Pompei, lo sdegno sui social per il turista seduto su una colonna

La foto postata da un giovane turista francese, seduto su una colonna agli scavi di Pompei, fa il giro dei social. Unanime la condanna del gesto

A Pompei, un turista francese è finito al centro delle polemiche a causa di una foto postata su Facebook nella quale viene ritratto comodamente seduto su una colonna dell’antica città campana. Con fare beffardo e con quell’atteggiamento “leggero” di chi non si preoccupa di poter arrecare dei danni al patrimonio artistico/archeologico, il giovane, pur di avere qualche “like” in più sulla pagina personale, si è disinteressato delle conseguenze del suo deplorevole gesto e si è fatto fotografare su una colonna della Basilica degli Scavi.

Immediata la condanna da parte di addetti ai lavori e guide turistiche. L’immagine è stata segnalata al Parco Archeologico da Vincenzo Marasco, del Centro Studi Storici “Nicolò d’Alagno”, un ricercatore e divulgatore di storia locale.

“È così difficile distribuire ai visitatori con il biglietto un volantino per ricordare che Pompei non è tanto l'eccezionalità della scoperta, ma un documento della storia che va rispetto con congrui comportamenti, da esplicare con testi e vignette?”, ha commentato con ironia il professor Antonio De Simone, archeologo di fama internazionale e docente universitario; a lui si devono molte delle scoperte effettuate nell’antica Pompei durante scavi condotti tra 1980 e 1990.

I responsabili del Parco Archeologico ringraziano per le numerose segnalazioni del gesto, ed annunciano che saranno inoltrate alle autorità competenti per i doverosi provvedimenti.

Commenti

evuggio

Lun, 04/06/2018 - 13:17

una multa il cui importo lo desuada per sempre di mettere piede fuori dal suo paese che non ha saputo educarlo