Pompei, uomo armato di coltello prende turisti in ostaggio al ristorante

Una ventina di persone nelle mani di un ex dipendente dell'Alenia. I soccorritori lo hanno convinto a uscire dal ristorante

È un ex dipendente della Alenia, licenziato dall'azienda, l'uomo che questa sera ha preso in ostaggio una ventina di persone a Pompei, incluso un gruppo di turisti stranieri che erano in visita al sito archeologico.

L'uomo, identificato come il 47enne A.R., è in cura alla Asl di Casalnuovo, in provincia di Napoli. È arrivato a Pompei con la propria auto e poco prima delle 4 del pomeriggio è entrato in un ristorante di fronte alla Villa dei misteri con un coltello in mano, per poi barricarsi in cucina e minacciare di fare esplodere il locale.

Dopo mezz'ora i soccorsi, arrivati sul posto, hanno convinto l'uomo a uscire dal locale e lo hanno arrestato. Nessuno, né i dipendenti né i turisti, è rimasto ferito.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 23/02/2016 - 22:37

La disperazione di un Italiano che sara subito processato per direttissima e CASTIGATO come si deve. Fosse stato una RISORSA INVECE.....!!!lol lol Se vedum.

joecivitanova

Mer, 24/02/2016 - 01:47

La sua vita è finita, se fosse stato una risorsa invece, come dice hernando, stasera già sarebbe stato in televisione in qualche talk show, e poi da domani successo nella vita assicurato..!!.. G.