Picchiata e minacciata con un coltello, 73enne rapinata in casa

I malviventi sono fuggiti con una collana e un bottino di 2mila euro

Picchiata e minacciata in casa sua nel giorno di Pasqua. Una donna di 73 anni se l’è davvero vista brutta domenica pomeriggio quando due malviventi si sono introdotti nella sua abitazione per rapinarla. Il fatto è avvenuto a Magno, frazione di Gardone Val Trompia, in provincia di Brescia. Hanno prima malmenato la 73enne sola in casa e in seguito l’hanno minacciata con un coltello. È stata anche picchiata per indurla a confessare il nascondiglio di soldi e gioielli. Da quanto raccontato dalla vittima della brutale aggressione i rapinatori sarebbero stati due, probabilmente stranieri, dato l’accento. Sono riusciti ad agire senza essere disturbati in pieno giorno.

Quando hanno preso tutto ciò che c’era in casa sono fuggiti, lasciando la donna legata. La refurtiva ammonta a circa 2mila euro in contanti, oltre a una collana. L’anziana, una volta rimasta sola, è riuscita a liberarsi e ad avvertire i vicini di casa, i quali hanno allarmato i Carabinieri di Gardone Val Trompia e l’ambulanza. I militari si sono occupati dei rilevamenti del caso, mentre i soccorritori hanno deciso di trasportare la vittima in ospedale per essere medicata.

Fortunatamente le ferite riportate non sono gravi e la prognosi è di 14 giorni. Sicuramente per la 73enne tanta paura e un forte choc. Le indagini condotte da carabinieri e i colleghi del comando provinciale proseguono per cercare di trovare i rapinatori che per il momento sono riusciti a far perdere le loro tracce. Quando la donna sarà più calma verrà probabilmente ascoltata nuovamente, nella speranza che possa ricordare qualche particolare importante che magari al momento le era sfuggito. Certamentre l'anziana ha corso un grave pericolo che per fortuna non si è trasformato in tragedia.