Poliziotto si spara alla testa davanti caserma di carabinieri

L'uomo, con pesanti problemi economici, è si è ucciso con la pistola d'ordinanza nella sua auto parcheggiata davanti alla caserma di Triggiano (Bari)

Si è sparato alla testa con la sua pistola di ordinanza Nicola Rutigliano (43 anni), l'agente di polizia di frontiera in licenza che si è ucciso davanti alla caserma dei carabinieri, a Triggiano (Bari). L'uomo è morto nell'ospedale Di Venere a Carbonara di Bari, dove lo hanno portato i militari dell'Arma subito accorsi.

Oberato da pesanti problemi economici, il poliziotto  - che avrebbe lasciato un biglietto nella sua abitazione - ha parcheggiato la sua auto davanti alla caserma e si è tolto la vita nell'abitacolo. Il colpo di pistola ha mandato in frantumi il finestrino del lato guida. Prima di raggiungere la caserma, avrebbe fatto una serie di telefonate, tra cui una al 112, annunciando il suo gesto.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mer, 03/04/2013 - 17:02

Anche questo suicida va messo sul conto dello strangolatore seriale di recente nomina a senatore a vita.

Raoul Pontalti

Gio, 04/04/2013 - 21:36

Aveva invidia dei carabinieri e così voleva dimostrare di essere più scemo di quelli delle barzellette e davanti ad una loro caserma ci è ben riuscito...