto a Peschici, un Comune sul mare in provincia di Foggia. Dopo essersi tuffati nel mare agitato, non riuscivano più a tornare a riva due turisti svedesi. Si tratta di padre e figlio, un bambino. La loro imprudenza è stata buttarsi tra le onde alte fino a tre metri. Ad accorgersi dei due in difficoltà, il bagnino di uno stabilimento balneare vicino che, sentite le urla, si è tuffato in mare per soccorrerli riuscendo a portarli in salvo sulla scogliera.

I tre sono, però, rimasti intrappolati sugli scogli con il mare agitato. Soccorrerli tra le onde era impossibile. Sul posto sono, infatti, subito intervenuti una motovedetta della guardia costiera ed un gommone, ma senza riuscire a trarre in salvo i due uomini e il piccolo. La capitaneria di porto ha così allertato un elicottero della guardia costiera che in quel momento era impegnato nelle attività di pattugliamento per conto dell'agenzia europea frontex. I tre sono stati, quindi, recuperati con l'aeromobile. La manovra non è stata semplice. Il velivolo si è avvicinato tra le rocce, rischiando il peggio. Ma uno dei soccorritori si è calato con un verricello salvando i due turisti e l'assistente bagnanti.