Pornostar scomparsa da gennaio. La polizia punta i sospetti su un 55enne bresciano

La polizia sospetta di Franco Mossoni, 55enne bresciano, che abitava con Federicia Giacomini e che, da febbraio 2014, è rinchiuso in ospedale psichiatrico

Ancora nessuna traccia di Federica Giacomini, sexy star scomparsa da metà gennaio. Ci sarebbero però nuovi elementi sul caso dell'attrice hard conosciuta come "Ginevra Hollander". Infatti, la polizia ha puntato i sospetti su un 55enne bresciano, Franco Mossoni, che abitava con la donna in un appartamento della città e che, da febbraio 2014, è rinchiuso in ospedale psichiatrico dopo aver fatto irruzione nel nosocomio San Bortolo vestito da Rambo e con un’arma giocattolo. Nel suo appartamento sono state scoperte balestre, coltelli, vestiti femminili e documenti appartenenti a Federica. L’uomo aveva detto di aver avuto una relazione, ormai finita, con la pornostar. Gli agenti hanno sequestrato anche l’auto di Mossoni, dalla quale - hanno scoperto - è stato tolto il sedile del passeggero, sostituito con una sedia a sdraio. Nei prossimi giorni verrà effettuato un attento esame scientifico alla ricerca di eventuali tracce di sangue o reperti biologici. Mossoni ha già scontato in passato una condanna per un omicidio, compiuto in Lombardia alla fine degli anni ’70.