Polignano, carne pregiata ma scaduta da mesi: multa a ristorante di lusso

Multato anche un altro locale. Le ispezioni fanno parte di un piano di controllo, che intende garantire maggior sicurezza ai consumatori

Oto chili di controfiletto scaduti a maggio. E poi tranci di spigola, zampe di granchio reale, carne pregiata congelati, ma senza nessuna documentazione riguardo alla tracciabilità della merce. È quello che ha trovato la guardia costiera dopo un'ispezione nel noto ristorante Grotta Palazzese di Polignano, famoso per le sue stanza scavate nella roccia e a picco sul mare.

Secondo quanto riporta Repubblica, nel locale sono stati trovati 68 chili di pesce senza i documenti di controllo e tracciabilità e 8 chili di carne di wagyu, un bovino giapponese, scaduti a maggio. Il titolare del ristorante ha dovuto sborsare, per queste mancanze, 5.500 euro.

Lo chef executive del ristorante, Felice Sgarra, e il vicedirettore, Riccardo Sgarrisi si sono scusati "per l’involontario errore in cui siamo incorsi" e precisano che "la proprietà e l’amministratore della società sono assolutamente estranei ai fatti contestati, essendo affidata unicamente a noi la responsabilità delle materie prime e dei prodotti utilizzati nell’attività ristorativa". Inoltre assicurano che non c'è mai stato rischio per la salute "poiché Grotta Palazzese ha sempre privilegiato prodotti di alta qualità nel rispetto della sicurezza alimentare".

Si sarebbe trattato quindi solo di un errore: la carne trovata era stata regolarmente sottoposta ad abbattimento ("non congelamento", precisano) "prima della data di scadenza". E in ogni caso non sarebbe finita nei piatti dal momento che non più presente nel menu estivo. Il pesce, invece, avrebbe avuto i documenti di controllo e tracciabilità, ma sarebbe stato conservato in una cella frigo diversa da quella in cui erano i prodotti regolari. "Pertanto, pur riconoscendo il nostro errore, riteniamo immeritata la campagna denigratoria che lede l’immagine professionale nostra e di Grotta Palazzese, che ha sempre investito per offrire il massimo ai propri clienti agendo in maniera assolutamente trasparente", dicono ancora chef e vicedirettore.

Ma a finire nel mirino della guardia costiera non è stato solo il locale Grotta Palazzese di Polignano. La guardia costiera ha riscontrato inadeguatezze anche a La Tana marina di Cala Paura: qui, durante le verifiche a cucine, frigoriferi e magazzini, sono stati trovati 95 chili di pesce di vario tipo, privi delle etichette di provenienza e considerati di "provenienza sconosciuta". Il titolare dovrà pagere 1.500 euro di multa.

I controlli effettuati ai due locali non sono casi isolati. L'ispezione a cucine e magazzini di bar e ristoranti, infatti, fa parte di un piano di verifica, esteso a tutta la zona, che durante l'estate è stato intensificato. Nei prossimi giorni, gli uomini della guardia costiera svolgeranno ulteriori accertamenti, nei confronti di locali di vari livelli, soffermandosi anche su quelli più a buon mercato.

L'obiettivo delle verifiche, oltre a garantire sicurezza ai consumatori, è anche quello di sensibilizzare i ristoratori e i commercianti, per far si che i prodotti serviti nei piatti siano sempre più sicuri.

Commenti

Giorgio5819

Mar, 25/06/2019 - 11:41

Questione di cultura...

robiking

Mar, 25/06/2019 - 12:08

E pensare che per fortuna io non ci sono potuto andare, perche' era caro!!!

marck41269

Mar, 25/06/2019 - 12:48

e pensare che non ti puoi avvicinare per quanto è caro. Fate schifo. Hanno dovuto sborsare 5500 per le mancanze? In galera dovrebbero andare.

Aegnor

Mar, 25/06/2019 - 13:20

Quello che mi fa meravigliare, è che nel 2019, ancora c'è gente che va a mangiare nei ristoranti, una fregatura e uno schifo unico,non se ne salva uno, tutto scaduto, tutto riciclato, con la chimica che imperversa

vince50

Mar, 25/06/2019 - 13:22

Per una cosa che si sa,altre mille non si sapranno mai.

Ritratto di adl

adl

Mar, 25/06/2019 - 13:38

Come dice un caro amico: il sushi lo hanno inventato a Bari!!! Ma vorrei conoscere questi clienti che vanno in un costosissimo ristorante di Polignano a mare, per farsi servire codesto wagyu o bovino giapponese !!!!!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 25/06/2019 - 14:10

FATELO CHIUDERE PER 6 MESI E ELEVATE UNA MULTA PARI AD EURO 10.000 . CREDO CHE DA DOMANI ( SE FOSSE COSI') NESSUNO FAREBBE QUELLE PORCATE, SONO PORCATE VERE E PROPRIE !!!!

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 25/06/2019 - 15:05

avevo fatto un pensierino,per le ferie...mò se lo scordano!!

kallen1

Mar, 25/06/2019 - 15:53

Questi continueranno ancora perchè le multe sono un'inezia in confronto a quello che guadagnano con merce scaduta o irrintracciabile. Dovrebbero chiuder loro il locale per un mese la prima volta e tre in caso di recidiva così ci penseranno un po' prima di violare ancora la Legge

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 25/06/2019 - 16:26

Solo 5500 euro di multa? Sarebbe stato sacrosanto chiudere il ristorante per 6 mesi e comminare una multa di 50 mila euro. Nessun altro avrebbe più fatto come loro.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mar, 25/06/2019 - 18:16

Sgarra e Sgarrisi, avete sgarrato.