Pinza dimenticata nell'addome. ​Paziente muore dopo 2 anni

Gli fu lasciata una pinza nell'addome, a Carrara, durante un intervento chirurgico all'intestino

Gli fu lasciata una pinza nell'addome, a Carrara, durante un intervento chirurgico all'intestino. Per toglierla fu necessaria un'altra operazione a distanza di quattro mesi. Sono quei due interventi a distanza di pochi mesi, secondo i legali di Stefano Miniati, erede dello storico archivio fotografico, a segnare l'inizio di un calvario. Calvario che, dal dicembre 2014, quando la radiografia immortala le pinze, termina martedì notte: il professionista, 57 anni, ricoverato all'ospedale pisano di Cisanello, muore. A riportare la notizie è Il Tirreno.

Per la sua morte l'avvocato Leonardo Angiolini e con lui il collega Roberto Margara, che rappresenta la madre e una sorella di Miniati, hanno presentato denuncia per omicidio colposo. I legali, scrive il quotidiano, chiedono alla procura apuana (la pinza è stata dimenticata durante un intervento al monoblocco di Carrara) e a Pisa (perché è lì che è avvenuto il decesso) di fare luce su un eventuale consequenzialità tra la dimenticanza della pinza e il successivo aggravarsi della patologia e di verificare se si possano ravvisare, nelle strutture in cui Miniati è stato ricoverato, carenze di cure o eventuali errori.

Commenti

COSIMODEBARI

Gio, 23/06/2016 - 16:32

Adesso la Minestra invierà gli ispettori che verificheranno come mai l'intestino dell'ammalato non fosse in grado di produrre acidi biodegradabili per ridurre rapidissimamente al nulla una pinza metallica...e l'indagine si chiuderà con la motivazione "malformazione congenita dell'intestino del paziente".

rossini

Gio, 23/06/2016 - 17:10

Un episodio di gravissima, ingiustificabile, macroscopica negligenza medica. Paragonabile, sul piano della negligenza giudiziaria, alla carcerazione preventiva ed al calvario di Enzo Tortora. Con una differenza. I medici dell'équipe chirurgica verranno perseguiti sia sul piano della responsabilità penale che su quello della responsabilità civile. I magistrati del caso Tortora non hanno pagato né sul piano penale, né su quello civile né su quello disciplinare ed anzi SONO STATI TUTTI PREMIATI.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 23/06/2016 - 18:29

tipiche "cose"italiane..

claudioarmc

Gio, 23/06/2016 - 18:33

Altro mirabile esempio di eccellenza della sanità pubblica della Toscana

mariolino50

Gio, 23/06/2016 - 20:57

rossini E' un pò diverso, il chirurgo raramente si dimentica i ferri dentro, la possibilità di errore del giudice è del 50%, puoi assolvere un colpevole o condannare un innocente, non è difficile sbagliare, quel lavoro non lo farei mai, o nel dubbio assolverei tutti, ben difficile ci siano prove sicure al 100%, basta guardare qualche trasmissione sui vari delitti, per capire che è un bel casino.

squalotigre

Gio, 23/06/2016 - 23:01

mariolino50 - se un chirurgo mostrasse la stessa faciloneria e pressapochismo mostrato da certi PM la mortalità ospedaliera salirebbe all'85% anche sugli interventi di ernia inguinale. E sa perché? Perché i chirurghi, anche se non hanno il sacro furore, cercano di stare ben attenti a valutare le condizioni del paziente e a come si muovono in sala operatoria, perchè sanno di correre seri rischi in campo penale e civile. Non credo che il chirurgo colpevole della dimenticanza diventerà primario della sua divisione e la sua carriera è finita. I magistrati che fanno scempio della giustizia se sono di una certa parte politica e di una certa corrente possono diventare Presidenti di Cassazione.

aredo

Gio, 23/06/2016 - 23:22

@mariolino50: assolvere tutti? ma già lo fanno... tutti i criminali che aderiscono o aiutano la sinistra vengono assolti. Gli innocenti condannati senza prove, con prove false. Raramente si sbagliano ed arrestano stupratori, assassini, cannibali vari. Tutti i magistrati e giudici sono cattocomunisti '68ini filo-islamici drogati. La sinistra ha messo i suoi fantocci negli ultimi 40 anni prendendo il controllo totale assoluto e creando una dittatura mafiosa criminale. L'unico modo per riportare giustizia e democrazia è la fucilazione di tutti questi traditori assassini mafiosi criminali. Prima che facciano crepare le persone innocenti e non con loro colluse grazie all'aiuto dei vari psicolabili islamici loro compagni di merenda.