Più stranieri e meno nascite: ​ecco la fotografia del Paese

Continua il calo delle nascite in atto in Italia dal 2008. Per il secondo anno consecutivo, rileva l'Istat, i nati a fine 2016 sono meno di mezzo milione

Continua il calo delle nascite in atto in Italia dal 2008. Per il secondo anno consecutivo, rileva l'Istat, i nati a fine 2016 sono meno di mezzo milione (473.438, -12 mila sul 2015), di cui più di 69 mila stranieri (14,7% del totale), anch'essi in diminuzione. I decessi sono stati oltre 615 mila, circa 32 mila in meno rispetto al 2015, anno record della mortalità, ma in linea con il trend di
crescita degli anni precedenti, dovuto all'invecchiamento della popolazione. Novità anche sulle cifre che fotografano la presenz di stranieri nel nostro Paese.

Al 31 dicembre 2016 risiedono in Italia 60.589.445 persone, di cui più di 5 milioni di cittadinanza straniera, pari all’8,3% dei residenti a livello nazionale (10,6% al Centro-nord, 4% nel Mezzogiorno). Prosegue nel 2016 la diminuzione dei residenti già riscontrata l’anno precedente. Il saldo complessivo è negativo per 76.106 unità, determinato dalla flessione della popolazione di cittadinanza italiana (96.976 residenti in meno) mentre la popolazione straniera aumenta di 20.870 unità. Continua il calo delle nascite in atto dal 2008. Per il secondo anno consecutivo i nati sono meno di mezzo milione (473.438, -12 mila sul 2015), di cui più di 69 mila stranieri.

All’interno della popolazione straniera la componente femminile diminuisce per la prima volta dagli anni Novanta quando l’Italia è diventata Paese d’immigrazione. Il movimento naturale della popolazione ha registrato un saldo (nati meno morti) negativo per quasi 142 mila unità. Il saldo naturale è positivo per i cittadini stranieri (quasi 63 mila unità), mentre per i residenti italiani il deficit è molto ampio e pari a 204.675 unità. I decessi sono stati oltre 615 mila, circa 32 mila in meno rispetto al 2015, anno record della mortalità, ma in linea con il trend di crescita degli anni precedenti, dovuto all’invecchiamento della popolazione. Il movimento migratorio con l’estero fa registrare un saldo positivo di circa 144 mila unità, in lieve aumento rispetto all’anno precedente. Aumentano leggermente le iscrizioni dall’estero: poco più di 300 mila di cui il 90% riferite a stranieri. Allo stesso modo le cancellazioni per l’estero superano le 114 mila unità per gli italiani, di nascita e naturalizzati, (+12 mila rispetto al 2015), mentre sono quasi 43 mila per gli stranieri. Continuano a crescere le acquisizioni di cittadinanza: nel 2016 i nuovi italiani sono più di 200 mila. In Italia vi sono circa 200 nazionalità: nella metà dei casi si tratta di cittadini europei (oltre 2,6 milioni). La cittadinanza maggiormente rappresentata è quella rumena (23,2%) seguita da quella albanese (8,9%). Si conferma la maggiore attrattività delle regioni del Nord. E analizzando questi dati, arriva il commento dell'on.Paolo Grimoldi, Segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord: "Dal 2015 al 2016 la popolazione italiana è calata di 96mila cittadini, questo a causa dei tanti giovani che emigrano all'estero per avere maggiori opportunità professionali. In compenso la popolazione straniera continua ad aumentare e ormai supera i 5 milioni e lo scorso anno sono state concesse 205 mila nuove cittadinanze italiani agli immigrati. Stiamo assistendo ad una sostituzione etnica voluta dal Governo di centrosinistra che ha creato pessime condizioni economiche e lavorative per spingere i nostri giovani ad andarsene e li sta progressivamente sostituendo con gli immigrati, che le navi delle Ong sostenute e finanziate dagli amici del Pd e del Governo raccolgono nelle acque libiche. Svegliamoci, mandiamo a casa Renzi e i suoi se non vogliamo che l'Italia, anche sulle mappe, diventi l'Africa del Nord...".

Commenti

qualunquista?

Mar, 13/06/2017 - 11:26

Davvero è necessario un Istituto Nazionale di Statistica per comprendere che le famiglie e i giovani italiani ormai non hanno quasi più neppure gli occhi per piangere, e non sono certo nelle condizioni di mettere al mondo prole; le risorse delle famiglie sono succhiate sempre più per mantenere chi da altre parti del mondo viene a procreare allegramente a nostre spese sul nostro territorio. E intanto la sanità, gli enti pubblici, i trasporti, danno sempre meno servizi, e costano sempre di più (alle famiglie italiane, non a quelle “import”, per le quali è tutto gratuito, anche i vari “bonus”.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 13/06/2017 - 11:37

Cavolo! E bisognava scomodare l'Istat?

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mar, 13/06/2017 - 12:06

L’Italia è SOVRAPPOPOLATA il n° di abitanti per kmq è circa 200 contro una media europea di 113 e se consideriamo che il 30% del territorio italiano è montangnoso quindi inabitabile, la media sale a 287 DUECENTOTTANTASETTE abitanti per kmq. Continuare ad importare stranieri è semplicemente un CRIMINE

Robrik

Mar, 13/06/2017 - 12:20

Visto che dobbiamo mantenere quelli degli "invasori" dove trovano le famiglie i soldi per far crescere degnamente quelli nostri? Fate dell'Italia un paese affidabile e vedrete come aumentano le nascite. Un genitore responsabile se non vede un futuro per i figli non li mette al mondo.

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Mar, 13/06/2017 - 12:23

I sinistrati dicono “la popolazione sta invecchiando e gli immigrati fanno più bambini” BUFALA se ci sono tanti anziani è perchè prima si facevano tanti figli, faccio il disegnino per i sinistri: se una famiglia mette al mondo 6 figli questi diventeranno 6 ANZIANI se una famiglia fa 2 figli questi diventeranno SOLO 2 anziani. Ancora più semplice: generazione A media figli 3,5 per famiglia= 3,5 ANZIANI – chiamiamo la generazione successiva generazione B: media figli 3 = 3 ANZIANI – generazione C 2,5 figli = 2,5 ANZIANI. Ecco perchè il problema dell’eccesso di anziani rispetto ai giovani si sarebbe risolto da solo proprio grazie alla RIDUZIONE DELLE NASCITE. Continuando con questa politica criminale immigratoria il n° di abitanti per kmq raggiungerà LIVELLI SPAVENTOSI e si creranno altrettanto spaventosi conflitti, per non parlare del tasso di criminalità. DIFENDIAMO il NOSTRO PAESE, CACCIAMO VIA QUESTO GOVERNO.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 13/06/2017 - 12:47

i figli sono una spesa per la famiglia ma soprattutto per lo Stato. Fino a vent'anni lo Stato smena e poi per quelli che ci ha smenato di più, trovano impiego all'estero e quindi i contributi ce li scordiamo noi italiani, per contro facciamo arrivare famiglie di stranieri che per quel poco che contribuisce ci costano 10 volte di più per l'assistenza. Quidi rrovatemi il vantaggio di fare figli, piuttosto freniamo questa invasione di "cavallette" che ci distruggono il nostro welfare.

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Mar, 13/06/2017 - 12:48

le ONG non sono amiche del governo, ma il governo

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 13/06/2017 - 12:53

Veramente siamo pieni di clandestini. Su questo non c'è dubbio. E uno deve mettere al mondo un figlio per lasciargli un futuro in mezzo ad africani nullafacenti e islamici intolleranti e violenti?

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 13/06/2017 - 13:19

Non vi preoccupate arriverà il punto d'incontro ( ogni funzione ha il punto d'incontro !) dove i veri italiani saranno talmnente pochi che gli stranieri ( con lo ius soli) se la dovranno smenare loro a sanità , le pensioni ecc. e allora lì si che ci sarà da ridere....vedrete come torneranno nei loro paesi d'origne e pure di corsa perchè qui da noi c' è da rimboccarsi le maniche perchè gli italiani veri riamasti saranno talmente pochi che non basteranno per pagare lelloro pensioni :-)

Ritratto di ateius

ateius

Mar, 13/06/2017 - 13:21

i nostri cari politici mi ricordano quei mariti che gioiscono nel vedere la propria moglie posseduta da altri.. e c'è ne sono.- Qui si tratta del Paese da loro amministrato regalato agli immigrati.. turbe psichiche che ci governano. ci chiedono il voto..e noi spesso pure li Votiamo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 13/06/2017 - 13:38

Sono fatti noti a TUTTI quelli da te elencati caro qualunquista 11e26, pero sembra che agli Italioti NON importano, perche continuano a NON andare a VOTARE, lasciando che continuino a comandare quelli che stanno provocando questi DANNI!!!!! Buenos dìas dal Nicaragua

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 13/06/2017 - 14:44

Ne vedremo delle belle con i casini del prossimo censimento....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 13/06/2017 - 15:04

Senza contare i milioni che gironzolano a delinquere, non censiti. Sommati ai quasi 9 censiti, più quelli tramutati in finti italiani, cominciano ad avere numeri altissimi, molto pericoloso.

carlottacharlie

Mar, 13/06/2017 - 15:16

Per forza non facciamo figli, ci strangolano in ogni modo per farci desistere. Cretini di sinistra che vogliono gli africani perche' , secondo le loro teste citrulle, fa tanto chic. Cretinetti farabutti.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mar, 13/06/2017 - 15:21

Hai voglia a pareggiare le decine di migliaia di africani che arrivano tutti i mesi

obiettivo75

Mar, 13/06/2017 - 15:46

@hernando45 agli italioti ancora non importa perchè la stragrande maggioranza ha ancora una casa, un reddito (anche sempre meno), e soprattutto un appoggio familiare (genitori - nonni). Molti altri pensano ancora di "stare bene" solo perchè riescono a comprare dei beni durevoli, ma lo possono fare solo con le finanziarie. Il sovraindebitamento è un altro problema delle famiglie assolutamente sottovalutato dagli enti preposti. Inoltre, e concludo, io sto aspettando quando tra 10/15 anni i neo pensionati non potranno più (vista la magra rendita) supportare figli e nipoti; e lì che cascherà l'asino. saluti

OttavioM.

Mar, 13/06/2017 - 16:24

In Italia siamo troppi,un calo della popolazione ci farebbe solo bene,visto che abbiamo tanti disoccupati e siamo ipercementificati,iperinquinati e negli altri paesi hanno meno popolazione di noi per kmq.Però i sinistri usano il calo demografico per giustificare l'arrivo di masse di immigrati che a noi non servono visto che vengono messi a carico nostro e poi restano in giro a campare di espedienti,invece servono a chi ci guadagna.Cmq se proprio il calo demografico fosse un problema basterebbe mettere i 5miliardi anzichè sugli immigrati,sulle giovani coppie.Invece la sinistra ha fatto il contrario.

Ramsmeat

Mar, 13/06/2017 - 16:38

Tra i vecchi che votano PD e la mia generazione da bar e marijuana, direi che c'è poco da stupirsi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 13/06/2017 - 16:49

Beh,è quello che ha voluto la stragrande maggioranza degli italiani,da decenni,con il voto ed il non voto.Raccolgono,quello che hanno seminato.Non è male!Hanno seminato patate ed ora raccolgono patate,tante patate!!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 13/06/2017 - 18:43

@obiettivo75, proprio così. Sarà quello il momento del redde rationem. Aspettiamo e purtroppo vedremo il fallimento di tutta una generazione.

jaguar

Mar, 13/06/2017 - 18:59

Con gli stipendi e il costo della vita che abbiamo in Italia sono sempre meno coloro che possono permettersi di avere figli.

Cheyenne

Mar, 13/06/2017 - 19:06

ORMAI FACCIAMO PARTE IN TUTTO E PER TUTTO DELL'AFRICA. MA NEANCHE DEL NORD AFRICA SIAMO IN AFRICA EQUATORIALE

VittorioMar

Mar, 13/06/2017 - 19:19

...SIAMO SEMPRE TROPPI; DOVREMO TORNARE AD ESSERE NON PIU' DI 50.000 COME POPOLAZIONE ;LO STIVALE ITALIANO NON PUO' CONTENERE E SODDISFARE TUTTE LE ESIGENZE :AGRICOLTURA..ALLEVAMENTI...SERVIZI Ecc: !!

Ritratto di bracco

bracco

Mar, 13/06/2017 - 20:04

Non serve che lo segnali l'Istat, basta girare per qualsiasi città per vedere chi sta provvedendo a fare quadrare i conti delle nascite. Le donne musulmane che partoriscono a mitraglia piccoli musulmani che un domani da adulti ci presenteranno il loro conto nel nome di allah. Girano per le strade con minimo due fino a tre o quattro pargoletti schiamazzanti. Facile prevedere quali saranno i nuovi italiani come spera la Boldrini e la sinistra in generale, arrivano al seguito dei loro uomini, la stragrande maggioranza clandestini, e di conseguenza pure le loro donne sono delle clandestine, ma al contrario dei maschi le velate incappucciate hanno tutte il panzone, cosa che garantisce loro una via preferenziale a discapito degli italiani che ancora fanno figli trovandosi le strade sbarrate da questi parassiti