Philip Morris "spegne" le sigarette

Il colosso del tabacco potrebbe stoppare la produzione e dedicarsi alle sigarette a vapore

Philip Morris International "spegne" le sigarette. La più grande azienda di tabacco a livello globale ha infatti annunciato che potrebbe gradualmente cancellare la produzione e le vendite di sigarette per puntare tutto su quella a vapore Iqos.

"Dobbiamo certamente vedere un futuro in cui Philip Morris non metterà in vendita delle sigarette sul mercato", ha detto alla Reuters Martin Inkster, amministratore delegato di Philip Morris Regno Unito e Irlanda.

Alla base della scelta ci sarebbero anche le pressioni normative che affronta l'industria del tabacco. Basti pensare che un tribunale del Regno Unito ha respinto il ricorso della multinazionale contro il divieto di marketing.

L'azienda lavora da anni alla sigaretta a vapore Iqos, su cui ha investito finora 3 miliardi di dollari. Il prodotto è già commercializzato in una dozzina di mercati, tra cui Giappone, Svizzera e Italia. Philip Morris produce ancora più di 870 miliardi di sigarette ogni anno.

Commenti
Ritratto di tomari

tomari

Ven, 02/12/2016 - 07:15

...e dedicarsi alle sigarette a vapore... E le sigarette a scoppio,quando?