Piero Angela sullo spread: "Porta via decine di miliardi"

Piero Angela ha criticato il governo per l'aumento dello spread e per le scelte economiche destinate ad aumentare ancora di più il debito pubblco

Piero Angela ha criticato le scelte in materia economico - finanziaria operate dal governo presieduto da Giuseppe Conte.

Lo stato, stando alla visione del noto conduttore televisivo, non dovrebbe continuare a creare debito. Il rialzo dello spread, inoltre, porterebbe con sè delle conseguenze gravi: "decine di miliardi di interessi persi". Il divulgatore scientifico, come riportato dall'Huffington Post, ha dato la sua versione dei fatti su Rai3, durante "Le parole della settimana", che è la trasmissione condotta dal giornalista Massimo Gramellini.

Per Piero Angela "la nostra produttività, che è l'efficienza di un Paese, è ferma da 15 anni". Ecco perché, secondo il divulgatore scientifico, "la politica deve distribuire equamente la ricchezza e fare in modo che il Paese ne produca". Poi la stoccata diretta all'esecutivo "gialloverde": "E' la partita doppia delle entrate e delle uscite - ha continuato - , è un ragionamento che fa ogni famiglia, che non lo faccia lo Stato creando questo debito pubblico e soprattutto questo spread che ci porta via decine di miliardi di interessi è molto grave". Gli esponenti dell'esecutivo, in sintesi, non dovrebbero continuare ad alimentare la cosiddetta "cultura del debito". Come ogni buon padre di famiglia, l'esecutivo dovrebbe tenere sempre a mente qual è la condotta corretta da tenere.

Commenti

venco

Dom, 07/10/2018 - 16:05

Tante decine di miliardi sono stati regalati alle banche dal governo Monti in poi, e questi non hanno fatto notizia

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 07/10/2018 - 16:24

mancava lui, che è ingrassato con la RAI. il grande divulgatore non si è mai laureato, fra parentesi. si candidi alle europee col PD e vediamo chi lo vota