Il pm anti-abusivismo: "Fui minacciato perché volevo evitare i crolli"

Cemento impoverito e vincoli idrogeologici non rispettati. Ma il pm anti abusivismo fu minacciato dagli ischitani

I crolli a Ischia? Colpa dell'abusivismo. Ne è convinto, nonostante le proteste dei sindaci, l'ex procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara che proprio della lotta all'abusivismo sull'isola aveva fatto la sua "missione".

"Lo dico da anni. Con l'abusivismo non si scherza, altrimenti queste sono le conseguenze", ha detto l'ex pm al Corriere, "Le costruzioni abusive sono una minaccia, soprattutto per chi le abita". Come aveva accertato quando era coordinatore della sezione tutela del territorio "in molti casi viene utilizzato cemento impoverito" . Inoltre sull'isola non mancano una serie di vincoli che rendono "tutte le costruzioni degli ultimi anni in gran parte fuori legge": "Entro i 500 metri dal mare c’è un vincolo di inedificabilità assoluta. Ci sono poi i vincoli idrogeologici", dice De Chiara, "Ricordo che alcuni anni fa ci fu un grosso temporale proprio a Casamicciola che provocò una frana e la morte di alcune persone. Anche in quel caso per il mancato rispetto della legge".

E ancora: "Avevamo lanciato l’allarme sul rischio di crolli anche in caso di scosse non particolarmente forti". Purtroppo quello che denunciavamo è successo ieri sera".

Ma quando aveva provato ad abbattere le case abusive era stato minacciato e i poliziotti incaricati degli sgomberi erano stati cacciati a suon di bombe carta.

Commenti

gneo58

Mar, 22/08/2017 - 17:52

tra un po' tocca all'area vesuviana, ne vedremo delle belle.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mar, 22/08/2017 - 18:05

Sono un bricoleur esperto e opere in muratura ne ho ho fatte parecchie. Per questo motivo non capisco cosa significhi cemento impoverito. So che il miglior cemento é il Portland e che, in una costruzione, la qualità del cemento ha un costo irrilevante rispetto al costo totale dell'opera. Io credo che si debba parlare, piuttosto, di vizi di progettazione e costruzione. Bisogna indagare su questo e far uscire fuori e condannare i responsabili.

Efesto

Mar, 22/08/2017 - 18:24

La lotta all'abusivismo è la facciata ipocrita a protezione delle speculazioni edilizie eseguite con il timbro PIANO REGOLATORE. Questo piano premia i ricchi speculatori che finanziano la politica e fornisce voti di un popolo che, per la chiusura di un occhio, ringrazia il politico. È un circolo nero e vizioso con la politica ipocrita al centro che si dichiara esemplare sul rispetto dei piani ottenendo il plauso delle leghe ambientali, e contemporaneamente consente "distrazioni" in favore di povera gente. Gli Agnelli non fanno fabbricati abusivi!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/08/2017 - 19:21

chissà come mai hanno paura dei PM.... forse perchè fanno come woodcock? :-) anche perche vista cosi, la magistratura non ispira piu quella serietà e quella fiducia , indispensabili per un paese civile come l'italia!

celuk

Mar, 22/08/2017 - 19:51

ma possibile che già dopo poche ore sanno che le case crollate sono solo quelle abusive? accidenti come sono efficienti!

curatola

Mer, 23/08/2017 - 05:12

Aldo ora ex perchè nessuno ti ha sostituito in questo compito ? Omertà o indifferenza dei tuoi ex colleghi o semplice paura? Trovo poi assurdo abbattere dopo che si aveve il tempo di prevenire l'abuso . Chi ha costruito male deve assicurarsi a sue spese o perdere il diritto ad essere aiutato in caso di danni.I diritti non si acquisiscono per nascita come la nobiltà ma per libero e dichiarato riconoscimento della collettività cui si appartiene e che li deve sostenere .

curatola

Mer, 23/08/2017 - 05:15

Orione il muro si fa col cemento,sabbia e ferro(quando serve) nelle giuste proporzioni: se lo fai con la sola sabbia cade.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 23/08/2017 - 07:23

In un caso coime questo dovremmo aspettarci che intervenga qualche emerito chiedendo a gran voce l' allontanamento di un giudice cosi assurdamente severo.

wrights

Mer, 23/08/2017 - 08:32

De Chiara ci vuol far credere che la colpa dei crolli, sia delle case abusive, cosa tutta da dimostrare. Nessuna colpa invece alle istituzioni, che hanno permesso costruzioni di ogni genere in una località ad alto rischio sismico. "Fare Casamicciola" è un modo di dire conosciuto da tutti, almeno nel centro-sud, e deriva dalla distruzione fatta dal un terremoto della fine dell'800 che la rase al suolo.