Pestato a morte e gettato in mare. Anziano rapinato da coppia romeni

I criminali hanno adescato la vittima con un'offerta sessuale. L'hanno massacrato di botte fino ad ucciderlo

La vittima, Paolo Giglio Cianci, è caduta nella trappola di una coppia di romeni che adescava anziani con una certa disponibilità economica con l'unico scopo di rapinarli.

I due romeni, una uomo e una donna di 36 e 35 anni, sono indaganti per l'omicidio dell'anziano di 79 anni di Vibo Valentia. Il pensionato si sarebbe incontrato in un luogo appartato con la coppia, che precedenteme aveva promesso prestazioni sessuali all'uomo. Una volta giunto sul luogo dell'incontro con la sua Motoape, è statp condotto in un casolare abbandonato. Lì è stato malvemenato selvaggiamente e rapinato. Per evitare l'accusa di omicidio, i killer hanno gettato il corpo del 79enne nel mare di Marina di Pizzo, nel tentativo di inscenare una morte per annegamento.

Il corpo è stato ritrovato senza vita solo alcuni giorni dopo, i segni sulla salma non erano in linea con l'ipotesi di annegamento. L'omicidio risale ad agosto, ma solo ieri gli assassini sono finiti in arresto al termine delle indagini degli inquirenti.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 19/02/2016 - 14:58

io sono un tradizionalista e forse anche un poco demode' ma resto dell'idea che la pena di morte sia sacrosantamente giusta. I condannati siedono su una poltrona di acciaio e la testa e' rinchiusa all'interno di un contenitore metallico. il signor boia inserisce la canna di una calibro nove nell'apposito foro posto in corrispondenza della nuca e preme il meraviglioso grilletto. E la vita continua !

lorenzovan

Ven, 19/02/2016 - 20:25

e io sono ell'idea...che frmo0 restndo che un reato e' sempre un reato e deve essere severamente punito...c'e' certa gente che i problemi se li va a cercare...capito anziano e ringalluzzito calabrese di 79 anni ????